• LA LISTA DELLA SPESA:
  • scorza di limone
  • uova
  • sale
  • burro
  • zucchero
  • farina
  • lievito chimico in polvere

Dopo essermi confrontata per la prima volta con un grande classico dei dolci d’Oltreoceano (se ve li siete persi, vi ricordo i miei brownies), questa volta ho deciso di dedicarmi ad un grande, grandissimo classico della pasticceria d’Oltralpe (insomma, sempre Oltre qualcosa). Chi, infatti, in una gitarella dai cugini francesi (e qui in Piemonte i suddetti cugini sono davvero vicinissimi) non ha mai assaggiato una morbida madeleine?

Certo, forse i croissants o i pains au chocolat sono più famosi (e più facili da trovare anche in Italia), ma credo di non essere ancora psicologicamente pronta a preparare per la prima volta la pasta sfoglia (e magari attenderò una stagione un po’ più fresca per tentare, eh?!). Inoltre, ho da poco ricevuto in regalato una teglia antiaderente per mini-madeleines nuova fiammante… potevo mica lasciarla intonsa?! Giammai!!! Sarebbe un’offesa mortale e un colpo duro per il mio amor proprio.

Così, alla ricerca di una ricetta per le madeleines, mi sono imbattuta in questo video, che spiega nel dettaglio (in francese) come ottenere le più classiche tra le madeleines, cioè quelle aromatizzate al limone. Ovviamente potete aromatizzarle come più credete: al caffè, al the matcha, con gocce di cioccolato, alla scorza di arancia, facendo loro un cuore di marmellata e via dicendo.

Io sono partita dalla base e, visto il risultato, continuerò a sperimentare, visto che questi dolcetti morbidi e fragranti sono perfetti per la colazione, per un piccolo spuntino che accompagni il caffè o il the pomeridiano (e le mie, essendo mini-madeleines, attenuano un po’ i sensi di colpa standard) o come piccolo dessert.

Madeleines au citron

Di
Pubblicata:

  • Resa: 48 mini madeleines
  • Preparazione: 15 minuti
  • Cottura: 10 minuti
  • Pronta In: 2 ore 25 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. In una ciotola sbattete le uova con la scorza del limone, lo zucchero e mezzo cucchiaino di sale, fino ad ottenere un composto soffice e spumoso (io l’ho fatto con le fruste elettriche). Aggiungete gradatamente la farina e il lievito setacciati e mescolate bene con un cucchiaio di legno o una spatola di silicone, in modo che il composto rimanga liscio ed omogeneo. Da ultimo, aggiungete il burro fuso freddo, mescolando sempre con la spatola (o il cucchiaio), in modo da incorporarlo per bene.
    Coprite la ciotola con della pellicola per alimenti e mettete l’impasto a riposare nel frigorifero per un paio d’ore (volendo potete lasciarlo anche per più tempo: ho letto alcune ricette che prevedono un riposo di una notte).
  2. Trascorso questo tempo, pre-riscaldate il forno a 200°C ed imburrate/infarinate la teglia per le madeleines (ovviamente se non avete una teglia antiaderente. Se non avete ancora acquistato la vostra teglia, vi consiglio caldamente di acquistarne una antiaderente o di silicone, dal momento che dovrete infornare in più volte). Tirate fuori il composto dal frigorifero e riempite ogni stampino da madeleine con un cucchiaio di impasto (azzeccare la quantità di impasto giusta è la cosa più difficile. Vedete bene dal video che ho linkato prima che l’impasto non deve nemmeno riempire pienamente la forma a conchiglia, perché il risultato sia ottimale). Rimettere il restante impasto nel frigo.
  3. Infornate in forno caldo per circa 10 minuti se la teglia è da madeleines normali (di solito con posto per 9 madeleines); se avete una teglia da mini-madeleines (di solito da 12), sappiate che impiegano circa la metà del tempo a cuocere. Seguite abbastanza la cottura della prima infornata, così da regolarvi sui tempi e per evitare che diventino troppo scure: l’importante per le madeleines è che gonfino per bene (assumendo la loro tipica forma panciuta) mentre, per quanto riguarda il colore, la doratura è concentrata soprattutto sui bordi, mentre il corpo della madeleine rimane abbastanza chiaro.
  4. Sfornate e mettere a raffreddare su una griglia. Ripetete l’operazione fino ad esaurimento dell’impasto.

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE 

Ti è piaciuto questo post?