Manie e muffins al limone e semi di papavero

Chi di voi si può dire esente da qualsiavoglia mania?!

C’è chi ha quella dell’ordine o della pulizia, chi ha quella delle scarpe, di non prestare oggetti di sua proprietà, e c’è chi ha ogni possibile mania connessa con il cibo e la cucina.

Ecco, diciamo che io rientro senza mezzi termini in quest’ultima categoria (non che sia esente da altre piccole manie ossessivo-compulsive, ma non rientrano fra quelle precedentemente elencate), e non perché abbia delle fisse particolari in materia di cibo (la definizione “onnivora” mi calza decisamente a pennello), ma perché, già da un po’ di tempo a questa parte, mi ossessiono con riviste e libri di cucina, compro compulsivamente (o mi regalano, nei casi fortunati) accessori da cucina di ogni genere e sorta (che mi siano utili, però: questo è un imperativo al quale non rinuncio) e, soprattutto, passo ore a consultare blog di cucina su blog di cucina di tutto il mondo (sia santificato Google Reader) e a segnarmi quali ricette devo assolutamente provare, creando così una wish list culinaria che non ho speranze di sperimentare nel suo intero … a meno che non inizi a prevedere 8 pasti al giorno o di ingrassare di 50 chili nei prossimi anni (tra l’altro, è la domanda che mi sento fare più spesso, da quando ho questo blog “ma com’è che non sei ingrassata?!“. Sto provando a convincere gli altri che le ricette sono frutto della cucina di mesi e mesi, e che comunque tutti mangiamo almeno due volte al giorno, ma evidentemente non se ne fanno una ragione!)… così, mi dico che devo darci un taglio, segnarmi solo le cose effettivamente interessanti o replicabili.

Ma, a rovinarmi i piani e ad allungare questa wish list che già pare la Divina Commedia ci si mettono alcuni blog: per quanto io cerchi di trattenermi, proprio non ce la fo a non mettere nella to-do-list tutto ciò che le malefiche (aka bravissime) bloggers sfornano o cucinano. E così, quando mi ritrovo di fronte a qualche creazione di Pips di Panpepato senza pepe tutti i buoni propositi vanno a farsi benedire… se inizierò a fare 8 pasti al giorno o diventerò la donna cannone, saprete a chi dare buona parte della colpa…

Ma, in tutta onestà, davanti alle sue foto limpide ed attraenti e ai suoi piatti delicati ed originali, io come posso fermarmi?! Così, quando ho visto la ricetta dei suoi muffins al limone e semi di papavero (che accompagna un’altrettanto invitante ricetta di pudding di tapioca con lamponi e rabarbaro) non ho saputo trattenermi, amando follemente tutto ciò che è agrumato e avendo una confezione di semi di papavero in cerca di utilizzo. Stavolta non mi sono però fermata alla wish list… ho poi messo in pratica, e che pratica!

Questi muffins sono semplicemente deliziosi: l’aroma di limone è deciso, ma non eccessivo, mentre lo scrocchiare dei semini di papavero sotto i denti ad ogni morso si sposa perfettamente con la morbidezza della pasta. Perfetti per accompagnare un the pomeridiano (io vi consiglio un classico Earl Grey al bergamotto, per rimanere in tema agrumato) o per una dolce e delicata colazione.

Muffins al limone e semi di papavero

Di Pubblicata:

  • Resa: 12 muffins
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 20 minuti
  • Pronta In: 30 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Pre-riscaldate il forno a 180°C.
  2. Mescolate in una terrina farina, fecola di patate, sale e lievito e lasciate da parte. In un’altra terrina sbattete le uova con lo zucchero; aggiungete poi la scorza e il succo del limone, l’olio e lo yogurt e continuate a sbattere con le fruste fino ad ottenere un composto chiaro ed omogeneo. Aggiungete gli ingredienti secchi a quelli liquidi e mescolate brevemente con un cucchiaio di legno; infine, aggiungete anche i semi di papavero. Non lavorate troppo il composto: essendo muffins, l’impasto deve comunque risultare non perfetto, un po’ grumoso.
  3. Riempite i pirottini per 3/4 (io ne metto anche un filino di più) con il composto (se non vi basta la teglia -la mia è da 12- fate due infornate e, nel mentre, conservate il composto in frigorifero) e cuocete in forno già caldo per 20 minuti, o finché i muffins non saranno leggermente dorati. Sfornate e lasciate raffreddare su una grigli

6 pensieri su “Manie e muffins al limone e semi di papavero

  1. sbav! vorrei già essere a casa per mettermi al lavoro in cucina! Stasera passo a prendere i semi di papavero e nel weekend sfornerò. Sento già il profumo, grazie cara!

    1. Addirittura la febbre da semi di papavero?! Va bene che possiamo farlo rientrare negli oppiacei, ma quello che dà dipendenza è altro 😉
      Grazie a te, cara.. e spero che ti piacciano!

  2. grazie, Giulia!! Troppo gentile 🙂 a chi lo dici degli 8 pasti al giorno, anche io vorrei poter fare tutt ciò che c’è nella to-do list in men che non si dica… Sono contenta che tu li abbia fatto e ancor di più che ti siano piaciuti! I muffins sono sempre una garanzia, no?

    1. I muffins sono davvero una garanzia: si fanno in poco, ci si può mettere qualsiasi cosa dentro, sono perfetti per colazione/merenda/dopo cena e fanno la loro porca figura anche se portati ad una cena… che si può volere di più?! Non averne mille in wish-list 😀

  3. Tesoro, viviamo la stessa condizione e le stesse preoccupazioni. Mi rendo condo di essere un tantinello sprofondata nel baratro del delirio gastronomico perchè adesso quando trascorro la mia pausa “bagno” (scusa l’indelicatezza) invece di portami Vanity Fair, mi sobbarco il volume Frolla e Sfoglia di Michel Roux e me lo leggo come un romanzo di Garcia Marquez. Sto perdendo di vista alcuni aspetti della vita normale, uno dei quali è che fra poco dovrò comprarmi un altro paio di jeans misura xl perchè non avrò più l’alibi dell’altezza a mimetizzare il volume delle cosce. Insomma, devo cercare di riprendere il controllo della situazione. Penso che non ce la farò se continuo a fissare questi muffin che ammiccano dal tuo blog. Foto strepitose. Ti abbraccio, Pat

    1. Ammetto che a quello non ci sono ancora arrivata: piuttosto “leggo” le etichette dei detersivi, ma i libri di cucina no… non credo ce la farei 😉
      Anche io utilizzo l’alibi dell’altezza e delle “ossa grosse” di solito.. ma per il momento pare che possa ritenermi esente, nonostante io mi veda e senta sempre più grassa di quello che sono: forse è perché mangio tanto con gli occhi?!
      Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook