Ok, sono arrivata alla frutta… beh, in realtà alla verdura, ecco!

Dico di essere arrivata alla frutta, perché oggi voglio condividere con voi una di quelle ricette che per me sono un chiaro indice di pigrizia pura: una di quelle ricette che preparo proprio quando sono a corto di idee, ma voglio comunque godermi un buon contorno semplice, veloce e diverso dal solito (cioè, per quanto mi riguarda, diverso dalle solite carote in padella con aglio e rosmarino, che continuo comunque ad adorare). Insomma, una volta scoperta questa ricetta su un libro di cucina araba regalatomi nella notte dei tempi, non l’ho più lasciata!

Vi sono solo tre requisiti per questa ricetta, ma tutti fondamentali: avere delle carote a disposizione, adorare il cumino (come me! Ah, cumino, I love you) e avere questa profumatissima spezia in casa (io ne avrò per i prossimi anni, dopo aver acquistato al mercato di Porta Palazzo -che, parentesi nella parentesi, è secondo me una delle tappe imperdibili di un giro a Torino- una busta da mezzo chilo di cumino da un macellaio arabo).

Se siete in possesso di tali pre-requisiti, potete andare avanti con la lettura… potete farlo anche se non ne siete in possesso, ma la cosa rimarrà priva di un’applicazione pratica.

CAROTE AL CUMINO

(ZRUDIYA BI-LKEMMUN, piatto originario del Nord Africa)

Ricetta tratta (e rielaborata) dal libro Cucina araba di Jolanda Guardi e Hocine Benchina, p. 84

Ingredienti (per 2 persone)

* olio extra-vergine di oliva q.b

* uno spicchio d’aglio

* 500g di carote (io adoro le carote, quindi ne mangio una quantità spropositata, ma potete ridurre)

* sale q.b

* pepe q.b

* cumino q.b (qui va a gusto ma, per me, due cucchiaini pieni)

* acqua tiepida q.b

Procedimento

Pelate le carote e privatele delle estremità, poi tagliatele a rondelle non troppo sottili. Mettete a scaldare in una padella un filo di olio extra-vergine di oliva e fatevi rosolare l’aglio per qualche minuto (stando attenti a non farlo bruciare). A questo punto aggiungete le carote a rondelle e aggiustate di sale, pepe e cumino. Fate rosolare per qualche minuto, finché le carote avranno preso colore, e poi aggiungete un po’ di acqua tiepida, continuando la cottura. Dopo alcuni minuti testate la cottura delle carote (io preferisco non cuocerle troppo e lasciare che rimangano un po’ croccanti) e, se necessario, aggiungete ancora un po’ di acqua tiepida: con l’aggiunta dell’acqua le carote diverranno tenere più in fretta e le spezie si mescoleranno ai liquidi di cottura, creando una salsina per me golosissima.

Quando le carote saranno cotte e l’acqua evaporata, servite il vostro contorno ben caldo, ad accompagnare un secondo di carne o di pesce.

 

 

Ti è piaciuto questo post?