• LA LISTA DELLA SPESA
  • zucchine (di preferenza chiare)
  • uova
  • sale
  • pepe
  • Parmigiano Reggiano
  • menta (opzionale)
  • farina 00
  • latte
  • olio di semi (per friggere)

Come avrete notato, tutte le ricette che iniziano con “un pigro..“, non solo sono ricettine semplici semplici, per quando proprio non avete tanto tempo o tanta voglia (ma volete comunque mangiare qualcosa di buono), ma la pigrizia coinvolge anche le mie abilità fotografiche, che già non sono quelle di Helmut Newton, ma che in questi casi proprio scompaiono.

Certe volte, come in questa occasione, è complice anche il tempismo… queste frittelle, per esempio, le ho fatte da portare a casa di amici. Non ho fatto subito le foto, e mi sono poi ricordata di scattarla durante la cena, solo in presenza dell’ultima frittella superstite, e sono ancora stata fortunata.. potevo ricordarmene quando si erano già estinte!

Insomma, la pigrizia è proprio su tutta la linea.. ma le frittelle sono buone, ed è quello che conta! Queste frittelle (o meglio, la loro ricetta) arrivano da casa del fidanzato.. la ricetta è di sua mamma, a me l’ha passata sua sorella, e la pastella l’ho fatta con la supervisione del fidanzato.. insomma, un’esecuzione ad 8 mani!

Frittelle di zucchine

Di
Pubblicata:

  • Resa: circa 20 frittelle
  • Preparazione: 5 minuti
  • Cottura: 15 minuti
  • Pronta In: 20 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Lavate le zucchine e privatele delle estremità, poi tritatele finemente, ma senza trasformarle in poltiglia: nella frittella si deve sentire la consistenza della zucchina!
  2. Mettete le zucchine tritate in una terrina, poi aggiungetevi le uova, il sale, il Parmigiano grattugiato e la menta, ed iniziate a mescolare con un cucchiaio.
  3. Poi, da ultimo, iniziate ad aggiungere a poco a poco la farina (a me ne è servita circa un etto, credo, ma non ho pesato.. sono andata ad occhio), affinché il composto diventi morbido, ma assolutamente non liquido: deve essere abbastanza denso, perché poi lo metterete a friggere a cucchiaiate.
  4. Mettete dell’olio di semi a scaldare in una padella capiente (non dovrete friggere per immersione, quindi non serve moltissimo olio). Quando sarà ben caldo (ma non troppo, altrimenti le frittelle diventeranno scure troppo in fretta), prendete una cucchiaiata abbondante di pastella e mettetela a friggere, schiacchiandola appena con il dorso del cucchiaio, in modo che non diventi rotonda, ma piuttosto sottile. Dopo un paio di minuti, girate la frittella sull’altro lato con l’aiuto di una spatola o di una pinza e fate cuocere ancora un paio di minuti. Poi toglietela dall’olio e mettetela su un piatto coperto di carta assorbente, in modo da privarla dell’olio in eccesso. Agite allo stesso modo fino ad esaurimento della pastella.
  5. Le frittelle sono buonissime calde, ma anche fredde o riscaldate: quindi, se (e sottolineo se) avanzano, non disperate, perché saranno buone anche il giorno successivo (e perfette anche da mettere nel vostro baracchino).

Ti è piaciuto questo post?