Quadrotti di mele di conforto

Oggi piove, ma forse dire che piove è riduttivo… sta diluviando, da un giorno ormai, ininterrottamente. Al momento siamo alla massima allerta su Torino e l’intero Piemonte, perché il Po potrebbe esondare, o potrebbe farlo uno degli altri numerosi fiumi della regione (e qualcuno, nella zona di Alessandria, lo ha già fatto). Siamo qui a sperare che non sia un altro 1994 o un altro 2000, che l’acqua risparmi quei territori già tanto colpiti.

Ma il pensiero va, inevitabilmente, ai vicini liguri, che prima alle Cinque Terre e poi a Genova hanno vissuto un’alluvione (purtroppo non ancora finita) uguale o peggiore (ma cercare il peggio nel peggio è un esercizio davvero malato) di quella che qui abbiamo già visto.. si vorrebbe che non accadessero più fatti del genere, nel 2011, nel mondo “civilizzato“, in città storiche sopravvissute finora ed improvvisamente a rischio, tutto per un’incuria che porta a disastri che diventano sempre imprevedibili sulla bocca dei politici (e mi domando chi ci creda ancora).

Insomma, oggi chi è nel Nord Ovest d’Italia, ma non solo qui, farà bene a stare chiuso in casa, ad evitare di mettersi in strada se non strettamente necessario, per evitare rischi inutili. Anche se è sabato, e vorremmo uscire, distrarci da una settimana di lavoro, resa più intensa per aver visto o vissuto tragedie troppo vicine al portone di casa, facciamo lo sforzo di stare a casa, guardiamo un film, leggiamo un libro, seguiamo con apprensione le notizie climatiche e domandiamoci, una volta davvero, se possiamo fare qualcosa per aiutare il nostro vicino in difficoltà. L’unica concessione ammessa è un the caldo e un quadrotto di mela, per confortarci.

QUADROTTI DI MELE

(ricetta di Marina del blog La Tarte Maison)

Ingredienti (per una teglia 20×15 circa. La mia era un po’ più grossa)

* 600 g di mele (per me 3 grosse renette)

* 60 g di zucchero

* 2 cucchiai di brandy o altro liquore a piacere (amaretto, ad esempio)

* 2 uova

* scorza grattugiata di un limone

* 80 g di farina

* 250 g di latte

* 15 g di burro

* zucchero di canna (opzionale)

Procedimento

Sbucciate le mele e tagliatele a fettine sottili; mettetele quindi in una terrina, bagnate con i due cucchiai di liquore e unite metà dello zucchero, lasciandole a marinare per circa 15-20 minuti.

Nel frattempo, preparate la pastella: in una terrina sbattete le uova con il restante zucchero, la scorza grattugiata del limone e la farina. Quando avrete un composto omogeneo, aggiungete il latte a filo, continuando a mescolare. Aggiungete alla pastella le mele (insieme al liquido di marinatura) e mescolate delicatamente.

Pre-riscaldate il forno a 200°C.

Rivestite di carta da forno (o imburrate e infarinate) una teglia rettangolare di 20×15 cm circa (come detto, la mia era un po’ più grande) e versate al suo interno la pastella. Infine, distribuite sopra una spolverata di zucchero di canna (se volete) e i fiocchetti di burro. Coprite la teglia con un foglio di carta d’alluminio e infornate in forno caldo per 30 minuti; poi togliete la copertura e continuate la cottura per altri 30 minuti. Sfornate, lasciate intiepidire e poi tagliate la torta a quadrotti.

Questo dolce è davvero buonissimo, una torta morbida che mi ha ricordato per certi versi il clafoutis (o meglio, un flognard), ma con la frutta in fettine. È ricchissimo di frutta, leggero e perfetto sia per una colazione o una merenda, ma anche per qualsiasi altra occasione in cui cercherete un po’ di conforto, climatico e non.

Con questo dolce partecipo al contest La torta d’autunno di Semplicemente pepe rosa, con in palio i fantastici premi pink-themed disponibili sul sito Mama Shabby

18 pensieri su “Quadrotti di mele di conforto

  1. eh beh.. se la ricetta è di Marina è una garanzia… e infatti, senza saperlo, ho aperto il link :)) sarà attrazione cosmica fra me e lei.. complimenti a te, che mi hai ulteriormente convinta a provarli… sembrano meravigliosi proprio…
    un bacione grande…

    1. Grazie mille, Veronica!
      In effetti la ricetta è proprio a prova di bomba! Mi ha colpito appena l’ho vista e l’ho provata alla prima occasione utile!
      Ormai sei destinata a doverli provare anche tu 🙂
      Un abbraccio!

  2. Eccomi qua!
    Scusa se ti rispondo solo adesso, ma ero a lavoro. Grazie mille per aver partecipato al nostro contest con queste delizie! Perdonami, ma devo chiederti di aggiungere anche il link allo sponsor del contest per via del regolamento. Scusami!
    Buonanotte e a presto!

    1. Ma figurati!
      Anzi, grazie a te per esserti accorta della dimenticanza e avermelo fatto notare.. e pensare che avevo pure ricontrollato i requisiti, quando ho lasciato il link sul tuo blog: ennesimo segno che sto proprio rincoglionendo! 😀
      Buonanotte e a presto, e complimenti per il bel contest, dal quale ho già tratto un sacco di idee per i miei prossimi dolci autunnali!

  3. Deliziosi i quadrotti ed interessante la ricetta, mi attira perchè ha pochissima farina 🙂
    Il tuo pensiero per le persone nostre vicine di regioni è molto delicato, speriamo che smetta di piovere e possano consolarsi tutti con dolcetti e un po’ di sole.

    1. Credimi, questi quadrotti sono davvero deliziosi: la ricetta è molto leggera (latte e uova sono le cose più grasse), pienissima di frutta e con pochissima farina. È una sorta di incrocio fra un clafoutis e una torta morbida morbida, a tratti pare persino avere una consistenza da budino… fantastico!
      Spero davvero che la situazione non degeneri (ancora).. qui in Piemonte la situazione è abbastanza stabile (se confrontata a quelle del passato), ma fatico davvero a togliermi dalla mente le immagini di Vernazza, Monteroso, della Lunigiana e di Genova dei giorni scorsi.. e forse è giusto che non ci riesca, e che continui a chiedermi se potrò fare qualcosa per davvero!
      Un bacione piovoso

  4. Anche qui piove piove piove… speriamo che non faccia danni… 🙁 certo che sarebbe stato meglio se il letto del torrente fosse stato ripulito a tempo e ora: praticamente è cresciuto un bosco… mi han detto che è tutta colpa dei tempi della burocrazia… no comment.
    Bella la ricetta con le mele! 🙂
    buona domenica

    1. Spero anche io che i danni siano limitati… incrociamo le dita, visto che ormai l’incuria c’è stata e non si può tornare indietro!
      Mi auguro sempre che si possa imparare dagli errori del passato, ma inizio a disperare… e poi, andiamolo a dire a tutti i morti che è un problema di tempi burocratici 🙁
      Buona domenica anche a te, e consoliamoci con un dolcino, va!

  5. Mi viene in mente un libro dal titolo “Confortami con le mele” è tragicamente vero che nulla fa casa, fa calore come un quadrotto di torta di mele caldo caldo =)

    1. Sono totalmente d’accordo con l’autore/autrice del libro e con te… se non rischiassi di citare una reclame di anni e anni fa… dove c’è mela c’è casa 😀

  6. Avevo già detto alla Kitty che mi piacevano da morire, e non posso fare altro che ribadirlo a te. Mi danno l’idea di budinetti morbidi e umidini che si sciolgono in bocca e lasciano la dolcezza della mela a gratificarci per l’assaggio. Un bacione e buona settimana, Pat 

    1. Ecco, fai conto che quella non è solo l’impressione, è proprio la loro essenza! Paiono davvero dei budinetti umidi e scioglievoli. Sono davvero fenomenali, un vero comfort-food 🙂
      Buona settimana anche a te, mia cara!

  7. mamma mia sono lusingata!  Ti è venuta benissimo e le foto sono molto belle, grazie per avermi scelta 😉 un bacio

    1. Grazie a te per la ricetta, davvero favolosa! E non ne ho fatta una, che già subito te ne copierei altre mille.. non si fa così, eh! 🙂
      Bacioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook