Torno alla carica con i miei post pigri.. e questo è pigro alla seconda!

Perché pigro alla seconda? In primis perché si tratta di una preparazione veloce, dietro la quale non dovrete perdere molto tempo o attenzione. E, in secondo luogo, perché una volta ottenuto il vostro dado, potrete permettervi di essere pigri per quattro-cinque mesi (questa la sua durata), ed ottenere in un secondo un brodo vegetale (per il risotto, da aggiungere a preparazioni di carne, per una minestrina se non vi sentite bene) o avere a portata di mano un insaporitore fenomenale (io lo uso spessissimo al posto del sale) fatto con ingredienti genuini, freschi e sani (ok, sembra la pubblicità di un omogeneizzato).

Credetemi, se utilizzate i dadi già normalmente, questo vi farà cambiare idea su che cosa sia un dado. Se non li utilizzate, quando avrete questo, inizierete a farlo.

Io ho imparato questa ricetta al recente corso sulle carni, e non la lascio più!

DADO VEGETALE

Ingredienti

(potete operare anche delle sostituzioni di verdure, per gusto o allergie; tenete solo fisse le quantità. Se usate molte più verdure, aumentate il sale di conseguenza)

* 200 g di carote

* 200 g di sedano

* 1 cipolla

* 1 zucchino (che non avevo, quindi ho sostituito con del porro)

* 1 pomodoro

* erbe aromatiche (per me rosmarino e alloro)

* 1 cucchiaio di olio extra-vergine di oliva

* 150 g di sale grosso

Procedimento

Mondate le verdure e tagliatele grossolanamente. Mettetele quindi a cuocere in una pentola dal fondo spesso insieme alle erbe aromatiche, ad un cucchiaio di olio extra-vergine d’oliva e al sale grosso. Lasciate cuocere, girando di tanto in tanto.

Il sale farà fuoriuscire tutta l’acqua di vegetazione delle verdure, che poi dovrà essere fatta evaporare completamente. Ad evaporazione completata, togliete le erbe aromatiche e tritate le verdure con un mixer ad immersione; mettete poi ancora sul fuoco, fino a far restringere completamente. Mi raccomando, non fate come me.. non assaggiate il dado a preparazione ultimata!

Fate raffreddare, poi mettete in un contenitore ermetico e conservate in frigorifero. Si mantiene fino a 4-5 mesi (vi consiglio, quindi, di scrivere sul contenitore la data in cui l’avete fatto, per non sbagliarvi). Vi basterà sciogliere la quantità desiderata di dado nell’acqua calda per ottenere un brodino vegetale (assaggiate sempre, prima di aggiungere altro dado, vista la sua sapidità) o aggiungerne una piccola quantità per insaporire qualsiasi piatto.

Ti è piaciuto questo post?