Oggi è l'ultimo giorno dell'anno (sono la regina delle affermazioni utili e sorprendenti), tempo di post celebrativi/memoriali e di riepilogo.

Questo 2011 mi ha portato una laurea e non mi ha portato un lavoro (o meglio, mi ha portato lavori discontinui e nemmeno minimamente collegati o degni della suddetta laurea.. e vabbè), mi ha portato via qualcosa (e solo il tempo dirà se ciò sia stato un male o un bene), ma ha portato con sé cose e persone nuove, mi ha permesso di rinsaldare rapporti, mi ha fatto riscoprire il valore dell'amicizia, della condivisione, della gioia per la felicità altrui.

Il 2011 mi ha portato questo blog (ecco, non è che me l'abbia proprio portato, ma non siamo troppo letterali), e con esso ricette, risate, nuove amicizie, confronto e follie (il panettone all'una del mattino non me lo scorderò finché campo).

Fino a ieri avrei salutato il 2011 con un bel VAFFANCULO (di quelli sonori, per giunta), per quello che mi è stato tolto, per le occasioni perdute, per le insoddisfazioni e le sconfitte. Ma poi, a mente un po' più lucida, ho riflettuto sul fatto che, come dice un amico, il bicchiere è sempre mezzo pieno, magari mezzo pieno d'aria, ma pur sempre mezzo pieno.. e allora salutiamo il 2011 con un più sereno FOTTITI (vi aspettavate un "grazie e arrivederci"?! Non mi sono addolcita a tal punto), chiedendo gentilmente (dicono che le buone maniere aiutino) al 2012 che, se può, sia un pelino meglio, ecco. Grazie.

Ma, per salutare degnamente l'anno passato, che coincide quasi anche con 12 mesi di blog, vi lascio una ricetta per ogni mese (beh, non avendo gennaio ne ho prese due da marzo.. ma cambiando l'ordine degli addendi il risultato non cambia, no?!), chiudendo con una sorta di calendario illustrato di quest'anno (se poi non gradite, l'anno prossimo creerò un calendario pornografico del mio cane, da farvi contemplare, così imparate!)

Febbraio

Babà rustico –> la mia prima ricetta con un'ode all'amicizia, un valore che ho riscoperto e che vi invito a riscoprire, per godervi ogni anno della vostra vita. Beh, anche godersi il babà rustico (perfetto anche per il Veglione) non è poi male!

 

foto di Siamodonne

Marzo

Bonet –> un classico piemontese, per le cene delle feste o per chiudere in bellezza un pranzo importante. Un tuffo nella grande tradizione del Piemonte, nelle mie radici.

 

foto di Siamodonne

Risotto 'nduja e scamorza affumicata –> un piatto che unisce il nord e il sud Italia: il nord del risotto con il sud della 'nduja e della scamorza affumicata. Un piatto che mette d'accordo tutti e che colpisce per i suoi gusti forti e ben calibrati.

 

Aprile

Strascinati con pomodorini e ricotta tosta di bufala campana –> il mio primo approccio con la pasta fresca, che adoro oltre ogni ragionevole dubbio e un tuffo nelle mie radici pugliesi. Un condimento fresco, impreziosito dalla ricotta di bufala campana, per un primo piatto semplice e strepitoso.

 

Maggio

Crostata di grano saraceno con marmellata di lamponi –> una crostata dai toni aspri e pungenti, dati dal grano saraceno e dalla marmellata di lamponi trentina, un dolce non troppo dolce, non stucchevole e adattissimo per colazione, merenda, ma anche per dessert.

 

Giugno

Brownies –> la golosità fatta a dolcetto: un tripudio di cioccolato che farà sciogliere anche i cuori più duri. Una vera e assoluta goduria!

 

Luglio

Insalata di riz rouge de Camargue alla mediterranea –> un'insalata di riso rosso dal gusto delicato e dai profumi mediterranei, perfetta per una cena fredda in compagnia.

 

Agosto

Peperoni ripieni –> il ritorno dei peperoni nella mia vita, con una ricetta favolosa, perché semplice, gustosa e completa.

 

Settembre

Muffins al limone e semi di papavero –> dei dolcini semplici e gustosi, con un grande equilibrio di profumi e consistenza. Inoltre, un vero, grande classico dei muffins made in USA!

 

Ottobre

Paste di meliga –> il mio secondo tentativo con le paste di meliga, questa volta riuscito alla perfezione (grazie ad una ricetta coi fiocchi). Una frolla montata burrosissima, che si scioglie in bocca lasciando sotto i denti il lieve scricchiolio della farina di mais. Un classico piemontese imperdibile.

 

Novembre

Cugnà –> altro mese, altra specialità "made in Piemonte", questa volta un po' meno conosciuta, ma che varrebbe la pena di conoscere (ed amare). Una mostarda di mosto d'uva arricchita di frutta fresca e secca, perfetta per accompagnare i formaggi (e per essere regalata agli amici buongustai).

 

Dicembre

Panettone –> dicembre = Natale; Natale = panettone. Un panettone delizioso, che richiede un po' di pazienza e di attenzione, ma fattibilissimo. Così potrete stupire chiunque con questa meraviglia dicendo "l'ho fatto io".. li stenderete tutti!

 

Con questa carrellata di foto e ricette chiudo questo 2011 di blog, e mi auguro di cuore di rivedervi ancora qui l'anno prossimo!

E, come si dice da questa parti, BUONA FINE E BUON INIZIO!

Ti è piaciuto questo post?