Oggi nessuna ricetta, ma un’idea, un’idea che non è mia, ma che ho deciso di sposare, perché è un evento bellissimo, che è già riuscito e che riuscirà ancora a mettere in risalto l’eleganza e la bellezza della città che più amo al mondo, la MIA città, la splendida Torino.

Torino per una sera si vestirà di bianco (letteralmente) per una Unconventional dinner, si siederà a tavola, mangerà e berrà, rigorosamente bene (questo me lo auspico io), per un evento all’insegna di 4 E, Educazione, Estetica, Eleganza ed Etica.

Le regole sono poche, ma buone e belle, e le copio direttamente dalla e-mail di conferma che mi è giunta dall’organizzatrice (cioè Antonella Bentivoglio d’Afflitto, a cui va un immenso grazie per l’impegno e lo sforzo organizzativo immagine).

Per partecipare, è necessario:

– inviare la propria adesione all’indirizzo e-mail [email protected]com con nome e cognome (indicare cortesemente il riferimento email ed il nome e cognome di ogni partecipante). Grazie se potete dirci se avete già partecipato l’anno passato e come siete venuti a conoscenza dell’evento. Aderendo ci si impegna a rispettare le grandi E che caratterizzano questa iniziativa: Etica, Eleganza, Educazione, Estetica. E’ un’occasione per stare tutti insieme a tavola serenamente.

Invito Ospiti Unconventional Dinner in bianco Torino 2013

 

Mi permetto di definire invece auspicabile, poiché ovviamente è indirizzato solo a chi possiede un account su Facebook

– iscriversi alla pagina facebook e grazie se potrete iscrivere alla pagina contatti ed amici e divulgare l’iniziativa

– iscriversi al gruppo su facebook e grazie se potrete iscrivere e diffondere la pagina ai vostri amici e contatti

Per la cena in bianco vera e propria, le regole e le indicazioni sono queste:

– la data sarà ad inizio estate, non prima della metà di giugno e non dopo la metà di luglio…

data e location (il luogo sarà in Torino e non fuori Torino) saranno comunicati via mail alle mail da cui avrete dato adesione e sulle due pagine di facebook

– ognuno dovrà portare seggiole o sgabelli non per forza bianchi, tavoli o cavalletti con plancia (nel calcolare i posti a tavola tenete conto dei posti considerando che i tavoli verranno messi tutti in fila uno dopo l’altro e non esisteranno quindi spazi per le persone a capotavola ma solo una seduta di fronte all’altra), tovaglia di tessuto bianca, vivande da casa, tovaglioli in tessuto, piatti di ceramica, posate, bicchieri di vetro, solo vino ed acqua

no carta, no plastica, no lattine

– centrotavola di fiori o candela o lanterna o pila/lucina

dress code color White

non dimenticate il sacchetto per i rifiuti (ognuno smonterà il tutto e si impegnerà a portare via in un sacchetto eventuali rifiuti che poi metterà negli appositi cassonetti in Città )

– per il tipo di location e date le tante ceste con le vivande appoggiate a terra ed essendo presenti anche neonati e bambini si prega cortesemente e gentilmente di non portare con se cani ed animali

– ognuno sarà responsabile della propria presenza, delle proprie cose, del proprio allestimento, del proprio smontaggio

 

… Insomma, una cena responsabile e serena, un’occasione per stare insieme, per condividere, per vivere la città in un modo diverso.

I contatti ve li ho lasciati, i riferimenti anche (ma c’è anche twitter, @cenainbiancoto), ovviamente avrete intuito che io ci sarò, e spero che ci vedremo là.

Una precisazione: le uniche cose che possono non essere bianche sono tavoli/sedie e le vivande ma, inutile a dirsi, io sto studiando un menù total-white, perché questa cena sia all’insegna di questo colore in tutto e per tutto.

Per finire, vi saluto rinnovando l’invito a partecipare e a rifarvi gli occhi con le foto scattate l’anno scorso dai partecipanti, qui.

BANNER POLAROID

Ti è piaciuto questo post?