Amore a prima vista – Panini laugenbrot

Alcune ricette mi ammaliano, come il canto delle sirene: la prima volta in cui le vedo dico “ma sì, poi”, e poi le vedo una seconda, e già tentenno “eh, però, sarebbero perfette per quella cena” (che naturalmente è imminente), cerco già una giustificazione, un pretesto.

Alla terza volta ho già agguantato gli ingredienti, e indietro non si torna.

Il mio amore per i brezel era già consolidato da tempo: mi sono piaciuti al primo assaggio, un souvenir dall’Alsazia in tempi non sospetti, poi li ho amati in un freddo febbraio a Monaco di Baviera, la mia abitudine nei tre giorni trascorsi lì, sbocconcellati nella Ubahn al mattino, tagliati a metà e spalmati di burro.

Così, inebriata da quel ricordo, li ho rifatti per un Oktoberfest fai-da-te e, dopo una lunga attesa, mi sono ricongiunta con loro a Berlino, dove per una settimana sono stati il mio appuntamento fisso quotidiano.

Ma i laugenbrot non li avevo mai assaggiati.. eppure al primo sguardo sapevo, ero certa che li avrei amati, soprattutto sapendoli fratelli minori dei brezel, con i quali condividono la crosticina scura e croccante; ma il cuore di questi paninetti è morbido morbido, ammiccano ai panini semi-dolci, e quindi perfetti per essere farciti e presentati ad un buffet, ma anche semplicemente preparati per la gioia di portare a tavola un pane nuovo, di cui ci si è innamorati a prima vista. Al cuor non si comanda, si sa.

Per la ricetta mi sono affidata ad una garanzia in fatto di lievitati, Paoletta di Anice & Cannella

Laugenbrot forno blog

Panini laugenbrot

Di Pubblicata:

  • Resa: 22-24 panini (35-4 grammi ognuno)
  • Preparazione: 20 minuti
  • Cottura: 20 minuti
  • Pronta In: 1 ora 40 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Sciogliete il lievito nell'acqua insieme allo zucchero. Setacciate le farine in una ampia terrina e in un angolo versate l'acqua e il lievito, mescolate con poca farina fino a formare una pappetta e coprite il tutto con la farina rimasta, quindi lasciate riposare per 30 minuti circa. Nel frattempo, tirate fuori il burro e lasciatelo a temperatura ambiente.
  2. Trascorso questo tempo, il composto diventerà schiumoso. A questo punto iniziate ad impastarlo (a mano, o nell'impastatrice), aggiungendo anche il burro a pezzetti e, infine, il sale. Lavorate l'impasto per circa 20 minuti (l'impasto è piuttosto morbido, ma non aggiungete farina). Fate un palla e mettetela a riposare in una ciotola coperta per 30 minuti.
  3. Dividete l'impasto in circa 22/24 pezzi (35-40 grammi ognuno e formate delle palline, che lascerete riposare sulla spianatoia mentre portate ad ebollizione l'acqua con il sale ed il bicarbonato.
  4. A questo punto, immergete 4 o 5 panini per volta nell'acqua bollente e fate cuocere per 30 secondi, quindi scolate e disponete i paninetti direttamente sulla placca del forno coperta di carta forno. Quando sono ancora bagnati spolverateli, se gradite, con sale grosso, semi di sesamo, papavero o zucca, e proseguite allo stesso modo fino ad esaurimento.
  5. Pre-riscaldate il forno a 210° C. Quando il forno è in temperatura, praticate dei tagli sulla superficie dei panini e mettere a cuocere per circa 20 minuti.

Laugenbrot finale blog

 

21 pensieri su “Amore a prima vista – Panini laugenbrot

  1. amorevolissime piccole rotondità 🙂
    Fanno quasi voglia da inzuppo nel caffé-latte … dici troppo pulp forse???
    Buona giornata e a presto

    1. Pulp?! Macchè! Secondo me, se si evita la guarnitura finale di semi o sale grosso, questi con burro e marmellata sono una libidine, proprio per il contrasto dolce/salato!!

      A presto,
      Giulia

  2. Una di quelle ricette che mi incantano e mi riprometto di preparare e poi per qualche motivo non ho ancora fatto. Mi fai venire una voglia…

    1. Anche io li puntavo da tempo immemore.. poi li ho provati e nella testa c’è stato spazio per una sola domanda: “perché ho aspettato così tanto?!”

      A presto
      Giulia

  3. Non ci crederai ma li ho fatti anche io sabato perché li avevo adocchiati da un po’!!! Ho però utilizzato lievito madre.
    Ma quanto sono buoni!!!

    Bacioni
    Silvia

  4. è chiaro che qualcuno da un paio di settimane ha acceso i ventilatori giganti e sta diffondendo profumo di laugenbrot ovunque.. perchè anche io stavo meditando di farlo. Paoletta è una super garanzia, che dire…..m-i-t-i-c-a.
    bacio!

    1. Hai proprio ragione, qualcuno ha acceso i super-ventilatori, ché l’aria di laugenbrot è proprio ovunque!
      Beh, se li provi poi dimmi che non sono solo io a considerarli una droga 😉 Buona serata

      Giulia

  5. laugenbrot li adoro li mangio tutto il mese di giugno che sono in campeggio in Austria li fanno della lunghezza dei panini o anche con altre forme sono super delizioni anche mangiarli cosi senza alcun accompagnamento. Belli e perfetti i tuoi. Buona settimana.

  6. Ho provato una volta a farli, una fregata pazzesca. Buttato tutto, ma non mi ero affidata alla ricetta di Paoletta che, a quanto vede, è perfetta! Modalità buffet innescata 🙂

    1. Questa ricetta è a prova di bomba.. la prossima volta credo ridurrò il lievito ed aumenterò i tempi di lievitazione, ma è già perfetta così (e pure veloce da fare, nel caso)!

      I buffet non ci fregano più 😀

    1. Provali, provali.. ma io ti avviso che creano dipendenza!!
      Il merito non è mio, ma della mitica Paoletta.. con lei ogni lievitato è una garanzia!!

      A presto,
      Giulia

  7. E’ vero, i bretzel sono divini e questi panini sono invitantissimi e ora me ne hai fatto venire voglia anche a me! Argh! 😀

    Fabio

  8. Ciao, anche io sono molto… “a prima vista” con le ricette, me ne innamoro e restano lì, sospese tra una cosa da fare e una da sognare, e poi solitamente prendono forma nella mia cucina. Questi panini, per una che ama come me panificare, sono un vero pretesto per provare: mi piacciono molto 🙂
    Mi sa che prendo spunto

    Pecorella di Marzapane

    1. Eh eh, Tiziana, io praticamente ormai ho una to do list di ricette che vorrei provare.. me ne innamoro al primo sguardo, ma magari prima di realizzarle passano mesi.

      Il merito di questi panini non è mio, ma sono felicissima che tu voglia provarli!!
      A presto,
      Giulia

    1. Ah, devi sapere che questi sono una droga! Fanne tanti perché spariscono come niente… e se li tagli e li farcisci scompaiono ancora prima 😀
      Un bacione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook