• LA LISTA DELLA SPESA
  • aglio
  • cipolla
  • prezzemolo
  • olio extra-vergine di oliva
  • trippa e millefoglie
  • sale
  • vino bianco
  • polpa di pomodoro
  • peperoncino
  • pepe nero
  • basilico
  • Parmigiano Reggiano (o pecorino romano)

Faccio outing: io amo la trippa.

La amo da sempre, la adoravo anche da piccina, specialmente con le patate che andavano ad assorbire tutto l’intingolo rossastro in cui aveva cotto la carne.

E la amo, forse ancor di più, oggi, a gusti ormai formati, e attendo la serata trippa come si attende un giorno di festa.

Per questo, quando ho scoperto che la sfida dell’MTC scelta da Cristiana verteva sul quinto quarto, ho gioito, e ho saputo fin da subito quale sarebbe stata la mia ricetta per la sfida.

C’è un errore nella frase precedente, e sta in quel mia.. questa ricetta, infatti, è dei nonni del mio compagno, Nila ed Ermete, toscana dell’Elba lei, romano lui, e la loro trippa è ormai per me un vero avvenimento. Lo è perché quella cena (sempre rigorosamente di giovedì) si programma con settimane di anticipo e perché ogni cena è motivo di aggiustamento delle dosi, alla ricerca della quantità perfetta che, chissà perché, è sempre in aumentare (è così buona che siamo arrivati a programmare un prossimo di acquisto di 2,5 kg di trippa per 5 persone.. non ci giudicate, voi non sapete).

La ricetta, quindi, è la loro, ed ho scoperto che è impossibile affermare se sia una preparazione alla toscana o alla romana, a meno di non originare una sanguinosa faida famigliare. Accontentatevi quindi della mia definizione, “tosco-romana”, e di sapere che è davvero una delle trippe più buone, morbide e succulente che io abbia mai assaggiato, e sappiate gustare insieme a me, oltre a questo favoloso piatto, la fortuna di poter apprendere le ricette tradizionali dalla viva voce dei nonni, che non saranno i miei, ma ormai è proprio come se lo fossero.

 

Trippa blog

Trippa tosco-romana

Di
Pubblicata:

  • Resa: 5-8 Persone servite
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 4 ore 0 minuto
  • Pronta In: 4 ore 30 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Tritate finemente aglio, cipolla e prezzemolo, quindi fate rosolare in abbondante olio extra-vergine di oliva in un grosso tegame fino a doratura.
  2. Aggiungete quindi la trippa (precedentemente bollita e tagliata a pezzetti) e fatela rosolare bene a fuoco dolce, mescolando spesso, quindi salate.
  3. Quando l’acqua formatasi sarà evaporata, sfumate con il vino bianco.
  4. Quando il vino sarà completamente evaporato, aggiungete la polpa di pomodoro, quindi il peperoncino, il pepe nero macinato e qualche foglia di basilico. Assaggiate e, se necessario, aggiustate di sale.
  5. Continuate la cottura a fuoco lento per almeno 2 ore, ma 4 ore è il tempo perfetto.
    Durante la cottura, se vedete che il sugo si rapprende troppo, aggiungete un pochino di acqua.
  6. A fine cottura, aggiungete un paio di cucchiai di Parmigiano Reggiano (o pecorino romano) grattugiato, mescolate e spegnete il fuoco.
  7. Fate riposare almeno un’oretta, quindi riscaldate e servite.
  8. Servite ben calda, aggiungendo in ogni piatto ulteriore Parmigiano o pecorino grattugiato.
    Non fate mancare abbondante pane in tavola e del vino rosso corposo per accompagnare.


Trippa finale blog

Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 38
Ti è piaciuto questo post?