Primavera a colazione – Torta rustica alle ciliegie

Io adoro la colazione, che è forse il mio pasto preferito in assoluto (e sono certa di avervelo già detto più e più volte). E, fra i dolci da colazione, un posto speciale lo occupano le torte da credenza, torte semplici, morbide e confortanti, qualcosa in cui tuffarsi al mattino per trovare le energie necessarie ad affrontare la giornata.

Sono sempre alla ricerca di nuove torte per la colazione, specialmente di torte con basso contenuto di grassi, così quando ho visto la torta rustica alle fragole da Marina è scattato il colpo di fulmine. Nel giro di qualche giorno, infatti, l’ho subito riproposta, facendo però qualche “piccolo” cambiamento: niente fragole, ma ciliegie (e in gran quantità), e niente farina integrale, che non avevo in dispensa, ma farina 00 e farina di grano saraceno.

Il risultato è una torta soffice, umida, ricca di frutta dolce ed acidula insieme. Una avvertenza: pur  essendo una torta da credenza, non si conserva molto a lungo, data la presenza della frutta, quindi consumatela nel giro di 3-4 giorni al massimo.. ma non credo che sia un consiglio molto difficile da seguire.

Torta rustica alle ciliegie blog

Torta rustica alle ciliegie

Di Pubblicata:

  • Resa: 1 torta quadrata 20x20cm (oppure tonda da 20cm)
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Pronta In: 60 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Per prima cosa lavate le ciliegie, privatele del picciolo, quindi denocciolatele e tagliatele a metà. Questo è senza dubbio il lavoro più lungo e noioso.
  2. Preriscaldate il forno a 180°C.
  3. Mescolate la farina 00, quella di grano saraceno, il lievito, il bicarbonato e il sale in una terrina.
  4. In un'altra terrina sbattete con le fruste zucchero e yogurt fino ad ottenere un composto omogeneo, quindi aggiungete un uovo alla volta e continuate a montare.
  5. Unite quindi a poco a poco gli elementi solidi precedentemente mescolati nella seconda terrina, 2/3 delle ciliegie ed infine la farina di mais.
  6. Versate l'impasto in una tortiera quadrata 20x20 cm (oppure tonda di 20 cm di diametro) precedentemente imburrata e infarinata (oppure rivestita di carta forno).
  7. Distribuite sulla superficie le restanti ciliegie, quindi infornate in forno già caldo per 30-40 minuti (fate la prova dello stecchino).
  8. Sfornate, fate raffreddare completamente, quindi sformate, tagliate a cubetti e, se gradite, guarnite con dello zucchero a velo.

Torta rustica alle ciliegie finale blog

22 pensieri su “Primavera a colazione – Torta rustica alle ciliegie

  1. Secondo me in si incontrano problemi di conservazione, mi sembra una di quelle torte che a casa nostra sparisce in un battibaleno!Anch’io amo molto i dolci semplici e morbidi come questo. un abbraccio, Chiara

    1. Sai, io lo dico per precauzione che la torta non dura più di un tot, perché anche secondo me il rischio nella realtà mica esiste 😉

      Un abbraccio,
      Giulia

  2. Con questo post mi hai fatto rendere conto di una cosa: è già tempo di ciliegie!!! E a una torta con le ciliegie non si dice mai di no 🙂

    1. Eggià!! E già tempo di ciliegie! Io me ne sono accorta quando me le sono ritrovate attaccate alle mani in una delle mie ultime incursioni al mercato rionale.. impossibile resistere, solo che poi nature le mangio solo io, e così sono finite presto presto in una torta, spazzolata in un battibaleno 🙂
      Un bacione,
      Giulia

  3. Anch’io amo la colazione…mi piacerebbe ogni tanto fare una colazione tipo Mulino Bianco per intenderci e godermela tutta…ma lasciamo stare..da me non succede mai…tre figli…un cane…e anche un marito…come si fa!!! Che buona questa torta..non credo ci sia il problema della durata…qui non durerebbe affatto neppure fino al giorno dopo…amo la farina di grano saraceno e le ciliegie alla follia….ma sono a dieta…altro problema!!!

    Un abbraccio
    monica

    1. Ti capisco.. non ho figli e ho solo cane (e compagno), ma non so da quanto tempo sia che non riesco più a concedermi una colazione da Mulino Bianco, visto che qui anche i sabati e le domeniche sono lavorativi :/
      Chissà, magari in vacanza?!
      Però c’è un lato positivo, questa torta va bene anche da dieta.. niente burro (se usi la carta forno nemmeno per ungere la teglia), niente olio, solo yogurt (per me pure magro) e taaaanta frutta (forse, nel mio caso, persin troppa.. ma mi sono fatta prendere la mano).
      Io dico che un piccolo pezzo di Mulino ce lo strappiamo 😀

      Un abbraccio,
      Giulia

  4. lo sai che sulla colazione anche per me non si discute! credo che se facessimo colazione insieme dudrerebbe fino al pomeriggio! 😀
    buonissima proposto oggi! mmmmm!
    non c’è burro?!?!? altro che 4 giorni giulietta!!!! così leggera con me davanti duerebbe 2 mattine al massimo! giurin giuretta!

    1. Ebbene sì, niente burro, niente olio, solo yogurt.. leggerissima eppure molto gustosa e rustica.
      Sai, io ho preferito mettere le mani avanti, ma non è che da me sia durata molto di più 😉

      Bacioni
      Giulia

  5. Grazie per la ricetta con la farina di grano saraceno… è lì che mi guarda da un po’ visto che non sto più panificando. Qui la torta difficilmente durerà un giorno, figuriamoci tre o quattro!

    1. Devo dire che nemmeno qui è durata molto di più.. però la prudenza non è mai troppa, nel dare indicazioni 😉

      Qui non ho usato molta farina di grano saraceno, ma se ti serve fartene fuori un po’ di più ho una crostata che fa al caso tuo!
      A presto,

      Giulia

  6. Lo sai che ho segnato tra le preferite la stessa torta di Marina e proprio ieri sera, rivedendola, avevo pensato che sarebbe stata ottima anche con le ciliegie? Adesso che l’hai provata tu ho avuto la conferma! Mi piace quando una ricetta colpisce più palati e più occhi, come in questo caso! Non mi resta che provarla… presto… 🙂

    1. Non c’è nulla da fare.. per me le torte leggere e rustiche finiscono tutte nei preferiti, tanto lo so che prima o poi le provo!
      Però alcune mi colpiscono a tal punto che devo provarle al più presto, e per questa è stato proprio così. Poi ho fatto i miei cambiamenti, e devo dire che non mi sono pentita, nonostante mi sia fatta prendere la mano con la frutta.
      Però fidati, è buonissima, perfetta per la colazione o per una confortante merenda.
      Comunanza di occhi ed intenti, magari anche di stomaci 😉

      Giulia

  7. Anche a me piace moltissimo la colazione. Spesso però si fa di corsa, e mi piace invece quando la si fa con calma e concedendosi un bel dolce come questo, gustoso e saporito, per iniziare el migliore dei modi una nuova giornata.

    Fabio

    1. Il guaio della colazione è proprio la fretta, che ormai mi ha contagiato anche nel week-end, lavorativo.
      Almeno mi consolo con un dolcino fatto in casa, e sogno colazioni che durino ore e ore 🙂

      Giulia

  8. Tesoro mamma che buona questa torta… io dico che sarebbe perfetta anche come dessert, accompagnata da una bella cremina che dici? poi l’utilizzo del grano saraceno mi ha incuriosito… mai utilizzato in un dolce… idea geniale che spero di provare presto.. ti lascio un abbraccio grande:**

    1. Ah beh, se ci metti una bella cremina voluttuosa, perché no?! È pronto il dessert!
      A me piace molto il grano saraceno nei dolci.. ci preparo la crostata, che è perfetta con la marmellata di frutti rossi, e ogni tanto la aggiungo negli impasti delle torte per renderle più rustiche. Il suo sapore tostato e la consistenza che si sente sotto i denti mi piace da morire!

      A presto,
      Giulia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook