Non solo “cacio e pere” – Gelatina di melograno all’aceto balsamico tradizionale di Modena D.O.P

Giusto qualche post fa vi raccontavo delle origini del detto “al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere” e di quanto effettivamente sia felice il loro matrimonio, e ora son già qui a smentirmi..

Vabbè, smentirmi, diciamo che spezzo una lancia a favore della teoria che un amore felice non ne escluda necessariamente altri. E così, se è vero che cacio e pere si ameranno nei secoli dei secoli amen, secondo me cacio e melograno possono tranquillamente avere una relazione parallela.

Se poi al melograno aggiungiamo qualche goccia di aceto balsamico tradizionale di Modena D.O.P, magari buonissimo ed intenso da sembrare vin cotto come quello dell’Acetaia La Tradizione, allora capirete anche voi che il matrimonio con il formaggio, specialmente quello stagionato, è quasi scritto nel destino.

Ecco così che vi propongo la mia gelatina di melograno con aceto balsamico tradizionale, perfetta per accompagnare formaggi stagionati (io ho scelto un Parmigiano Reggiano 36 mesi) e come regalo home-made in vista del Natale (considerando anche che il melograno è un frutto benaugurale).

Non so se ve ne siete accorti, ma è la seconda volta in due post che parlo del Natale (qui il liquore al bergamotto, se ve lo foste persi).. io fossi in voi comincerei ad avere paura, del Natale alle porte, mica di me!

Gelatina di melograno blog

Gelatina di melograno all'aceto balsamico

Di Pubblicata:

  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 60 minuti
  • Pronta In: 2 ore 0 minuto

Ingredienti

Istruzioni

  1. Per prima cosa sgranate i frutti di melograno, facendo attenzione ad eliminare tutta la pellicina bianca (che risulterebbe amara). Ricavate ora il succo di melograno o utilizzando una centrifuga oppure con il passaverdure. Dovreste ricavarne circa mezzo chilo.
  2. In una pentola dal fondo spesso, mettete il succo di melograno, unite lo zucchero (in pari peso) e cuocete a fuoco medio-basso, mescolando di tanto in tanto, per circa un'ora, o fino a quando la gelatina non avrà la consistenza desiderata (fate la prova del piattino: versate un cucchiaino di gelatina su un piattino, e fate raffreddare per testarne la densità; per me non deve essere troppo densa).
  3. Spegnete il fuoco, aggiungete qualche goccia di aceto balsamico di Modena, mescolate rapidamente ed invasate la gelatina ancora bollente (in piccoli vasetti, più adatti a questo tipo di preparazione). Girate i vasetti sotto sopra perché si formi il sottovuoto e conservate in luogo fresco e asciutto.

Gelatina di melograno finale blog

Con questa ricetta partecipo al contest di Cucina Semplicemente

contestDOP

e al Gluten Free (fri)day

ilove-gffd

8 pensieri su “Non solo “cacio e pere” – Gelatina di melograno all’aceto balsamico tradizionale di Modena D.O.P

  1. Ho scoperto anche io da poco le mille sfumature della melagrana e di come si possa sfruttare bene in cucina, ma questa gelatina è davvero superlativa, mai avrei pensato potesse abbinarsi bene ai formaggi: devo provare!

    1. La melagrana è un frutto che così, in purezza, non amo particolarmente.. mi stufo di mangiarla dopo qualche chicco! Ma ho imparato ad apprezzarla in cucina, sia in piatti di carne, sia nelle confetture. E questa gelatina ha stupito anche me. In una prima versione era solo melagrana, poi ho provato ad aggiungere anche il balsamico, e devo dire che il matrimonio è riuscito. Coi formaggi, poi, è proprio la fine del mondo 🙂

    1. Hai fatto bene a non togliermi la sorpresa.. mi hai lasciato a bocca aperta! Nemmeno ci fossimo messe d’accordo! Che ti devo dire, ci stiamo mica sintonizzando? 😀
      A presto!!

  2. mi chiede se mi è piaciuto… accidenti se mi è piaciuto, davvero splendida, questa gelatina! e concordo, cacio e pere è buonissimo, ma sono disponibilissima al tradimento per le melagrane 😉

  3. Ecco, io adoro il melograno, non in purezza, quanto meno non come frutta da mangiare a fine pasto, ma in abbinamento ai salati, ma anche ai dolci, mi fa impazzire.
    Ed effettivamente bisognerebbe cominciare a pensare al natale… che è già alle porte… ma qui fa ancora caldo e l’atmosfera natalizia non si sente per niente…

    1. Anche io come te.. non lo amo così, in purezza, ma trovo che sia eccezionale in abbinamento a piatti dolci e salati. E ora che ho scoperto anche la gelatina, grido al miracolo, e penso al Natale (che qui sicuramente mi vien più facile che giù) 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook