I muffin di Marsiglia per l’MTC – Pastis, mandorle, fichi secchi ed uva passa

Questa volta bisso, con l’MTC.. impossibile resistere alla tentazione di proporre un altro muffin ispirato!

Ma se l’altra volta era stata Parigi a contagiare i miei muffins, questa volta mi sono spostata verso il mare, verso la Provenza, e nei miei muffin ho voluto che si respirasse l’aria “carica di odori” e le genti diverse che popolano Marsiglia, non una Marsiglia qualsiasi, ma quella raccontata da Jean-Claude-Izzo. In particolare, questi dolci si ispirano all’ultimo libro della trilogia marsigliese di Izzo, “Solea“, quello che più mi è piaciuto dei tre e nel quale mi è parsa più vivo e vibrante il racconto di Marsiglia, anch’essa protagonista di questo splendido e struggente romanzo.

Marsiglia, che io trovo abbia un fascino simile a quello di Napoli e di Genova, nei libri di Izzo non è lo sfondo sul quale si dipanano le vicende raccontate, è la cornice che diventa parte del quadro, il presupposto imprescindibile, senza il quale alla storia e ai personaggi mancherebbe qualcosa. La Marsiglia che si legge nelle pagine di “Solea” è patetica e poetica, senza speranza eppure alla ricerca di un riscatto, è sole ed ombra, è cibo e musica.

Il cibo nei romanzi di Izzo è un protagonista, perché il cibo occupa un ruolo importante nella vita del protagonista Fabio Montale, figlio di italiani, un eroe-antieroe figo e sfigato, donnaiolo impenitente e reietto dell’amore, che nel secondo libro della trilogia, “Chourmo”, afferma “[…] e poi adorava mangiare, e per me era essenziale. Non do nessuna fiducia a chi mangia poco e qualsiasi cosa“.. e io insieme a lui.
In questi libri è facilissimo imbattersi nella ricetta dell’orata ripiena ai finocchi, leggere di tapenade e di soupe au pistou, sognare i piatti greci e turchi e italiani che affollano i locali di Marsiglia frequentati da Montale, o sentire la gola secca a forza di “veder” sorseggiare vini di Provenza e Pastis.

Quello stesso Pastis che, per me, si lega ad una tradizione che sa anche di casa (lo sapevate che l’abitudine del pastis all’ora dell’aperitivo è anche piuttosto diffusa in Piemonte?), oltre che al ricordo di uno splendido viaggio on-the-road in Provenza e Camargue.

Per questo, per la duplice importanza del Pastis per Fabio e per me, sono partita dall’idea che questo alcolico dall’inconfondibile sapore di anice (che all’aperitivo di allunga con acqua e ghiaccio) dovesse fare la parte del leone nei miei muffins marsigliesi, lasciando una chiara traccia della sua presenza. Ma, al contempo, volevo che fosse percepibile l’anima profondamente mediterranea e multietnica di Marsiglia.. e così ho scelto di mettere l’olio extra-vergine, le mandorle siciliane, i fichi secchi greci (che non erano secchi come li intendiamo noi, a volte fino a parer rinsecchiti, ma conservano ancora tanto del rosa e del carnoso del frutto fresco) e l’uvetta turca.

Ho amato moltissimo il sapore e la consistenza di questi muffin, così come ho amato la Marsiglia di Izzo e Fabio Montale.

Sono in cammino verso la gente del mio silenzio. Lentamente, verso coloro presso cui posso tacere. Verrò da lontano, entrerò e mi siederò. Vengo a prendere quel che mi serve per ripartire

Vi lascio con questa frase tratta da “Solea” ma, mutatis mutandis, se volete prendere un muffin prima di ripartire, siete miei graditi ospiti.

Muffin al pastis blog

Muffins al Pastis, mandorle, fichi secchi ed uva passa

Di Pubblicata:

  • Resa: 12 muffins medi
  • Preparazione: 20 minuti
  • Cottura: 20 minuti
  • Pronta In: 40 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Mettete il pastis in una ciotolina e mettevi a bagno l'uvetta per circa 10-15 minuti. Quindi strizzatela (tenendo da parte il pastis, che vi servirà)
  2. In una terrina mescolate gli ingredienti secchi: farina di mandorle, farina 00, lievito, bicarbonato, zucchero, sale, fichi secchi e uvetta.
  3. In un'altra terrina sbattete le uova con l'olio, quindi aggiungete il pastis, il latte e mescolate ancora.
  4. Versate gli elementi liquidi in quelli solidi e mescolate con un cucchiaio di legno per 10-11 volte (l'impasto deve rimanere grumoso).
  5. Riscaldate il forno a 200°C
  6. Preparate una teglia da muffin inserendovi i pirottini. Versate l'impasto negli stampi fino a 3/4.
  7. Se gradite, decorate con delle lamelle di mandorle, quindi infornate, abbassate il forno a 180°C e cuocete per 15-20 minuti (fate la prova stecchino).
  8. Sfornate, aspettate 5 minuti prima di sformare, quindi lasciate raffreddare completamente su una gratella prima di consumarli.

Muffin al pastis pp blog

Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 43

banner

9 pensieri su “I muffin di Marsiglia per l’MTC – Pastis, mandorle, fichi secchi ed uva passa

  1. Golosi e profumati, come piacciono a me.
    Tanti libri non li ho letti presenti in questa sfida, e questo è uno di quelli, ma gli aromi che hai saputo ricreare mi sembra di sentirli aleggiare solo leggendo.
    Chissà che bontà all’assaggio!

  2. Li sto immaginando, questi muffins multietnici, e sono sicura che mi piacerebbero moltissimo.
    Dell’abitudine di consumare il pastis all’ora dell’aperitivo ne so qualcosa: qui nel saluzzese, dove abito da qualche anno, dopo le 6 di sera (e talvolta anche prima) scorre letteralmente a fiumi. Ho il dubbio che da queste parti siano dotati di un enzima “extra”…

  3. Complimenti per la scelta del libro..quando ho letto gli ingredienti e la parola Marsiglia ho avuto un brivido e ho pensato “sia mai che qualcun altro è un amante di Izzo?”
    Un autore poco conosciuto, ma che da sensazioni che pochi altri sanno dare e, soprattutto, è di quelli che mettono la loro città dentro, fuori e tuttintorno al romanzo.
    Ti consiglio anche Marinai perduti, un’altra perla di un autore misconosciuto ma meraviglioso.
    ..e complimenti anche per i muffins, per ricreare l’atmosfera della Marsiglia di Fabio Montale

  4. Avevo conosciuto questo romanzo, il protagonista e l’autore da Afrodita’s Kitchen, qualche post più in giù 🙂 anche lei come te rapita dalle atmosfere uniche di Marsiglia, dal ritmo della scrittura di Izzo e dalle avventure di Fabio. Rileggerlo qui me lo fa scoprire ancora meglio, leggere la tua passione per questo romanzo e il modo in cui lo hai interpretato attraverso i tuoi muffins è stato bellissimo.
    Il pastis non l’ho mai assaggiato, ma conosco bene i profumi dell’anice, che nei tuoi muffins si mescola meravigliosamente con gli elementi mediterranei che hai scelto, sia i fichi che le uvette, e con l’olio d’oliva, scelta perfetta qui.
    Una cupoletta da manuale e un’interno soffice come una nuvola completano questo tuo contributo eccellente!
    Grandissima Giulia!! grazie infinite.

  5. Mi piacciono questi muffin Giulia!
    Anzi, di più! Li adoro e me ne vorrei mangiare due…o tre 😀
    Il pastis l’ho bevuto la prima volta in quel mio famoso bar del cuore nella mia città…ahhh quanto ti ci voglio portare!!! 🙂

  6. Adoro Marsiglia, come te la trovo una città affascinante. E adoro il Pastis :). E pure le mandorle ora che ci penso…
    Devo aggiungere altro per convincerti che questa tua interpretazione dei muffin mi piace tanto? 🙂

  7. Parlavamo di questi luoghi nelle nostre chiacchierate di questi giorni e li ho ritrovati in questi tuoi muffins!
    Impossibile resistere al Pastis quando si è lì, sarebbe un crimine 🙂

    Fabio

  8. Che tu ed io condividessimo un certo amore per la Francia l’avevo capito. Ma che fossi anche tu un’estimatrice di Izzo… questa mi mancava. A me l’ha fatto conoscere il fidanzato, che si era innamorato di Marsiglia leggendo la trilogia. E da quando stiamo insieme ci siamo tornati già quattro volte. Detto per inciso: lui si trasferirebbe immediatamente, quanto a me… beh, è l’unica città francese in cui non vivrei 🙂 Ma la trovo bellissima e piena di fascino.
    I muffins al Pastis sembrano una delizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook