Torino in un grissino – Grissini rubatà di kamut al cioccolato fondente (con esubero di pasta madre)

Chi di voi è stato anche solo una volta a Torino, sa quale posto di riguardo occupino per noi i grissini.

A Torino, e in Piemonte in generale, amiamo i grissini.

Li amiamo perché sono croccanti e leggeri e perché sono versatili al punto da poterli utilizzare al posto del pane in una zuppa, invece della pastina in brodo (e quanto è buono non si spiega – in questo momento mi vengono alla mente vagonate di ricordi di infanzia) o, se siete più estrosi potreste persino usarli come base per una cheesecake salata.

E, soprattutto, li amiamo a tal punto da metterci dentro il cioccolato, un altro elemento senza cui Torino non sarebbe davvero Torino.

Se non avete mai provato un grissino al cioccolato, non sapete cosa vi siete persi. E, cari amici pastamadristi, con questa semplice ricetta vengo incontro all’orribile spreco di lievito madre, poiché sono fatti con esubero di rinfresco. Se non vi ho convinti così, non so davvero cos’altro aggiungere.

Cioccolato l’ho già detto?

Un’ultima cosa, prima di lasciarvi a questi grissini, che sono pure velocissimi da fare: si tratta di grissini rubatà, ottenuti quindi per arrotolamento manuale sul piano da lavoro (rubatà significa “ruzzolato” in piemontese), e sono fatti con la farina di kamut, che secondo me li ha resi particolarmente croccantini e, quindi, ancor più deliziosi.

Grissini al cioccolato orizz. blog

Grissini rubatà al cioccolato fondente

Di Pubblicata:

  • Resa: 8 grissini medi
  • Preparazione: 10 minuti
  • Cottura: 15 minuti
  • Pronta In: 25 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. In una terrina sciogliete la pasta madre (lasciata a temperatura ambiente per un'ora) nell'acqua, quindi aggiungete l'olio e la farina ed impastate fino ad ottenere un panetto liscio.
  2. Aggiungete il cioccolato fondente in pezzi ed impastate brevemente, giusto perché si distribuiscano nell'impasto (ma senza che si sciolgano con il calore delle vostre mani).
  3. Rivestite una teglia con della carta forno e dividete l'impasto in 8 parti.
  4. Spolverizzate il piano di lavoro con la semola di grano duro, quindi rotolatevi dentro i pezzetti di pasta, allungandoli fino a formare il vostro grissino. Disponete via via i grissini sulla teglia.
  5. Riscaldate il forno a 200°C (statico).
  6. Infornate in forno già caldo per circa 15 minuti e, se necessario, prolungate la cottura per altri 3-5 minuti, finché i grissini avranno un bel colore dorato (ma non brunito).
  7. Sfornate e lasciate raffreddare completamente prima di consumare.

Grissini al cioccolato blog

Con questa ricetta partecipo al contest ImpastandosImpara di Molino Grassi e Valentina di Non di solo pane

1-impastando_CONTEST_2-1024x883

7 pensieri su “Torino in un grissino – Grissini rubatà di kamut al cioccolato fondente (con esubero di pasta madre)

  1. Sììì! Da buona piemontese amo i grissini in tutti i modi! E ti dirò una cosa: sono troppo felice quando ne vedo le ricette in rete, perché troppe volte mi sono imbattuta in blog che dispensano consigli sui grissini e poi noti che li chiamano rubatà e han fatto i grissini stirati, o viceversa…
    Ora ho voglia di grissini al cioccolato, uff! 🙂

    1. Ah, per me ormai l’unica certezza della Vigilia di Natale è che ci saranno dei grissini home-made in tavola.. anche perché la nonna del mio compagno ama et adora i grissini, quindi come non “usarla” come scusa?!
      Eh, la sottile differenza fra stirati e rubatà… e io preferisco decisamente i secondi, se poi ci metti il cioccolato ancora meglio!
      Tra l’altro sono una golosità che piace anche tanto ai piccini.. dovresti vedere come se li sgranocchiano!!

  2. E’ tanto, anzi troppo, che non faccio dei grissini.
    E dopo il mio giro in terra torinese e questo tuo post mi sa che mi toccherà rimediare.
    Rimango dell’idea che ci si debba rivedere presto, vediamo se la prossima volta siamo più fortunate 🙂

  3. Una delle ragioni per cui voi piemontesi vi fate amare, oltre alla cioccolata, sono i grissini…. come non apprezzare questa vostra qualità di “grissinai” esperti??? Questi con cioccolata fondente e kamut mi sembrano meravigliosi… e se io volessi farli con lievito di birra (come sono tradizionale….)?

  4. Vagabondo in questo oceano che è internet alla ricerca di grissini e chi mi trovo?! La Giulietta con i suoi magnifici rubatà! Posso dire di aver terminato le mie ricerche! Te li rubo e corro a panificare!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook