Ci sono tante cose che in un secondo possono cambiare la tua vita: un lavoro nuovo, un amore inaspettato, cambiare città, l’arrivo di un figlio.

Ovvio, penserete.

Ma anche avere un cane vi cambierà la vita.

Un anno fa oggi Olivia non era ancora entrata nella mia vita: la stavo aspettando, trepidante, pensando a quanto sarebbe stato bello abbracciarla e spupazzarla tutta. Poi è arrivata lei in carne ossa e pelo, bella, bianca, sempre in movimento, con quel suo musetto furbo e quel corpicino massiccio, corto e tutto muscoli.

E non ha cambiato la mia vita, l’ha rivoluzionata.

Da allora non ho più un calzino sano, non ho un solo vestito che non sia coperto (più o meno) di peli bianchi, la mia casa è tappezzata di ossi/pallette/biscotti ed è sempre mediamente in disordine (non solo a causa sua, ma diciamo che anche lei fa la sua parte), ogni mattina il primo pensiero è quello della sua passeggiatina e il secondo la sua pappa (dopo il mio caffè, beninteso).

Ci sono voluti mesi prima che capisse il vero scopo della passeggiatina (e nel mentre ho vissuto con il mocio sempre in mano), è testona e dura di comprendonio (non è che abbia introiettato molto il principio per cui “io ho il mio letto, tu la tua cuccia”) e mi ha fatto disperare e preoccupare, anche mangiando ciò che non doveva.

Ma è la canola (come la chiamo io) più dolce e coccolona del mondo, ogni ritorno a casa rende questo luogo degno del suo nome, mi fa ridere con le sue pazzie e i suoi versi strampalati, e la semplice verità è che oggi non saprei più fare a meno di lei.

Olivia relax blog

Per tutto quello che ho scritto finora, in cui so che i padroni di cani si riconosceranno, in tutto o in parte, e per altri milioni di motivi, più o meno personali, a 13 giorni dal Natale mi sento di fare un appello dal profondo del cuore: un cane non è un oggetto da regalare per far felice qualcuno, quindi pensateci non una, ma un milione di volte, prima di prenderne uno. Pensate che dovrete portarlo a spasso con -8°C alle 6 del mattino, che probabilmente mangerà calzini/mutande/ciabatte/divani/sedie, che la vostra casa non sarà più come prima (nel bene e nel male), e pensate che sarà così (auspicabilmente) per almeno 14-15 anni.

Ma allo stesso tempo un cane è uno dei regali più belli che potrete fare a voi stessi, il giorno che sarete pronti ad accoglierlo, perché vi regalerete un compagno di vita fedele, comprensivo e affettuoso, e il pensiero di poterlo perdere, prima o poi, fosse pure fra 14 o 15 anni, vi farà male quanto l’idea di perdere un parente o un amico, poiché è quello che diventerà per voi.

E, mi permetto di aggiungere, il giorno che lo vorrete nella vostra vita, lasciate stare allevamenti, razze e pedigree, andate al canile, o guardate uno dei tanti appelli che affollano la rete o le bacheche delle vostre città. I cani sono esseri viventi, e come tali non si comprano, si adottano.

Se quel giorno di un anno fa qualcuno non fosse entrato in quel bar e non si fosse innamorato di quel musino bianco e furbetto su quel manifestino, oggi la mia vita sarebbe diversa, infinitamente più vuota e più triste. Che poi la vita me l’abbia cambiata anche quel qualcuno, è tutta un’altra storia.

DSC_3733.NEF-001

Ti è piaciuto questo post?