50 e non sentirle! Il giubileo dell’MTC

Correva l’anno 2010 quando il mondo smise di chiedersi “è nato prima l’uovo o la gallina?“. Sì, perché a settembre di 5 anni fa dall’uovo (fritto) nacque qualcosa di ben più importante e inaspettato, il ciclone Mtchallenge.

È passato un lustro, e siamo arrivati alla sfida n. 50: la prima fu la tortilla di patate, e ora siamo in spasmodica attesa di conoscere la cinquantesima, quella del Giubileo.

Sì, perché in un periodo in cui “il logorio della vita moderna” ci porta a festeggiare traguardi di sempre minor longevità, 50 sfide, 5 anni di post ormai quotidiani, la costituzione della community più longeva del web, la forza di un gioco che si rinnova sfida dopo sfida, la credibilità guadagnata a suon di post accurati, di ricette comprovate, di approfondimenti tecnici e storici… eccome se va festeggiato!

E così, siccome nell’MTC di normale (e di serioso) c’è ben poco, si proclama un Giubileo lungo un anno, costellato non solo di sfide, ma di sorprese, eventi imperdibili, ricchi premi e cotillons, e di un festeggiamento che non sarà solo all’insegna del cibo (che è il denominatore che ci unisce) ma delle persone, che sono la vera forza di una community composta di individui di tutte le età, le provenienze, le estrazioni sociali, le professioni.

Sarà un anno intenso per chi, come me, vive le cose anche nel “dietro le quinte”, in quella Redazione di cui faccio parte ormai da un anno (SOLO un anno? GIÀ un anno? Pare che l’MTC abbia anche il potere di dilatare e restringere il tempo a suo piacimento) e che mi ha letteralmente cambiato la vita, riempiendo gli spazi vuoti (e pure quelli pieni) con programmazioni, innumerevoli ricette, e-mail ed infinite conversazioni virtuali e non con persone che ormai fanno parte della mia quotidianità, anche se sono sparse per l’Italia e per il mondo.

Il vero problema è che l’MTC è come una droga: inizi pensando “ma sì, che sarà mai?! Smetto quando voglio” e poi ti ritrovi ad aspettare l’uscita della nuova sfida come il pensionato fuori dall’ufficio postale, a cercare di procurarti la polvere di zenzero verde della Papuasia perché senza quell’ingrediente la tua ricetta per la sfida non ha senso di esistere e a sperare ogni dannata volta di non vincere l’MTC, perché quello del vincitore è un duro lavoro, ma è anche meraviglioso (ed è per quello che una parte di te, alla fine, ogni dannata volta spera di vincere l’MTC). Insomma, l’MTC crea dipendenza, ti svuota il conto in banca e ti crea un disturbo bipolare della personalità, eppure siamo tutti  pazzi e pure felici di esserlo.

Coccarda2

La mia avventura in MTC è iniziata a gennaio 2013, con i pici della Patty, e non è un caso che sia stata proprio lei la molla a convincermi ad entrare in sfida. Da lì ho firmato la mia condanna, partecipando a quasi tutte le sfide (ne ho saltate solo due, quella sulla taieddhra e quella sull’uovo alla Benedict ) e ogni volta impegnandomi per creare una ricetta che mi soddisfacesse, che esprimesse appieno me e la mia terra e, devo dire che, anche quando si è messo in mezzo qualche intoppo, sono sempre stata soddisfatta di me e del risultato ottenuto, qualche volta arrivando persino a sfiorare la vittoria.

Questa è una carrellata del mio percorso targato MTC (e cliccando sulle immagini andrete alle relative ricette), ma è solo l’inizio.. e sì, è decisamente una minaccia!

 

Pici al sugo di fegatini blog
MTC n. 26I pici – pici al ragù di fegatini

Red Velvet Cake blog
MTC n. 27 – La Red Velvet gluten free

Fideua blog
MTC n. 28 – La fideuà

Chili intero blog
MTC n. 29 – Il chili con carne

Caesar salad blog
MTC n. 31La Caesar Salad

Raviole del plin blog
MTC n. 32 – Le raviole del plin – ripiene di seirass, condite con burro e nocciole

Castagnaccio blog
MTC n. 34 – Le castagne – il castagnaccio piemontese

Zuppa di lenticchie e castagne copertina blog
MTC n. 34 – Le castagne – zuppa di lenticchie e castagne
 

Fricandò copertina blog
MTC n. 35 – Lo spezzatino – fricandò

Strudel - Gubana collage blog
MTC n. 36 – Lo strudella gubana sbagliata
 

Strucolo copertina blog
MTC n. 36 – Lo strudel – strucolo pugliese

Soufflé MTC blog
MTC n. 37 – Il soufflé – alla mozzarella di bufala

Trippa finale blog
MTC n. 38- Il quinto quarto – la trippa tosco-romana

Babà copertina blog
MTC n. 39 – Il babà – al bonet
 

Piadina piemunteisa copertina blog
MTC n. 40 – La piadina – piemontese e Torino/Reggio Calabria

Sformato copertina blog
MTC n. 41 – Il riso – sformatini di riso che ammiccano alla tartrà

Sushi copertina blog
MTC n. 41 – Il riso – sushi Me Piemont

Lasagne finale blog
MTC n. 42 – Le lasagne – con verza, raschera, castagne e salsiccia

Muffin copertina blog
MTC n. 43 – I muffins – alla tarte tatin

Muffin al pastis copertina blog
MTC n. 43 – I muffins – al pastis

Canederli
MTC n. 44 – I canederli – al salame cotto e toma su letto di lenticchie

Baci interno 2
MTC n. 45 – I baci – al salame di cioccolato

Copertina
MTC n. 46 – La pasta brisèe di Michel Roux torta salata alle cipolle ripiene di bèchamel e Murazzano

Torta moderna alla creme brulee
MTC n. 47 – Il pan di Spagna – torta moderna alla crème brulèe

Paccheri collage
MTC n. 48 – La pasta al pomodoro – pasta alla (a)Norma(le)

DSC_5108
MTC n. 49 – American Burger – tre hamburger piemontesi

14 pensieri su “50 e non sentirle! Il giubileo dell’MTC

  1. E’ molto bello leggere che cosa significa per noi MTC e nel leggere i vari commenti che il sentimento che ci unisce ad Mtc nasce spesso per gioco, ma poi cresce sfida dopo sfida proprio per quella voglia di esserci e condividere

    Grazie e buona giornata
    Manu

  2. Giulietta…..questa è la prova che si vive di piccole soddisfazioni;)))
    Quando ho cliccato sulla tua pagina ed ho visto il rettangolino grigio e fisso mi è scappata una rista insana…poi però si è mosso!!!!!!!!
    E’ molto bello il ripasso che ci hai regalato, devo ammettere che alcune prove me le ero perse.
    La cosa bella dei piatti a mio parere è che portano la traccia della nostra personalità, raccontano di noi moltissime cose…..e ci avvicinano, ancor prima di conoscerci.
    Che poi, dico……..ma vogliamo conoscersi accipicchia?!!!!!

  3. Grande Giulia senza te la redazione non sarebbe la stessa e condivido il tuo pensiero l’Mtc è un circolo vizioso e non se ne esce nemmeno se ti disconnetti dal mondo…anch’io ho conosciuto questa community coi pici della Patty….tutta colpa della Patty se siamo rimaste invischiate…..ora gliene dico quattro! Buon anno giubilare 😉

  4. Mi unisco al coro, e confermo che l Mtc è come una droga, sai quando inizi ma non quando smetterai. E noi ci auguriamo di continuare all’ infinito!!! Senza di te, e il tuo lavoro encomiabile, questo gioco non sarebbe lo stesso!

  5. Giuliaaaaa!!!!! Ma già un anno??? Ma dov’eri primaaaaaa!!!!
    Grazie per tutto quello che fai, per me sei di un altro pianeta, dovrei venirci a fare qualche corso… in quale galassia aviti??

    Besos

  6. Un vera e propria droga di cui non puoi e non vuoi fare a meno. L’MTC ti appaga e ti diverte. Anche io sono contenta di aver riempito gli spazi vuoti e aver stracolmato quelli oramai pieni.
    Baci.

  7. “Smetto quando voglio” è un sottotitolo perfetto per l’MTC 😀 Ma è stupendo, bellissimo, insostituibile, e noi siamo tutti un po’ dei tossici. Quindi un messaggio per te, la Van Pelt e la redazione unita: vedete di arrivare al centenario, al bicentenario e così via, perché se no qui si va tutti in astinenza!!!

  8. Hai detto bene: l’MTC è un tunnel in cui entri a cuor leggero e da cui non esci più! E del resto, chi vuole uscirne? Già che ci siamo dentro, mettiamoci comodi! 😀
    Ma scusa, mi stai dicendo che è solo un anno che sei in Redazione? A me sembra una vita… anche perché ne sei diventata l’anima!
    Un abbraccio fortissimo!

  9. Abbiamo praticamente cominciato assieme. Io al giro della tehieddra, tu un po’ prima 🙂 E capisco quanto possa essere una droga. A casa ormai il circolo di pensionati è esteso ai miei genitori che si mettono in trepidante attesa del sapere la ricetta vincitrice 🙂 Bella la tua carrellata di ricette partecipanti. Un po’ della tua terra c’è sempre 😀

  10. ahahahaha
    “come il pensionato fuori dall’ufficio postale” credo renda l’idea pefettamente!!!
    Grazie, Giulia!
    E grazie per il lavorone dietro le quinte che fai!!!

  11. Mamma che bello l’excursus delle tue ricette.. E che fame!!
    E’ proprio vero, l’MTC ti cambia la vita.. E sopratutto la dieta e la vita delle persone a te vicino!!
    Crea dipendenza, quanta verità.. Ma che bello ritrovarsi ogni mese!! ;D

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook