• LA LISTA DELLA SPESA
  • polenta (farina di mais)
  • latte fresco intero

L’appuntamento mensile con L’Italia nel piatto questa volta è dedicato alle farine speciali: riso, mais, grano saraceno, ceci e chi più ne ha più ne metta. Dal momento esatto in cui abbiamo deciso questo argomento io ho subito pensato che avrei condiviso la ricetta delle paste di meliga, i biscotti di farina di mais più famosi del Piemonte, già presenti in ben due versioni sul blog (qui e qui), ma che per me rappresentano un vero e proprio must.

Poi, all’ultimo secondo ho cambiato idea… niente melighe, ma sono rimasta fedele alla farina di mais, e ho deciso di proporre una ben più classica polenta. E no, non una polenta concia alla piemontese, o una bella fetta di polenta fritta con il gorgonzola, ma tornando indietro nel tempo e ripescando uno dei “piatti” più poveri che la cucina contadina piemontese (e non) potesse offrire, pulenta e lat buij. Polenta, cioè, accompagnata da latte bollito, il “condimento” più semplice, il solo che spesso i contadini potessero permettersi, ben diverso da quei sontuosi intingoli di carne che oggi ci paiono naturali, ma che una volta non erano affatto alla portata di tutti, se non in rare occasioni di festa.

Ho deciso quindi di fare un bel salto indietro nel tempo, a quando il consumo di polenta e latte doveva essere talmente usuale da entrare in un proverbio dialettale: si dice infatti Pulenta e lat buij, quatr saut e a l’é digerì, ovvero “polenta e latte bollito, quattro salti ed è digerito”, il che non so se fosse un risultato sperato da molti, visto che doveva costituire spesso e volentieri il pasto principale, quello che doveva dare l’apporto energetico per sostenere una giornata di lavoro.

Ma non guardo poi così indietro, se penso a quante volte abbia mangiato io stessa la polenta (sempre quella avanzata dal giorno precedente) nel latte per colazione a casa di mia nonna, da bambina o ragazzina. Ed è un gusto semplice e buono di cui mi sono innamorata tanto tempo fa e che ancora oggi mi fa preferire all’avanzo di polenta fritto con i formaggi (che comunque non disdegno), la polenta a colazione, solo che oggi la preferisco riscaldata e tuffata nel latte rigorosamente freddo. Quando le tradizioni evolvono.

Polenta e latte

Pulenta e lat buij

Di
Pubblicata:

  • Resa: 2 Persone servite
  • Cottura: 5 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Io utilizzo sempre la polenta avanzata da preparazioni precedenti, perché è una ricetta anti-spreco.
  2. Per preparare la polenta, portate a bollore 1 litro di acqua leggermente salata, quindi versate a pioggia la farina di mais, mescolando continuamente. Continuate a mescolare fino a cottura della polenta, per 40 minuti/1 ora (a seconda della consistenza che vorrete ottenere). Versatela su un tagliere (o in un piatto capiente) e lasciatela raffreddare completamente, finché sarà rappresa. Tagliatela a cubetti.
  3. Fate scaldare il latte, quindi tuffatevi la polenta a temperatura ambiente, lasciatela qualche istante in modo che si scaldi, quindi gustate.

DOWNLOAD THE ENGLISH “RECIPE” BY CLICKING HERE

Polenta e latte finale

Piemonte - Italia nel piatto

Ed ecco i miei compagni di avventura:

Liguria:    Focaccia di granoturco (fugassa  de granon)

Ti è piaciuto questo post?