• LA LISTA DELLA SPESA:
  • uova
  • zucchero
  • nocciole tostate
  • farina 00
  • burro
  • ricotta vaccina
  • panna fresca
  • bacca di vaniglia
  • acqua
  • distillato di pere (o rhum)
  • pere Williams
  • amido di mais
  • limone
  • zucchero a velo (per decorare)

5 anni.

Quando ho aperto questo blog mi ero appena laureata in storia dell’arte, vivevo a casa con i miei e avevo una relazione da 7 anni. Non ricordo cosa pensavo che avrei fatto della mia vita: di sicuro non il dottorato che mi avevano proposto, forse nulla che avesse a che fare con i miei studi, ma di sicura c’era solo la spinta ad aprire questo spazio dedicato alla cucina, una decisione impulsiva (come il nome che scelsi di dargli) che non avrei mai immaginato avrebbe condizionato così tanto la mia vita.

Nel mezzo, infatti, ci sono stati per la maggior parte lavori in cucina: in nidi e materne (dove ancora bazzico), ma anche in locali di varia natura e in ristoranti di buona fama. Ho frequentato un corso professionale di pasticceria e, grazie al blog e alle persone che ha portato nella mia vita, la passione per la cucina e la sua storia sono cresciute ancora, e crescono ogni giorno di più.

5 anni dopo la mia vita è completamente diversa da quella che avevo quando ho aperto questo blog: grazie ad Alterkitchen mi sono innamorata della comunicazione, ho cambiato i miei obiettivi professionali e sono tornata sui banchi di scuola, per un master che mi sta facendo imparare cose totalmente nuove di me e del mondo. La relazione di allora non è arrivata all’ottavo anno, non abito più con i miei genitori da 3 anni (già?!) e ho guadagnato ben due “coinquilini”, un bipede e una quadrupede che, fortuna vuole, mi hanno rivoluzionato la vita… in meglio.

Insomma, 5 anni intensi, pieni, travolgenti e rivoluzionanti, ricchi e straordinari. Non solo per merito di Alterkitchen, ma anche grazie a lui, che assorbe ormai una bella fetta del mio tempo e delle mie energie. Così, per recuperare le forze, quale occasione migliore per concedersi una fetta di torta che mi affascinava da tempo, la ricotta e pere di Sal de Riso?! È stato l’istinto a guidarmi e, ancora una volta, non ha fallito: è una delle torte migliori che abbia preparato e mangiato degli ultimi tempi, dai gusti semplici e rustici come piacciono a me, ma allo stesso tempo elegante al palato e di bella presenza. Sicuramente diventerà un classico da preparare per le feste, in casa mia.

Buon compleanno, Alterkitchen!

Torta ricotta e pere

Torta ricotta e pere di Sal de Riso

Di
Pubblicata:

  • Resa: una torta di 20 cm di diametro (8 Persone servite)
  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 20 minuti
  • Pronta In: 4 ore 20 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Sciogliete il burro a fiamma dolce e fate raffreddare. Tritate finemente le nocciole con la farina. Pre-riscaldate il forno a 180°C.
  2. Montate le uova con lo zucchero e il pizzico di sale fino a quadruplicarne il volume iniziale. Incorporate delicatamente con movimenti dal basso verso l’altro le nocciole con la farina, quindi il burro fuso.
  3. Dividete il composto in due teglie da 24 cm imburrate e infarinate (così otterrete lo spessore perfetto) ed infornate in forno già caldo per circa 10-15 minuti, o fino a completa cottura e doratura. Sfornate e lasciate raffreddare.
  4. Sbucciate le pere e tagliatele a cubetti (dovreste ottenere circa 200 g). Unite lo zucchero e il succo di limone, ponete in una padella antiaderente e cuocete a fuoco medio. Quando vedrete sul fondo della padella il succo delle pere (dopo circa 5 minuti) spolverate con l’amido di mais e cuocete ancora per 2 minuti. Aggiungete il distillato di pere (o ruhm), togliete dal fuoco e fate raffreddare.
  5. Preparate la bagna: fate bollire l’acqua con lo zucchero per 30 secondi, lasciate raffreddare e unite il distillato di pere (o rhum).
  6. Montate a neve ferma la panna. Lavorate a ricotta con lo zucchero e i semi del baccello di vaniglia usando le fruste per circa 5 minuti. Incorporate prima le pere (per sicurezza le ho prima tamponate con carta da cucina) e poi la panna montata, con movimenti dal basso verso l’alto.
  7. Procedete ad assemblare la torta. Innanzitutto tagliate a misura del cerchio da pasticceria i dischi di pasta biscuit.
  8. Sul piatto da portata appoggiate il cerchio da pasticcere (o il bordo di una tortiera apribile a cerniera rivestito di carta forno). Al suo interno adagiate un disco di biscuit e inzuppatelo con poca bagna. Versate il composto di ricotta e pere, pareggiate la superficie e adagiatevi l’altro disco, premendolo delicatamente. Inzuppate nuovamente con poca bagna e ponete il dolce in frigorifero per 2-3 ore (non ho ritenuto opportuno il riposo in freezer, che altri suggeriscono, perché la crema era già compatta).
  9. Sformate il dolce e, prima di portarlo in tavola, decorate con abbondante zucchero a velo.

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Torta ricotta e pere finale

Ti è piaciuto questo post?