La Cucina dell’Unità d’Italia per il Calendario del Cibo Italiano

Vi ho già parlato qualche tempo fa del progetto targato AIFB del Calendario del cibo italiano. È un progetto entusiasmante, che si propone di diffondere la cultura e la tradizione gastronomica dell’Italia attraverso l’istituzione di un calendario in cui si celebrano (in 366 giornate e 52 settimane nazionali) i nostri  piatti e i prodotti più tipici, scelti sulla base della loro diffusione e dei loro legami con la cultura popolare e organizzati sulla base del calendario delle stagioni e delle ricorrenze litugiche o istituzionali.

E così questa settimana non poteva che essere dedicata all’Unità d’Italia, un traguardo inseguito a lungo e raggiunto solo assai tardi, in quel Risorgimento che ha visto enormi cambiamenti segnare profondamente il nostro Paese.

Ma che cosa accadde nella cucina?

Si riuscì a costituire una cucina veramente italiana o si rimase ancorati alla cucina di campanile di cui ci ha parlato Stefania la scorsa settimana? La cucina dell’Unità d’Italia e la cucina di campanile sono due opposti inconciliabili o due facce della stessa medaglia?!

Se volete scoprire qualcosa in più su questo affascinante argomento vi invito a leggere il mio piccolo excursus storico sulla cucina dell’Unità d’Italia, oggi online sul sito di AIFB, a questo link.

Ma, nello spirito del calendario del cibo italiano, mi spingo più in là, con un invito.
Vi invito a partecipare ai festeggiamenti per questa settimana: avete infatti tempo fino a domenica per condividere sul vostro blog una ricetta dell’Unità d’Italia (pensate a quanti piatti della nostra tradizione sono dedicati a Cavour, a Mazzini o a Garibaldi, per esempio, o a quanti piatti tricolore esistano) e a lasciare il link nei commenti al mio post in AIFB. Sui social vi invito ad utilizzare e a cercare l’hashtag #cucinaunita

Così potrete prendere parte ad un progetto che non è di AIFB, non è mio o di nessun altro. È di tutti noi, proprio come il Paese in cui viviamo.

Copertina di "A tavola nel Risorgimento"
Immagine tratta dalla copertina del volume A tavola nel Risorgimento (Schena-Ravera)

7 pensieri su “La Cucina dell’Unità d’Italia per il Calendario del Cibo Italiano

  1. I simply want to tell you that I am newbie to blogging and certainly enjoyed you’re blog. Almost certainly I’m going to bookmark your blog post . You absolutely come with impressive articles. Regards for sharing your website.

  2. I simply want to mention I am beginner to blogging and site-building and absolutely liked you’re page. Most likely I’m likely to bookmark your blog . You absolutely come with fabulous stories. Thank you for sharing your web site.

  3. I’d should talk to you here. Which is not some thing I do! I quite like reading a post which will make people believe. Also, many thanks permitting me to comment!

  4. Woah! I’m really loving the template/theme of this website. It’s simple, yet effective. A lot of times it’s very hard to get that “perfect balance” between user friendliness and appearance. I must say you’ve done a fantastic job with this. In addition, the blog loads extremely fast for me on Safari. Superb Blog!

  5. I know this if off topic but I’m looking into starting my own weblog and was wondering what all is required to get set up? I’m assuming having a blog like yours would cost a pretty penny? I’m not very web smart so I’m not 100 sure. Any tips or advice would be greatly appreciated. Kudos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook