Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere – Tozzetti di frolla all’olio al limone e mandorle

Vi avevo lasciato l’ultima volta con delle paste di meliga alle nocciole coperte di cioccolato fondente come prima proposta per l’MTChallenge di questo mese, dicendovi che erano dedicate a Juri, uno dei due giudici di casa Acqua e Menta.

Non può quindi mancare la proposta n. 2, quella per Dani. Anche perché, visto che ormai lei è una presenza costante nella mia vita (ci sentiamo minimo 3-4 volte al giorno), non potrei proprio farle un’offesa del genere!

E quindi, se prima ci son stati i biscotti maschili, è arrivato il momento di quelli femminili (e non mettiamo in mezzo le polemiche gender, che non è questo il mio intento)! Il mio punto fermo era la frolla all’olio: vista la dedica a Dani, non potevano certo avere il burro! Poi mi sono lasciata guidare dalle suggestioni del post che ha portato Acqua e Menta alla vittoria, dal loro cuscus alla trapanese: così ho puntato verso sud, verso la Sicilia, da cui ho preso in prestito gli agrumi, in questo caso i limoni, e le mandorle, gioiello di Trinacria.

Limone e mandorla è un abbinamento al quale non avevo mai pensato, eppure questi due ingredienti sembrano fatti l’uno per l’altra: l’aroma appena pungente dell’uno esalta la dolcezza dell’altra, che tiene però le redini dell’equilibrio del gusto [ci leggete qualche risvolto psicologico nei rapporti fra giovani uomini e giovani donne (cit.)?  Malpensanti].

Se l’altro era un biscotto maschile, più deciso, netto, questo è un biscotto “da donne” (che, premetto, secondo me vuol dire tutto e non vuol dire niente), più morbido, in cui quelli che paiono contrasti di gusto si fondono tra loro creando un tutt’uno che non potrebbe esistere altrimenti. È così che ho imparato a conoscere la Dani: è stakanovista, ma sa godere dei piaceri della vita, è decisa in ciò che fa e sa quel che vuole, ma è una persona dolcissima e sempre disponibile. Possono sembrare tratti molto diversi, quasi inconciliabili, e invece contribuiscono tutti a renderla quel che è, senza che si riescano sempre bene a vedere i contorni fra questi tratti.

È come per questo biscotto: dovete aguzzare la vista ed il palato per “leggere” le singole parti.. ma ha poi importanza, quando è la totalità a conquistarvi?

E allora fatevi conquistare.. sto parlando dei biscotti, eh?! (che a furia di far l’elogio della Dani, non vorrei incorrere nell’ira funesta di Juri)!

Tozzetti limone e mandorle

Tozzetti di frolla all'olio al limone e mandorle

Di Pubblicata:

  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 15 minuti
  • Pronta In: 1 ora 15 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Come prima cosa tritate la farina di mandorle alla massima velocità, affinché inizi a rilasciare il suo olio e si crei una pasta densa e modellabile. Lasciate da parte.
  2. Setacciate la farina e disponetela a fontana. Nel mezzo mettete lo zucchero a velo e un pizzico di sale.
  3. Con i tuorli e i due olii preparate una maionese come siete soliti fare (con il minipimer, le fruste o un blender). Io con queste piccole dosi uso il blender: frullo le uova, quindi aggiungo a filo l'olio sempre frullando fino a quando non ottengo una maionese densa
  4. Versate la “maionese” ottenuta nel centro della fontana. Impasta con le dita la maionese con lo zucchero ed inizia poi ad incorporare pian piano anche la farina. L’obiettivo è quello di far assorbire tutta la farina all’impasto, terminando il procedimento con le mani pulite ed una palla omogenea. Quando la farina si sarà unita perfettamente all’impasto, aggiungete uno o due cucchiai di acqua.
  5. Dividete l'impasto in due parti, da 1/3 e 2/3. Nella parte più grande aggiungete la scorza grattugiata di un limone, impastate brevemente e chiudete in pellicola per alimenti. Aggiungete alla parte più piccola la pasta di mandorle, impastate brevemente e chiudete in pellicola.
  6. Lasciate riposare la frolla in frigo per circa 30 minuti.
  7. Prendete la frolla al limone e stendetela tra due fogli di carta da forno ad uno spessore di 5 mm. Se l’impasto si sbriciola troppo, aggiungete un cucchiaio di acqua e impastate di nuovo (non aspettatevi però che l’impasto non si rompa: non avendo burro è delicato)
  8. Prendete la frolla alle mandorle e formate dei cilindretti di circa 6-7mm di diametro. Spennellate la frolla al limone con un pochino di albume d'uovo, disponete un cilindretto al centro e avvolgetelo con la frolla al limone, aiutandovi con la carta da forno e premendo delicatamente per mantenere la forma.
  9. Una volta che avrete il vostro cilindro, tagliatelo a fette di circa 1cm e disponetele su una teglia antiaderente o coperta di carta da forno. Lasciate riposare in frigorifero mentre il forno si scalda.
  10. Pre-riscaldate il forno a 175°C. Cuocete in forno caldo per 12 – 15 minuti, finché leggermente dorati. Lasciate raffreddare i biscotti nella teglia per almeno 5 minuti, poi trasferiteli su una gratella fino a completo raffreddamento.

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE BY CLICKING HERE

Tozzetti limone e mandorle finale

Con questa ricetta partecipo all’MTC n.56

mtc56

15 pensieri su “Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere – Tozzetti di frolla all’olio al limone e mandorle

  1. Non sei solo superba, ma addirittura divina!!
    Nell’incipit e nella tua narratività sei intelligentemente ironica e di una simpatia insostituibile. Nella proposta di questo tuo meraviglioso angolino, sei sempre innovativa e geniale. Nella descrizione della preparazione sei inappuntabile e precisa.
    Questi tozzetti, poi, non li ho mai assaggiati, ma son sicuro che ci porteranno in Paradiso, appena le nostre papille ne gusteranno la dolcezza.
    Grazie per queste tue geniali nuove gustosità, per la tua bravura nel coniugare tradizione ed innovazione, nel concederci la possibilità di crescere ed imparare, insomma grazie che tu esista e ci consoli!!

    1. Grazie Francesco!
      Ma tu sei decisamente troppo buono nei miei confronti! 🙂
      Sono felice che i miei biscotti ti siano piaciuti e che continui ad apprezzare la mia scrittura 🙂

  2. Ma così apri i cancelli per le interpretazini intessantissime che tutti noi facciamo…Ci sarebbe da scrivere un altro libro sui maschietti e le fimminie, targato MTC però 🙂

  3. Splendida presentazione e la Dani se la merita tutta!! Mandorle e limone mi piacciono moltissimo, le avevo usate in una frolla di prova che non ho usato per la sfida (i biscotti-bassotti, se li hai visti) e la trovo molto delicata e al tempo stesso con carattere.
    Sono certa che Dani e Juri apprezzeranno! 🙂

    1. Erano troppo bellini i biscotti-bassotti.. io devo trovare una formina a forma di Olivia 😀
      Non avevo mai provato l’abbinamento limone-mandorla, ma devo proprio dire che mi ha conquistata!

  4. Io sono per l’eguaglianza dei generi, quindi li prendo entrambi (non capire male :-D), perché è impossibile scegliere.
    Io ormai quando sento “Sicilia”, mi si alzano le antennine e non posso che tornare a quei profumi che ritrovo anche in questi biscotti “fimmine” 😀

    1. Fabio, ma come?! Proprio tu, così innocente, tirare fuori un doppio senso? 😀
      Eh, anche io alla parola “Sicilia” alzo le mani.. e manco ci sono ancora stata! Pensa te dopo 😉

  5. La mia Giulietta!!! 🙂 <3
    Se volevi farmi commuovere, ci sei riuscita!!! 😀 E giusto perchè ci sentiamo poche volte al giorno, hai qualche mio messaggio che ti aspetta su FB!
    Venendo ai biscotti: neppure io ho mai provato limone e mandorla, non potrò che provare al più presto questa tua ricetta.
    Veramente ben fatti, accostamento particolare ma sicuramente azzeccato, aspetto rustico nel senso positivo del termine e molto invitanti. Bravissima come sempre!!! <3

    1. Ormai sai che sei una presenza costante nella mia quotidianità, e non una di quelle che ti capitano fra capo e collo e vorresti farne a meno (giusto per precisare)!
      Il caso vuole che abbia ancora della frolla pronta in freezer, e che ci vedremo presto (yeah!).. non prometto, ma magari… 😉

      Grazie, mia cara!

  6. la brama di scofanarsene un vassoio intero, in modo dichiaratamente compulsivo è sufficientemente femminile?
    sono nella top dei miei preferiti, in questa tornata- anche per la stretta inerenza al tema della sfida, che invitava ad elucubrazioni sulla tecnica. magari la prossima volta specifico meglio “quale” 🙂 ma,gender a parte, le idee chiare le hai e pure in abbondanza: tutto perfetto- concezione, esecuzione, abbinamenti e bilanciamento degli ingredienti- con un unico noe: ma com’è che non hai ancora vinto? 🙂

    1. Quello di scofanare è un istinto ASSOLUTAMENTE FEMMINILE!! Grazie mille per questo attestato di stima.
      E per favore, non mi tirare la vittoria, per Dio! Che poi mi avrai sulla coscienza, quando sarà (se mai sarà) 😉

      Comunque io posso testimoniare sulla bontà di questi biscotti.. semplici e deliziosi, come li amo io!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook