• LA LISTA DELLA SPESA:
  • farina 00
  • burro
  • zucchero
  • uova
  • sale
  • limone (per la scorza)
  • latte fresco intero
  • fragole
  • gelatina di albicocche

Mai come quest’anno ho sentito l’arrivo della primavera.

E non solo perché la bella stagione 2016 è partita con un bastimento carico di graminacee (alle quali sono ovviamente allergica.. a quello e all’assenzio selvatico, che pare si trovi solo in Piemonte e aree limitrofe – quando si dice la fortuna) o perché il cambio di ora e di stagione mi ha conferito la prontezza mentale di un bradipo con la labirintite (da quando ho visto su Facebook questo video ho invidiato la agilità del panda per settimane.. ho detto tutto)!

Quest’anno la primavera è arrivata bella come il sole e mi ha subito messo voglia di maniche corte, di occhiali da sole, di passeggiate, di gonne corte e .. di fragole!

Ebbene sì, proprio nell’anno dell’inverno inesistente (altro che “the winter is coming” – cit.), quando i miei informatori mi parlavano di fragole già ottime a gennaio/febbraio, a me la primavera ha portato voglia di fragole. Una di quelle voglie per cui ogni volta che passo dal mercato devo (DEVO) comprarne almeno mezzo chilo, per mangiarle in qualsiasi momento.

A merenda con lo yogurt greco? Fatto!
Dopo cena al naturale, come fossero patatine? Fatto!
A colazione rubandone un paio dal frigo (che poi rubarle a chi? Sono tutte mie! Tutte M-I-E)? Fatto!
Come dessert, insieme ad una cazzuolata di panna montata? Fatto!

All’appello mancava solo la ciliegina sulla torta, la crostata crema pasticciera e fragole, che è uno dei dolci più semplici e più deliziosi a cui io riesca a pensare: basta un guscio di frolla fatta con il burro buono, una crema pasticcera vellutata e profumata al limone, e poi una vagonata di fragole a creare il solo labirinto in cui ora vorrei perdermi. Infine.. dimenticate quelle orride gelatine in bustina: un paio di cucchiai di gelatina di albicocche (ma va benissimo anche una confettura a purea, purché chiara e senza pezzi) scaldata con un goccio di acqua per lucidare e per conservare la freschezza delle fragole.

Il risultato: perfezione pura.

Se una rondine non primavera, ma una crostata crema e fragole decisamente sì!

Crostata crema e fragola particolare

Crostata con crema pasticcera e fragole

Di
Pubblicata:

  • Resa: 1 crostata da 28 cm (8 Persone servite)
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Pronta In: 2 ore 0 minuto

Ingredienti

Istruzioni

  1. Preparate la frolla con largo anticipo (volendo anche un giorno o due prima): lavorate il burro con lo zucchero finché quest’ultimo non sarà completamente assorbito. Fate un buco nel mezzo dell’impasto ottenuto, versatevi i tuorli, l’uovo intero, un pizzico di sale, gli aromi (in questo caso la scorza di limone) e lavorate nuovamente.
    Aggiungete infine la farina setacciata, impastando il tutto fino ad ottenere una palla. Tutto questo processo deve avvenire il più velocemente possibile (circa 5 minuti), e senza lavorare troppo il burro.
    Formate una palla, avvolgetela nella pellicola per alimenti e lasciatela riposare in frigorifero ALMENO un’ora (ma maggiore sarà il riposo, meglio sarà per la frolla).
  2. Riprendete quindi la pasta, ponetela su una superficie leggermente infarinata e stendetela fino ad uno spessore di circa 3 mm. Capovolgete la teglia che intendete utilizzare per la crostata e ritagliate la pasta 1 cm intorno ai bordi. Imburrate ed infarinate leggermente la teglia (saltate il passaggio se è antiaderente), quindi arrotolate la frolla sul mattarello e svolgetela nella teglia. Bucate abbondantemente il fondo della frolla, coprite con carta da forno il fondo e mettete dei pesi (io utilizzo le sfere di ceramica o il sale grosso che, a differenza dei legumi secchi, non fa odore e si può riutilizzare).
  3. Pre-riscaldate il forno a 175° C e, mentre il forno arriva in temperatura, lasciate ancora riposare la frolla in frigorifero. Cuocete quindi il vostro guscio in forno caldo per circa 15-20 minuti. Togliete i pesi, quindi continuate la cottura per altri 5-7 minuti, controllando che la frolla non bruci o prenda eccessivo colore. Sfornate, quindi lasciate raffreddare completamente.
  4. Preparate in anticipo (di qualche ora) anche la crema pasticcera: mettete il latte a bollire con la scorza di limone intera in infusione.
  5. Mentre il latte raggiunge il bollore, in una terrina sbattete i tuorli con lo zucchero fino a sbiancare il composto. Aggiungete la farina e continuate a sbattere. Lasciate da parte il composto e la frusta, tenendo a portata di mano un tarocco (o una spatola).
  6. Quando il latte sta per bollire, togliete con una schiumarola la parte aromatica, quindi, mentre il latte sale (solo quando sale, NON PRIMA), versate aiutandovi con un tarocco o una spatola il composto di uova, zucchero e farina dentro il latte, mescolate per 1 minuto o 2 con la frusta sul fuoco, poi togliete dal fuoco e continuate a mescolare, e la crema è pronta.
  7. Coprite con pellicola o carta forno a contatto e lasciate raffreddare, prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero.
  8. Lavate e mondate le fragole, quindi tagliatele a metà o in fette, a seconda di come vorrete decorare la torta.
  9. Quando crema e frolla saranno fredde, potete comporre la torta: distribuite nel guscio di frolla la crema pasticcera, quindi formate con le fragole la decorazione che vorrete.
  10. Alla fine, scaldate due cucchiai di gelatina di albicocche con un goccio d’acqua, quindi spennellate sulle fragole per lucidare.
    Conservate in frigo fino al momento del servizio.

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE BY CLICKING HERE

Crostata crema e fragole finale

Ti è piaciuto questo post?