• LA LISTA DELLA SPESA
  • baccalà (già bagnato)
  • olio extra-vergine
  • farina
  • peperoni
  • pomodori da sugo
  • peperoncino
  • prezzemolo
  • cipolle
  • peperoncino

Questa settimana del calendario del cibo italiano AIFB è dedicata a stoccafisso e baccalà, due facce dello stesso pesce, quello stesso merluzzo capace così di essere uno e trino (scusate il paragone, ma è proprio sorto spontaneo). Ambasciatrice della settimana è Anna Laura del blog Eat Parade, scelta quanto mai azzeccata, considerate le sue origini calabresi e quanto la tradizione culinaria della sua regione è affezionata allo stocco (conosciutissimo quello di Mammola, protagonista anche di una famosa sagra nel mese di agosto).

Baccalà e stoccafisso, pur non essendo prodotti tipici del territorio italiano (anzi, arrivano da molto lontano), sono entrati a pieno titolo nella tradizione enogastronomica del nostro Paese, e attraversano in lungo e in largo la Penisola, unendola: dal baccalà mantecato veneto (che poi è stoccafisso) al brandacujun ligure, dal baccalà alla livornese a quello fritto romano, dal baccalà alla lucana ai mille piatti a base di stocco calabresi.

Non poteva certo rimanere indenne la Campania, ed è così che mi sono lasciata affascinare dalla ricetta del baccalà con peperoni alla napoletana scoperta grazie ad un vecchio Starbooks dedicato al libro Le ricette regionali italiane di Anna Gosetti della Salda, che è diventato uno dei libri sempre in pole position nella mia cucina.

Io amo il baccalà, e mi intrigava molto l’abbinamento fra il suo sapore deciso e il gusto dolce e appena piccante dei peperoni che, in questa ricetta, sono abbrustoliti e si accompagnano ai pomodori, ormai frutti di stagione. Il risultato è un piatto molto equilibrato, che il buon Artusi chiamerebbe “non per stomachi deboli”, ma che è invece più che adatto ai palati che vanno in sollucchero per i gusti decisi e per i piatti unici, quelli che con una fetta di pane e un bicchiere di vino sanno risolvere una cena.

Baccalà e peperoni Gosetti

Baccalà con i peperoni alla napoletana

Di
Pubblicata:

  • Resa: 4 Persone servite
  • Preparazione: 30 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Pronta In: 60 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Raschiare la pelle al baccalà, tagliarlo a pezzi di tre o quattro centimetri e deliscarli bene. Risciacquarlo in acqua corrente e poi asciugarlo: infarinare tutti i pezzetti e friggere in olio bollente.
  2. Abbrustolire i peperoni (la Gosetti dice direttamente sulla fiamma, io in padella): quando la pellicina sarà bruciacchiata raschiarla via bene (io ho fatto freddare i peperoni in una busta di carta e poi li ho spellati, molto più facilmente), indi dividere i peperoni a metà, svuotarli, asciugarli e tagliarli a strisce non troppo larghe.
  3. Versare in un largo tegame di terracotta l’olio usato per friggere il baccalà (la Gosetti dice che l’olio in tutto deve essere 100g – io ho cambiato l’olio e ne ho usato sicuramente meno), aggiungere le cipolle affettate e farle soffriggere a fuoco lento.
  4. Nel frattempo pelare i pomidori, scartare i semi e poi spezzettarli; metterli nel tegame appena la cipolla sarà di un bel colore biondo.
    Salare quando si vedrà che tutta l’acqua dei pomodori è scomparsa (io non ho salato data la presenza del baccalà) e si noterà soltanto l’olio; aggiungere i peperoni, il prezzemolo tagliuzzato e il pezzettino di peperoncino rosso.
  5. Lasciare appassire i peperoni e sistemare nel recipiente il baccalà, incorporare e farlo stufare dolcemente per circa 10 minuti.
    Si serve sia caldo che freddo.

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Baccalà e peperoni finale

Ti è piaciuto questo post?