Blog

Il mio MTC 69 – La cucina alcolica

Lo so, lo so, lo avevate previsto che la mia sfida sarebbe stata all’insegna del gomito alzato.

Che mi piaccia cucinare e mangiare lo avrete capito dal fatto che ho un blog di cucina (vi vedo perspicaci, ragazzi miei), ma è altrettanto vero che mi piaccia bere. E non senza criterio, come i ragazzini che vanno a “spaccarsi” di amari, perché costano meno e sono più alcolici (pare che sia una delle mode del momento), ma imparando a bere meno e meglio. Poi non mi nascondo dietro al dito (vabbè, facciamo al bicchiere), io non disdegno nulla: amo la birra (quelle dai due malti in su, grazie), un buon vino, i liquori (specialmente quelli fatti in casa), ma per me il must è l’aperitivo. E aperitivo, come ormai ben saprete, per me ha solo un sinonimo: Negroni.

Sono partita da lui, dal mio amato Conte, per sviscerare la mia sfida, ed l’argomento si è palesato: la mia sfida è quella sulla cucina alcolica.

Una sfida che parla di cocktail, di destrutturazione e di cibo.

Il regolamento sul sito dell’MTC spiega in maniera esaustiva la follia che sta dietro questa frase, ma ho pensato che due esempi pratici di quella che di là chiamiamo “destrutturazione eretica” (ce n’è anche una pura, per i coraggiosi all’ascolto) potessero chiarire quello che è il cuore di questa sfida.

Bando alle ciance, e partiamo con la spiega della sfida sulla

CUCINA ALCOLICA

La destrutturazione ortodossa

Per quanto riguarda la destrutturazione ortodossa, non vi faccio esempi, perché è più semplice da spiegare (ed è uno di quei casi in cui è decisamente più facile a dirsi che a farsi): tutte le componenti del cocktail che sceglierete devono essere scomposte e quindi ricomposte tali quali, ma mutate di forma in un altro piatto, senza aggiunte di sorta. Tecnicamente molto più difficile, perché per poterlo fare dovete reinterpretare ogni singolo elemento. Il paragone illustre è l’Americano solido di Cedroni, ma ci sono molti esempi in materia. Non vi cito esempi di quel che potreste fare, perché oggi ne abbiamo sviscerati alcuni, e ci sono delle figate senza senso, che io mi auguro di vedere.

Mi concentro di più sulla parte di vera cucina alcolica, perché è quella dove gli esempi vi aiuteranno a capire meglio cosa si intende.

La destrutturazione eretica (o eterodossa, se vogliamo esser buoni)

Qui il discorso cambia leggermente, perché lo scopo è sempre destrutturare il coktail nelle sue singole componenti, per poi usare quelle nella creazione di un piatto (che può essere anche la rielaborazione di un piatto della tradizione), avendo cura di non aggiungere troppi ingredienti e sofisticazioni, prché lo scopo è quello di tenere al centro il cocktail, il cui sapore bisogna poter riconoscere all’assaggio del piatto.

Ne è un esempio il patè di maiale in gelatina di Negroni che trovate qui sotto: all’assaggio il Negroni si riconosce e, anzi, caratterizza la preparazione. Nel caso di questa gelatina, ho mantenuto intatte le proporzioni di un vero Negroni, e ne ho mantenute anche tutte le parti alcoliche.

Se scegliete la destrutturazione eretica e scegliete di partenza un cocktail formato da 2 o più parti alcoliche, c’è una deroga: tenendo fermo che nella proposta finale è obbligatoria almeno una parte alcolica, non dovete usare per forza tutte le parti alcoliche, ma alcune di esse possono essere “sublimate” con componenti ancora più basiche, come gli ingredienti che si usano per creare quei liquori. Vi faccio l’esempio del mio pollo fritto al Negroni, che casca a fagiolo. Il Negroni è sempre vermouth rosso, bitter e gin, ma io non ho usato tutti e tre gli alcolici: ho usato il vermouth in marinatura insieme ad un infuso di bacche di ginepro (base primaria del gin) e ho affumicato il pollo con delle erbe bitter (base, appunto del bitter). Una ricetta del genere andrebbe bene per partecipare alla sfida, tanto per capirci.

Ne è un ulteriore esempio il bonet bianco con caramello allo scotch che trovate più in basso e che rielabora il Godfather (cocktail composto da 1/2 scotch e 1/2 amaretto di Saronno): l’amaretto sembra predominare il dolce perché è presente sotto forma di liquore e di amaretti sbriciolati nel bonet, pertanto ho deciso di usare lo scotch nel caramello sia prima che dopo la cottura, per riequilibrare le percentuali. Infatti, vi chiedo di scrivere il coktail scelto per la riceta ele sue dosi, per valutare anche se l’equilibrio del cocktail è rispecchiato dal piatto che creerete (è un valore non scientifico, ma se c’è uno spruzzo di limone nel cocktail e si trasforma in una mousse al limone, qualcosa non va).

Spero che tutto questo scrivere non vi abbia ucciso e che abbiate trovato fra qui e il regolamento la chiarezza che abbiamo cercato di portare.. ma tanto lo so che mi ammazzerete, fra gruppo e filo diretto 😀

Buona sfida a tutti.. ed ecco i miei esempi pratici!

Patè di maiale con gelatina al Negroni

Ingredienti per il patè:

  • 250 g di polpa di maiale macinata
  • 1 piccola carota
  • 1 pezzo di gambo di sedano
  • 1 piccola cipolla
  • 80 g di burro
  • olio extra-vergine
  • sale
  • pepe

Procedimento:

  1. Tritate grossolanamente le verdure; fate scaldare un filo d’olio in una padella e fate insaporire il trito di verdure. Dopo qualche minuto, unite la polpa di maiale e cuocete per circa 20 minuti a fiamma media. Salate e pepate.
  2. Lasciate raffreddare, quindi versate la carne nel frullatore e sminuzzate (io ho scelto di lasciare una consistenza non troppo vellutata, ma potete scegliere voi la consistenza che preferite).
  3. Unite il burro morbido e frullate ancora.
  4. Mettete il patè nel contenitore che userete per servirlo, badando di lasciare almeno 3-4mm liberi dal bordo, perché dovrete poi aggiungere la gelatina.

Ingredienti per la gelatina al Negroni:

  • 25 ml di vermouth rosso
  • 25 ml di gin
  • 25 ml di bitter
  • 25 ml di acqua
  • 4 g di colla di pesce

Procedimento:

  1. Preparate un Negroni con vermuth, bitter e gin.
  2. Ammollate la colla di pesce in acqua fredda per 10 minuti, quindi fatela sciogliere in 25 ml di acqua bollente, in una piccola terrina (che dovrà poi contenere anche il Negroni).
  3. Lasciate intiepidire e aggiungete il Negroni nella terrina, a poco a poco, mescolando con una frusta. Questo procedimento serve per evitare lo choc termico e la conseguente formazione di grumi.
  4. Prendete il contenitore dove avete messo il patè e versatevi la futura gelatina al Negroni sopra.
  5. Mettete in frigorifero per almeno 2-3 h prima di servire.

Bonet bianco con caramello allo scotch

Ingredienti (per 6-8 persone)

  • 150 g di zucchero per il caramello
  • 2 cucchiai di scotch
  • qualche goccia di limone
  • 6 uova
  • 70 g di zucchero
  • 500 ml di latte fresco intero
  • 100 g di amaretti tritati finemente
  • 2 cucchiai di liquore all’amaretto

Opzionali:

  • 2 cucchiai di scotch
  • amaretti per decorare

Procedimento:

  1. Per prima cosa preparate il caramello: mettete lo zucchero insieme a due cucchiai di acqua e ad un goccio di limone in un pentolino a fondo spesso e lasciate sul fuoco basso, senza mai girare -al massimo ruotate il pentolino, fino ad ottenere il caramello del colore che preferite.
    Rivestite con il caramello il fondo e le pareti dello stampo (uno da plumcake è perfetto), facendo attenzione a non scottarvi. Lasciate da parte.
  2. In una terrina, sbattete con le fruste a mano uova e zucchero, fino ad incorporare bene quest’ultimo, ma cercando di incorporare meno aria possibile.
  3. Pre-riscaldate il forno a 180°C.
  4. Aggiungete quindi al composto il latte, continuando a mescolare con la frusta, e infine la polvere di amaretto e il liquore.
  5. Versate il composto nello stampo precedentemente rivestito di caramello, quindi mettete lo stampo in una teglia più grande e versate acqua calda fino ad arrivare ad almeno metà dello stampo del bonet; avete preparato il bagno maria che servirà per la cottura.
  6. Infornate in forno già caldo per circa 40-45 minuti (fate la prova stecchino per valutare la cottura).
  7. Sfornate, eliminate l’acqua del bagno maria, quindi lasciate raffreddare prima di capovolgere il dolce sul piatto da portata (capiente, perché dovrà contenere anche il caramello).
  8. Una volta girato il bonet sul piatto, ho raccolto buona parte del caramello (che con la cottura diventa molto liquido) in una tazza (semplicemente inclinando il piatto) e ho aggiunto altri 2 cucchiai di scotch, mescolando. Una volta tagliate e servite le fette, ho guarnito con il caramello allo scotch.

 

Saint Honorè (R)evolution per l’MTC : il cannolo Saint Honoré

Cannolo Saint Honoré copertina

Mentre leggevo che la ricetta della sfida n. 68 dell’MTChallenge aveva come oggetto del contendere i cannoli di sfoglia alla crema, avevo già lo smartphone in mano, pronta a comporre il numero del Pittore per dirgli che doveva considerarsi un uomo fortunato, visto che quei piccoli scrigni sono fra i suoi dolci preferiti. Immaginavo già che avrebbe esultato e programmato di dedicarsi alla scultura, solo per poter fare una scultura a Francesca, che finalmente avrebbe portato i cannoncini home-made nella nostra vita.

Poi sono andata a leggere il suo post, e ho scoperto che i cannoli dovevano essere due (anche se non necessariamente in coppia) e che dovevano essere dedicati a qualcuno, e il 2+2 è stato immediato: il dedicatario di quei cannoli l’ho svelato fin dalla seconda riga (non vi faccio nemmeno arrivare in fondo per scoprire chi è l’assassino), ma in brevissimo tempo ho anche messo insieme l’idea, la ricetta che avrei voluto realizzare e come avrei voluto che risultasse. Ma la cosa incredibile è che il risultato finale è esattamente quello che avevo immaginato, sognato, bramato: che sia bravura o una sonora botta di culo poco importa, ciò che conta è il risultato.

Ma torniamo alla dedica, che faccio precedere da una foto dello step intermedio della mia realizzazione, ovvero i miei due cannoli destrutturati alla Saint Honorè, con crema chantilly e crema chibouste (che in questa foto è rappresentata nella crisi esistenziale nota come “è ottobre a Torino e ci sono 25 gradi all’ombra”).

Appena ho letto della sfida e della dedica, infatti, ho subito pensato al primo compleanno del Pittore festeggiato insieme, a quella Saint Honoré che ha occupato le mie giornate e mi ha fatto metter su una task force di consigli gastronomici che nemmeno l’FBI saprebbe mettere insieme. Il tutto perché mi ero decisa (leggasi “fissata”) a preparare il suo dolce dei sogni, per fortuna riuscendoci; ho ancora ben chiaro il religioso silenzio che ne ha accompagnato l’assaggio, seguito solo da una serie di mugolii e da uno strafocamento da manuale (anche mio, beninteso, che non mi tiro mai indietro).

Ricordando quelle giornate, quel darsi da fare febbrile solo per soddisfare un piccolo e innocuo desiderio della persona che ami, ho saputo fin da subito che i miei cannoli sarebbero stati una Saint Honorè destrutturata e poi ri-strutturata, e non a caso. Perché anche il fatto stesso di scomporla in pezzi, di rielaborarla, di cambiarla, ma lasciarla invece intatta nella sua essenza è un inno alla rivoluzione, all’evoluzione mia e sua, nostra.

Negli anni fra quella Saint Honoré e questo cannolo è cambiato tutto: è arrivata Olivia a mutare ritmi e priorità (lei è sempre prima nei miei pensieri, ovviamente), io ho cambiato i miei obiettivi di vita, mi sono rimessa a studiare e infine ho stravolto in tutto e per tutto la mia condizione lavorativa, lui ha abbandonato un vicolo cieco e ha deciso con una determinazione che gli vorrei tatuata addosso di inseguire il sogno di fare della pittura la sua professione e ora, dopo tanto cercare, c’è finalmente anche uno spazio in cui potersi esprimere appieno.

Sono stati anni pieni, densi, a volte faticosi, ma ricchi di stimoli, di vita. Una rivoluzione che è una evoluzione, sicuramente non destinata a finire qui.
Nel 2016 mi ero auto-predetta che il 2017 sarebbe dovuto essere il mio anno, e così è stato.

Ora la mia dedica è questa: che il 2018 sia l’anno del Pittore (che potete anche immaginare un po’ come l’anno della scimmia o del topo nel Calendario Cinese, ma con meno peli), che possa mordere la vita e le occasioni che arriveranno (perché arriveranno) come ti ho visto mordere questi cannoncini alla crema (voi non lo avete visto, ma io sì).

Poi, se nel mentre riusciamo anche a non spatasciare crema ovunque, è tutto di guadagnato.

Ora, cara Francesca, giuro che passo alla ricetta.. e spero mi perdonerai per aver ascoltato solo con un orecchio quel che mi hai detto nel filo diretto. Ma l’idea era troppo forte in me, e sono andata avanti, a discapito di tutto.

I miei due cannoli, infatti, come già ho scritto più in su (fra fra là a qui sono passate due Divine Commedie, quindi meglio ripetere) sono due mezzi cannoli, serviti al piatto: uno è guarnito della classica crema chibouste alla vaniglia propria della Saint Honoré, l’altro di crema chantilly (panna e zucchero e velo). La particolarità, però, è che i due mezzi cannoli da soli non stanno: nascono per essere accoppiati fra loro e, a quel punto, prendono la loro vera essenza, quella di un cannolo Saint Honoré, guarnito di tutto punto da micro-bigné intinti nel caramello (io non li ho riempiti di panna solo per mantenere ancora una dignità, ma sappiate che si può fare).

Se avete seguito il mio racconto fin qui, non credo ci sia bisogno che vi spieghi la metafora dei due mezzi cannoli; nel caso, scrivetemi in privato, che vediamo di aprire un tutorato.

CANNOLO SAINT HONORÉ DESTRUTTURATO

Vista la mole di componenti e di passaggi, analizzo le parti pezzo a pezzo, nell’ordine con cui le ho fatte.

Il giorno prima:

La pasta sfoglia

(ricetta di Francesca seguita passo passo, io ho solo fatto mezza dose, che riporto qui -con queste dosi sono venuti 20 cannoli piccoli -circa 3/5 cm)

per il panetto

  • 175 g burro
  • 75 g farina 00

Per il pastello

  • 175g farina 00
  • 75 g burro
  • 5 g sale
  • 5 g di malto (facoltativo)- io l’ho omesso
  • 25 g acqua fredda
  • 30 g vino bianco secco

Procedimento
Per prima cosa preparate il panetto usando la foglia della planetaria, amalgamando il burro ancora freddo di frigorifero e la farina. Il composto non va lavorato troppo a lungo, deve essere omogeneo ma il burro deve mantenere una discreta plasticità.

Fatto questo modellate il panetto dando una forma quanto più rettangolare possibile e avvolgetelo in pellicola alimentare, riponendolo in frigo per un’ora e mezzo.

Nel frattempo preparate il pastello: inserite la farina e il burro in planetaria munita di gancio e impastando con i liquidi (l’acqua fredda con il sale disciolto all’interno e il vino bianco secco, freddo anch’esso). Non lavorate troppo l’impasto: lasciatelo un po’ grezzo, poiché saranno le stratificazioni successive a rendere l’impasto liscio e perfetto.

Avvolgete l’impasto nella pellicola e fatelo riposare in frigo per mezz’ora. Trascorso questo tempo ho riprendete l’impasto stendetelo con il mattarello cercando di dargli una forma rettangolare fin da subito. Tenete a mente che durante la preparazione la forma rettangolare va mantenuta il più possibile affinché non ci siano sovrapposizioni di pasta e non si rischi di ottenere una sfogliatura troppo disomogenea,. Ricordate anche che durante tutti i passaggi della lavorazione il mattarello e il piano andranno sempre leggermente spolverati di farina, per evitare che la pasta si attacchi.
Stendete la pasta allo spessore di 1 cm circa e stendete anche il panetto freddo, fino a che non è della altezza del pastello ma di metà larghezza, in modo tale che una volta poggiato nella parte centrale della pasta sia possibile ricoprirlo con i due lembi di pasta. (Consiglio di guardare le foto passo passo di Francesca).

A questo punto, mantenendo i lati aperti in alto e in basso ho eseguito il primo giro a 3, (piegate come fareste con una lettera da inserire in una busta bassa e larga: portate la parte alta verso il centro e ricopritela con quella in basso, in modo tale da ottenere tre strati di pasta sovrapposti) e stendete nuovamente ad 1cm di spessore (tenete sempre il lato chiuso sulla destra). Subito dopo ho eseguito la prima piega a 4 (ribaltato il lato inferiore e quello superiore verso il centro e poi ho chiuso a libro la pasta), in modo tale da ottenere quattro strati.

Mettete in frigorifero a riposare per 45 minuti circa. Una volta ripreso l’impasto, stendetelo, sempre in forma di rettangolo, mantenendo il lato chiuso alla vostra destra. La pasta sfoglia si stende sempre nel solito verso, lato aperto davanti, lato chiuso a destra, e sempre lavorando il più possibile in verticale.

A questo punto fate i restanti giri: due giri a 3 e due giri a 4, alternati sempre da riposi in frigo di 20-30 minuti. Una volta eseguiti tutti i giri la vostra sfoglia sarà pronta per essere cotta, deve fare solo un ultimo riposo in frigo di minimo un’ora. Io l’ho lasciata riposare tutta la notte.

E per giudicare il risultato, cara Francesca, non giudicare questa foto della pasta sfoglia da cruda, perché credimi, ho fatto questa foto con 100 angolazioni e condizioni di luce, ma questo è ciò che si vede.. una fava.

Il giorno dopo, riprendete la vostra sfoglia pronta, tagliatela in 4 parti (parlo a ragion veduta, se come me avete solo 6 stampi e dovrete fare 4 infornate) e lavoratene solo una alla volta, lasciando il resto in frigo. Stendete la sfoglia a 2mm di spessore (io uso questo mattarello con gli spessori, che mi ha cambiato la vita), tagliate delle strisce di larghezza 1,5 cm circa e avvolgetele sugli stampi a cono o a cilindro, sovrapponendo leggermente ogni giro di sfoglia al precedente. Fate riposare in freezer 5 minuti, quindi spennellate con uovo sbattuto, spolverizzate con zucchero a velo e cuocete in forno già caldo a 190°C per circa 15-17 minuti (sorvegliate il forno, perché carbonizzare è un attimo). Sfornate, lasciate raffreddare, togliete i gusci dagli stampi e ripetete l’operazione fino ad esaurimento della pasta.

Io ho fatto forme miste: cilindri, coni e mezzi cilindri, ottenuti tagliando solo la sommità del cilindro intero. Vi avviso, è difficile che questa ultima forma si mantenga bene in cottura, perché tende a scivolare dallo stampo; qualcuno quindi si rovinerà, se vorrete provare. Vi segnalo, però, che con un po’ di manualità e delle piccole bocchette per tasca da pasticcere, potrete mettere entrambi i ripieni in un normale cannoncino.

Ecco qui sotto i miei appena sformati.

Pasta choux

  • 92 g acqua
  • 83 g burro
  • 88 g farina
  • 13 g latte fresco intero
  • 135 g uova intere
  • 1 pizzico di sale

Procedimento

Anche il giorno prima, preparate la pasta choux. Mettete in un pentolino l’acqua, un pizzico di sale e il burro freddo tagliato a tocchetti, e portate a bollore con il fuoco al minimo. Quando bolle, versate al suo interno la farina precedentemente setacciata IN UN COLPO SOLO e mescolate vigorosamente con un cucchiaio di legno. Lasciate tostare qualche minuto, quindi togliete dal fuoco. Mettete il composto in planetaria e lasciate girare con la foglia fino ad intiepidimento (altrimenti girate il composto su un piano da lavoro e fatelo intiepidire spatolandolo). Ora aggiungete il latte in una volta sola, quindi le uova, poco per volta, senza continuare ad aggiungere prima che la quantità di uovo precedente sia stata del tutto assorbita dal composto. Una volta pronto il composto, mettetelo in una tasca da pasticcere resistente con una bocchetta piccola liscia.

Imburrate appena una teglia (togliendo con della carta da cucina il burro in eccesso), formate dei mucchietti di impasto il più piccoli possibile (raddoppiano, se non di più, in cottura, quindi tenetene conto a seconda delle dimensioni desiderate), tenendo la bocchetta della sacca da pasticcere non in verticale, ma quasi in orizzontale, a contatto con la teglia. Distanziateli bene tra loro. Con un dito bagnato nell’acqua, schiacciate lievemente la punta che inevitabilmente si creerà sui vostri bigné. Cuocete in forno caldo a 200°C per circa 3-5 minuti. Sfornate e lasciate raffreddare completamente.

Con queste dosi, se fate bignè minuscoli, ve ne verranno una caterva. Il mio consiglio è fare solo quelli che vi servono per decorare, quindi i restanti fateli di dimensioni normali, considerando che i tempi di cottura si alzano a 10-12 minuti.

Crema chibouste

  • 45 g latte fresco intero
  • 45 g panna fresca
  • 55 g tuorli d’uovo
  • 9 g maizena
  • 50 g zucchero
  • 1/2 bacca di vaniglia (semi e baccello)
  • 4 g colla di pesce

Procedimento

Il giorno prima o comunque qualche ora prima, preparate la crema chiboust. In un pentolino mettete panna e latte e portate a bollore. Nel mentre, in una terrina montate con una frusta a mano i tuorli con lo zucchero; aggiungete quindi l’amido di mais e montate ancora; infine, aggiungete i semi di mezza bacca di vaniglia e montate. Quando i liquidi sono arrivati a bollore, MENTRE SALGONO versate il composto di uova al suo interno e mescolate con una frusta. Quando il composto si addensa, togliere dal fuoco e mescolare ancora; quindi lasciare da parte (a temperatura ambiente; non è necessario raffreddarla).

Mettete a bagno la colla di pesce; trascorsi 10 minuti, strizzatela, asciugatela con della carta da cucina e aggiungetela alla crema, che sarà ancora sufficientemente calda, e mescolate accuratamente.

Meringa italiana

  • 70 g zucchero per lo sciroppo
  • 25 g acqua
  • 110 g albume
  • 20 g zucchero per la meringa

Preparate la meringa italiana. Mettete in un pentolino l’acqua con 70 g di zucchero e cuocete per ottenere uno sciroppo, che deve essere portato a 121°C. Nel frattempo, montate gli albumi con 20 g di zucchero. Quando lo sciroppo è a temperatura, versatelo a filo sugli albumi CONTINUANDO A MONTARE (ovviamente è più comodo in planetaria, ma si può fare anche con le fruste), e lasciate montare fino a raffreddamento del composto.

Unite ora qualche cucchiaiata di meringa italiana alla crema (non importa che sia ancora tiepida) e mescolate velocemente per rendere il composto uniforme; quindi aggiungete via via la meringa italiana mescolando dal basso verso l’alto in modo da ottenere un composto arioso. Mettete la crema in una tasca da pasticcere con bocchetta piccola e lasciate in frigorifero fino all’utilizzo (vi avviso che la consistenza della chiboust, una volta refrigerata, sarà bella solida -più gelatinosa di una mousse, per capirci. Qui sotto lo notate per il solco che ho creato mettendo un dito nella crema, che io ho fatto raffreddare prima di mettere nella sacca – foto a destra).

Crema chantilly

  • 200 ml di panna fresca
  • 2 cucchiai di zucchero a velo

Montate la panna con lo zucchero a velo fino alla consistenza desiderata. Mettete la panna in una tasca da pasticcere con bocchetta piccola.

Caramello

  • 100 g di zucchero
  • qualche goccia di limone
  • qualche goccia d’acqua

Mettete in un pentolino (possibilmente a fondo spesso) lo zucchero con i due liquidi, quindi fate sciogliere a fuoco lentissimo senza mai mescolare (al massimo roteate il pentolino) finché il caramello non avrà l’intensità desiderata.

Composizione del dolce

Per prima cosa preparate i due mezzi cannoli destrutturati: guarnite un mezzo cannolo con la chibouste e l’altro con la chantilly. Quindi, unite le due metà, lasciando la parte con la chantilly sopra.

A questo punto, intingete delicatamente (ovvero facendo attenzione a non bruciarvi) prima la sommità, quindi il fondo i mini bignè (volendo riempiti di panna – per viziosi) nel caramello, quindi fateli aderire alla superficie del cannolo.

Et voilà una Saint Honorè in un boccone (massimo due).

Con questa ricetta partecipo alla sfida n. 68 dell’MTChallenge

Mezzi paccheri al ragù bianco di calamari e gamberoni con nocciole: storia di un Piemontese al mare

Se è vero che settembre è il mese degli inizi, molto più di gennaio, non c’è settembre che arrivi senza il ritorno dell’MTChallenge.

Quest’anno, poi, il ritorno è in pompa magna: non solo perché lui manca da 2 mesi e non solo da uno, ma anche perché io manco dalle sfide da almeno 3 o 4 mesi, ed era ora che ritornassi a cucinare un po’.

Poi metteteci pure che si torna con una sfida sulle paste di pesce lanciata da Sua Signora delle Acciughe et voilà, ecco gli ingredienti giusti per un ritorno in grande spolvero!

Certo, per “noi che siamo gente di pianura, navigatori esperti di città” (toh che pezzone vintage che vi butto così, con nonchalance) avere a che fare con le paste di pesce non è una roba da poco. Sì, potevo optare per un pesce d’acqua dolce, o potevo optare per le acciughe che tanto segnano la cucina piemontese, e invece no.

No, perché ho voluto onorare il paradosso che fa sì che il pesce più fresco si sia sempre riversato più nelle grandi città del nord che a due passi dal mare, e sono andata a pescare dal pescivendolo di fiducia due bei calamari e quattro gamberoni per realizzare un bel ragù bianco, quei ragù in bianco che tanto amo della cucina Piemontese.

A parte l’accorgimento di preparare in anticipo un bel fumetto (che è quello che rende una pasta col pesce una pasta col pesce con i controcazzi), la cottura di entrambi i pesci (che poi pesci non sono, ma passatemi questa imprecisione) è estremamente veloce, ancor più se tritati al coltello, quindi il sugo si prepara agevolmente nel lasso di tempo che va dal metter su una pentola d’acqua al momento di scolare la pasta.

Niente ore ai fornelli, insomma.. quindi non iniziate a trovare scuse.

Le uniche altre cose che dovrete fare sono scegliere la pasta giusta (una di quelle belle paste di grano duro trafilate al bronzo che vi fanno dire “ohhh, questa è pasta!”) ed imparare il movimento sensuale con il quale andrete a roteare la padella per mantecare perfettamente la pasta (ok, sporcherete un po’, ma vi assicuro che il risultato varrà tutto lo sgrassatore utilizzato per pulire la cucina). Trovate il video di come fare qui, preparato dalla mitica Greta. Provate questo metodo, e non ve ne pentirete (cioé, guardate qui sotto il risultato di questa pasta bella avvolta dal sugo)!

Il vero Piemontese, però, pur beandosi del pesce fresco che riesce a trovare nella bella Torino alla faccia di tutti quelli che hanno il mare davanti, non dimentica mai le sue origini: così nella mia pasta è finito a sfumare un bell’Erbaluce di Caluso metodo classico (quello ottimo di Orsolani, che ha accompagnato il mio pasto) e sul piatto finito una bella manciata di nocciole tostate (quelle di Altalanga) che, lasciatemelo dire, sono proprio la degna guarnizione di un piatto che è forse la cosa migliore che sia uscita dalla mia cucina negli ultimi tempi.

E tutto solo grazie agli stimoli che ogni mese mi arrivano dalla pazza pazza famiglia dell’MTC.

Mezzi paccheri al ragù bianco di calamari e gamberoni con nocciole

Ingredienti (per 2 persone):

Per il fumetto di gamberoni

  • teste e carapaci di 4 gamberoni
  • una noce di burro
  • un gambo di sedano tritato finemente
  • mezza cipolla piccola tritata finemente
  • qualche grano di pepe nero pestato
  • mezzo bicchiere di vino bianco
  • 1 l di acqua fredda

Per la pasta

  • olio extra-vergine di oliva
  • 2 piccoli spicchi d’aglio
  • mezza cipolla
  • 2 calamari
  • 4 gamberoni
  • un bicchierino di vino bianco
  • 250 g di mezzi paccheri (per me quelli del Pastificio dei Campi)
  • una manciata di nocciole tostate (circa 12-15), tritate grossolanamente

Procedimento:

  1. Il giorno prima rispetto a quando volete preparare la pasta, acquistate il pesce (bello fresco, ovviamente) e portatevi avanti con la preparazione del fumetto di gamberoni. Per prima cosa, sgusciate i gamberoni, mettendo da parte teste e carapaci, e conservando il resto in frigo.
    Io ho seguito la ricetta di Shaun Hill trovata su Mtchallenge, riducendo le dosi un po’ ad occhio. Scaldate una noce di burro a fuoco dolce in un pentolino che possa contenere circa 1 litro di acqua. Unite i carapaci e le teste dei gamberoni e mescolate continuamente, finché sentirete profumo di pesce cotto (ci vorrà qualche minuto). Unite quindi tutti gli altri ingredienti e portate a bollore. Schiumate, quindi cuocete a fuoco dolce per circa 40 minuti, quindi filtrate e raccogliete il liquido in un contenitore. Quando freddo, eliminate l’eventuale grasso in superficie e le impurità.
  2. Il giorno dopo, preparate il ragù: la cottura sarà molto breve e sarà sufficiente il tempo di cottura della pasta, quindi l’unica cosa da fare in anticipo è tritare il pesce. Pulite e lavate i calamari, quindi tagliateli al coltello il più finemente possibile; tritate la polpa dei gamberoni al coltello.
  3. In una padella capiente (dovrà contenere anche la pasta), mettete un giro generoso di olio extra-vergine di oliva e scaldate a fuoco dolce, quindi aggiungete due spicchi d’aglio schiacciati e mezza cipolla tritata finemente e lasciatela appassire, sempre a fuoco dolce.
  4. Nel frattempo, portate a bollore una pentola di acqua salata e fate scaldare il fumetto preparato il giorno prima.
  5. Quando buttate la pasta (che avrà tempo di cottura circa 13 minuti, in media), aggiungete nella padella del soffritto il trito di calamari e gamberoni, alzate il fuoco a fiamma media e fate cuocere per 10 minuti, sfumando prima con un bicchierino di vino bianco e quindi aggiungendo un mestolo del fumetto di gamberoni.
  6. Quando la pasta sarà ancora al dente (dopo circa 9-10 minuti di cottura), scolatela con una schiumarola e aggiungetela al ragù. Portatela a cottura aggiungendo il fumetto un mestolo alla volta e facendo mantecare la pasta roteando la padella.
  7. Quando la pasta sarà cotta e ben mantecata, impiattate e guarnite con la granella di nocciole.

Con questa ricetta partecipo all’MTC n° 67

Ciambella alla ricotta… e riapriamo le danze!

2 mesi.

2 mesi che non scrivo nulla su questo blog, e in cui la mia cucina si è quasi fermata.

Si chiama cucina di sopravvivenza: prendi un periodo di lavoro intensissimo (nel frattempo sono diventata lavoratrice autonoma, e ora al grido di “fatturare fatturare fatturare” di tempo a lavorare ne passo parecchio, e ben venga), mescola con un caldo terrificante che ha sciolto metà abitanti d’Italia, e aggiungi un pizzico di mancanza di voglia (e tempo) per fotografare-scrivere-pubblicare.

Però per una torta da colazione si trova sempre il tempo, specialmente ora che è settembre e che ritorna il fresco (maddove??), la voglia di programmare (ne ho parlato qui) e di cucinare qualcosa di più di un uovo sodo.

Insomma, la ciambella alla ricotta di Simona per ri-inaugurare il forno dopo la pausa estiva ci stava proprio.

Ciambella alla ricotta

CIAMBELLA ALLA RICOTTA

Ingredienti (per uno stampo da 22cm)

  • 200 g di ricotta fresca a temperatura ambiente
  • una bacca di vaniglia (o altro aroma, come scorza di agrumi grattugiata)
  • 2 uova grandi a temperatura ambiente
  • 160 g di zucchero
  • 50 g di burro fuso freddo (oppure 45 g di olio di semi di girasole)
  • 200 g di farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci (16 g)
  • 2 cucchiai di latte a temperatura ambiente

Procedimento:

  1. Circa mezz’ora prima di preparare la torta, tirate fuori dal frigo la ricotta e lavoratela accuratamente con un cucchiaio fino ad ottenere una crema liscia; lasciatela a temperatura ambiente.
  2. Aprite a metà la bacca di vaniglia e grattatene la polpa con un coltello, inserendola nella ciotola della planetaria, o in quella dove monterete le uova.
  3. Aggiungete quindi le uova e lo zucchero e montate il composto per 10 minuti fino ad ottenere un impasto chiarissimo e spumoso.
  4. Quando il composto di uova è diventato chiaro, aggiungete il burro fuso freddo a filo, continuando a montare per un altro minuto.
  5. Aggiungete un cucchiaio di farina, quindi mescolate nuovamente con le fruste, ma a velocità media, per incorporare bene la farina.
  6. Aggiungete quindi a cucchiaiate la ricotta a temperatura ambiente mescolando a velocità media. Amalgamate per circa 3 minuti: il composto deve presentarsi cremoso ed omogeneo.
  7. A questo punto aggiungete la farina, precedentemente mescolata con il lievito, in un solo colpo, e continuate ad amalgamare a velocità bassa.
  8. Pre-riscaldate il forno a 180°C.
  9. Aggiungete i cucchiai di latte e proseguite a velocità bassa per circa 5 – 7 minuti.
  10. Imburrate uno stampo (a ciambella o no) da 20-22 cm ed infarinatelo.
  11. Trasferite l’impasto nello stampo e livellate bene la superficie.
  12. Infornate la ciambella alla ricotta in forno ben caldo per circa 30-35 minuti. Fate comunque la prova stecchino prima di sfornare.
  13. Sfornate la torta e lasciate raffreddare 10 minuti nello stampo. Poi sformate la torta su una gratella per dolci e lasciatela raffreddare completamente, prima di tagliarla.

Ciambella alla ricotta

L’aperitivo italiano: il Negroni (sottotitolo: io e il Negroni, una storia d’amore e di alcool)

Il calendario del cibo italiano dedica un’intera giornata all’aperitivo, una di quelle meravigliose tradizioni che hanno caratterizzato la nostra storia e il cui uso è tanto radicato in noi da sembrarci assolutamente naturale.

Io, per esempio, ho un’assoluta venerazione per l’aperitivo: l’idea di bere qualcosa che apra lo stomaco e prepari alla cena, con un piccolo accompagnamento di cibo che aiuti ad alzarsi ancora dal tavolo dritti e, cosa ancor più importante, che non rovini l’appetito.

Se parlo di accompagnamento doveroso è perché per me l’aperitivo non è certo un analcolico: per me aperitivo è sinonimo di Negroni, un cocktail la cui storia affonda le radici nella Firenze degli anni ’20, quando il Conte Camillo Negroni chiese al suo barman di fiducia Fosco Scarselli di rinforzare il suo Americano (vermouth rosso/bitter/soda) con del Gin e di eliminare la soda. [sottotitolo: “è l’uomo per me].

Così nacque il Negroni, dal felice incontro di bitter, vermouth rosso e gin. Nella foto che segue vedete anche un altro ingrediente, che scoprirete fra poco.

In realtà in questa genealogia manca ancora il “terzo incomodo”, ovvero il Mi-To (vermouth rosso/bitter), secondo autorevoli fonti progenitore dell’Americano, e quindi capostipite di risulta anche del mio amato Negroni. Questi tre cocktail sono nati, vissuti e si sono succeduti in uno strettissimo giro di anni, quindi molte sono le leggende e le storie che si intrecciano su chi sia venuto prima e perché ma, quale che sia la storia, io non ho dubbio alcuno su quale sia il vincitore morale di questa competizione fra titani: lui, il prodotto d’amore del Conte. Certo la penseranno diversamente Ilaria e Milena, che oggi dedicano dei bellissimi post al Mi-To e all’Americano… ma possiamo sempre discutere la faccenda come vere signore, ovvero al bancone di un bar!

Per la splendida grafica, grazie grazie grazie a Dani di Acqua e Menta

Vi ho già raccontato qui tutti i motivi del mio infinito amore per il Negroni e del perché sia l’unico e solo cocktail del cuore, ma oggi scoprirete che il mio amore per lui è tale da voler creare un bitter fatto in casa per renderlo ancor più speciale.

La preparazione del mio Negroni inizia da questo bitter. Ingredienti fondamentali sono un mix di spezie bitter, due settimane di pazienza e un’amica come Greta che ti porti sulla “cattiva” strada, dandoti mille idee per rendere il tuo armadietto dei liquori degno di uno speakeasy protezionista.

BITTER ALLE AMARENE ED AGRUMI

Ingredienti (le dosi originali erano dimezzate, ma melius abundare.. )

  • 400ml vodka
  • 8 chiodi di garofano
  • 2 anice stellato
  • 2 cucchiai di scorze di limone (per me intere, tagliate con il pelapatate)
  • 4 cucchiai di scorze di arancia (per me intere, tagliate con il pelapatate)
  • 4 cucchiai di amarene fresche intere (io le ho denocciolate), oppure disidratate
  • 2 cucchiai di bitter mix (prima che vi chiediate dove trovarlo, pensando di dover andare chissà dove, io l’ho recuperato da Tiger: lo trovate fra le spezie e si chiama Kreuter Bitter – marca Hedebogard)

Procedimento

  1. In un barattolo o in una bottiglietta aggiungi le spezie, le amarene, il bitter mix e tutte le scorze.
  2. Copri tutto con la vodka, chiudi ermeticamente e lascia riposare per almeno 15 giorni. Ricordati di agitarlo ogni tanto.
  3. Passata una settimana agita apri e annusa: se trovi ci sia qualche spezia troppo preponderante aggiungi ancora amarene.
  4. Questo che vedete è il risultato di colore dopo due settimane.

Una volta che avete il vostro bitter, nettare degli Dei da aggiungere goccia a goccia al vostro Negroni, potete passare alla preparazione del cocktail vero e proprio. No, anzi, prima preparate qualcosa da mangiare: vorrete mica far sciogliere il ghiaccio e annacquare il Negroni?

Io ho scelto uno stuzzichino semplicissimo, ma perfetto per accompagnare un drink pre-dinner ed insieme un omaggio alla Firenze del Conte: cubotti di schiacciata toscana con pecorino Toscano fresco e finocchiona. Non credo ci sia bisogno di mettere la ricetta, vero?

Ora sì che potete dedicarvi al Negroni!

Il (Conte) Negroni

Ingredienti:

  • 1/3 vermouth rosso (per me Martini riserva Rosso Rubino)
  • 1/3 bitter (per me il più classico dei classici, il Campari)
  • 1/3 di gin (ho scelto un gin piemontese, molto aromatico, il Bordiga)
  • qualche goccia di bitter alle amarene e agrumi
  • ghiaccio
  • fetta di arancia

Procedimento:

  1. Mettete in un tumbler basso (purtroppo io non lo avevo a disposizione, oggi, e ho cercato la cosa che gli andasse più vicina) dei cubetti di ghiaccio, da 3 a 6 a seconda delle dimensioni.
  2. Versate i tre ingredienti principali e miscelate.
  3. Aggiungete qualche goccia di bitter, mescolate, assaggiate e nel caso aggiustate.
  4. Guarnite con la fetta di arancia.
  5. Bevete subito e con gusto.

Mi raccomando, non mancate di andare a leggere storia e ricette da Ilaria e da Milena (link cliccando sulle loro bellissime foto)

 

L’Americano (liquido e solido) di Mile
Il Mi-To di Ilaria

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ora in home sul sito del Calendario Italiano del Cibo trovate tutti gli altri grandi cocktail Italiani che hanno fatto la storia. Non perdeteveli! E le sorprese non finiscono qui!

Crêpe is the new black: il sesto libro dell’MTC

Crêpe is the new black cop.

Scusaci Piper, scusaci.

E chiedo scusa anche a tutti i creatori, sceneggiatori, registi e cast tutto di OITNB, perché ieri di voi non si è ricordato nessuno.

Tutti intenti a capire cosa ci fosse dietro quel nuovo acronimo che ha invaso Facebook per tutta la giornata di ieri. Ebbene, tanto per cambiare, dietro si celava il solito MTChallenge, con l’uscita del suo SESTO libro, Crêpe is the new black, #CITNB!

Annunciamo con gioia la sua nascita, e aggiungo di mio pugno che è la solita figata pazzesca, a partire dalla copertina.

crepe is the new black copertina

La struttura è sempre quella che seguiamo da L’ora del Paté, Insalata da Tiffany, Dolci Regali, Torte Salate e Dietro la Lasagna: una prima parte di teoria, con tecniche, ingredienti, attrezzature e spiegazioni varie: crêpes ma anche pancakes, waffles, blinis e cialde, di tutti i tipi. Segue la parte centrale, questa volta dedicata a un Giro del Mondo in 45 crêpes (e vi prego di prendere alla lettera il Giro del Mondo perché i 5 continenti ci sono tutti).

Crepe is the new black mondo

Poi la parte della Dispensa, con burri “vecchi” e nuovi, pralinati, creme, sciroppi, curd, confetture e paté e creme spalmabili salate, per sondare tutte le infinite possibilità di farcire queste preparazioni. Poi la parte creativa, con le ricette della sfida e, infine, la rubrica più consultata, quella del “Facile e Veloce”, per un libro che, al pari degli altri, vorremmo che venisse consultato tutti i giorni dell’anno, con le solite “più di 100 ricette” che sono un altro dei nostri biglietti da visita.

Crepe is the new black -porter

Da oggi, Crepe is the New Black è in vendita nelle edicole, con La Nazione e Il Resto del Carlino

Dal 15 giugno, sara’ nelle librerie, al prezzo di €14,90.

E’ prenotabile, con lo sconto del 15%,  su Amazon (dove siamo stati primi in classifica prima ancora di uscire :), appena si è diffusa la notizia del lieto evento), su IBS e sul sito di Feltrinelli.

PS. Dentro (al libro, non in carcere), ci sono anche io, con questa ricetta qui. Se volete scoprire di cosa si tratta.. accattatevillo!!

PPS: Per ulteriori informazioni, racconti e retroscena, andate sul sito dell’MTC.

Crepe is the new black - io