Granola bars (ovvero come ti affronto settembre)

Quando si dice che a settembre si ricomincia tutto, si pensa che piano piano si riprendano le normali attività quotidiane. Prima il lavoro, poi le scuole, così da arrivare nel giro di un paio di settimane a pieno regime con la routine usuale, magari con un po’ di musica soft di sottofondo e il canto degli uccellini.

Questa è la rosea immaginazione: settembre come una spintarella, un gentile “su, dai, riprendiamo la normalità”.

La realtà è che settembre è arrivato delicato e soave come un calcio nelle gengive: neanche il tempo di aprire la porta di scuola ed ero già in ritardo clamoroso sul progetto di tesi, il lavoro sembra un animale feroce che aspetta il momento di debolezza per sbranarti (e io, nel dubbio, mi fingo morta) e non so bene a chi possa chiedere l’aggiunta di un giorno alla settimana (battezzato il disperadì) per riuscire a portare avanti tutti quei meravigliosi progetti connessi al Salone del Gusto a cui ho aderito taaaanto tempo fa con taaaaaanto entusiasmo, e che vedrete ormai prestissimo (sempre che non-si-sa-chi accetti la mia richiesta per l’introduzione del disperadì).

Così, come si suol dire, a mali estremi estremi rimedi! Quindi ho preso una ciotola, miele e gocce di cioccolato (per il conforto), fiocchi d’avena, mirtilli rossi e uvetta (per la morbidezza), ho aperto la dispensa ancora stipata degli ottimi prodotti BIO Nuova Terra, ho tostato del miglio finché non ho sentito il profumo delle nocciole (faccio pure i trucchi magici, in questo settembre) e poi ho aggiunto tutti quei semi croccantini che fanno tanto bene, come sesamo, lino, papavero e zucca. Une bella mescolata e via, la teglia in forno per il tempo di un caffè (dai, facciamo due).. due colpi di coltello et voilà..

.. granola bars per tutti!

Granola bars, bites and chunk collage

E se non tutte le granola bars rimangono belle compatte? Se qualche pezzetto si stacca? Se mi vengono piccine? Si trasformano in granola bites, in granola chunk e se proprio proprio buttasse male anche granola powder (che tanto in inglese fa comunque figo, e non impegna).. qui non ci si scompone certo per così poco, vero o no?!

Anche perché, son buoni tanto quanto.. e sono il modo perfetto per iniziare la giornata, uno spuntino comodo da portare con sé, ma anche uno snack da divano, magari davanti ad un film.

Granola bites

GRANOLA BARS – DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE 

Granola bar, bites and chunk

Yogurt e dintorni – Granola al golden syrup

Della mia passione estiva per lo yogurt vi ho già ampiamente detto qui, ma non di solo yogurt si vive.. bisognerà pur aggiungergli qualcosa!

E quel “qualcosa” non potrebbe essere nulla di meglio che della granola fatta in casa.

La granola, per chi non la conoscesse, è costituita da un misto di fiocchi di avena (a volte insieme ad altri cereali, in fiocchi o soffiati), semi e frutta secca a cui viene aggiunto del miele (o simili), che viene reso croccante con una breve cottura e a cui poi  possono essere aggiunti altri elementi, come ad esempio frutta disidratata o cioccolato.

Ecco, questa è la sostanza, ma se avete assaggiato la granola industriale e se invece perderete quella mezz’ora di tempo per farvela in casa mettendoci ciò che più vi piace, capirete che fra le due esiste una differenza abissale. Io ho deciso di spendere un pochino del mio tempo per creare il mix giusto per me, che è costituito da fiocchi d’avena, semi (lino, sesamo, papavero) e mandorle, il tutto addolcito dal golden syrup (una delle cose di cui mi sono innamorata a Londra l’anno scorso, e che fa parte del mio bottino londinese) e arricchito da albicocche disidratate e uvetta sultanina.

E voi, di che mix siete?

Granola collage

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Granola finale