Le parole non le portano gli alligatori – Alligator cake

L’origine delle parole è da sempre un argomento che esercita un grande fascino su di me.

Al liceo, studiando greco e latino, ho imparato da dove derivassero tante delle parole che mi trovavo tutti i giorni a pronunciare e, invece di esserne compiaciuta o soddisfatta, mi chiedevo solamente da dove le avessero fatte derivare i Greci e i Latini, in una sorta di catena di Sant’Antonio della parola che non ho ancora ben capito fin dove arriva.

Sì, perché noi siamo qui ad indignarci per un congiuntivo sbagliato (e io sono la prima della fila, intendiamoci), per tutte le parole inglesi entrate a torto o a ragione nel nostro vocabolario, coniamo ogni giorno parole nuove, e io sto sempre lì a chiedermi “chi sarà stato il primo a scoprire che potevamo parlare?” “cosa avrà detto?” “e a chi?” (e poi “chi lo avrà capito?“).

Insomma, le classiche domande che ci si fa prima del caffè alle 7 del mattino.

Non è un caso, quindi, se in quel periodo cruciale fra la fine del liceo e l’inizio dell’università, mi sono innamorata de “Le parole non le portano le cicogne“, un libro di Roberto Vecchioni che credo di aver letteralmente consumato, e che si snoda proprio intorno al mondo della glottologia, oltre che intorno ad una storia d’ammmmore (le 4 M sono obbligatorie) adolescenziale che all’epoca mi faceva sognare (ora non l’ho più volutamente riletto, perché temo la caduta di un mito).

Ma torniamo alle parole, perché è proprio la genesi del nome di questa torta che mi ha intrigato oltremodo, costringendomi a provarla. L’ho incrociata su Facebook qualche giorno fa, da Alessandra, e mi chiedevo come mai avesse preso il nome dell’alligatore, se avesse dentro della rarissima farina di rettile, o se piuttosto avesse a che fare con i romanzi di Massimo Carlotto.

La curiosità era troppa, mi capite bene.

E quando, indagando, ho scoperto che il nome era nato da un banale errore di T9 settato sull’inglese invece che sull’italiano, che ha trasformato “allungata” in “alligator“, il battesimo è stato tutt’uno con l’acquisto degli ingredienti, con tanto di preparazione dello stencil a forma di alligatore.

Ed è così che, se una torta quattro quarti ALLUNGATA al caffè e arancia si è trasformata in una ALLIGATOR CAKE, c’è speranza per tutti di diventare qualcosa che non ci si aspetta.

PS. la torta è iper-burrosa, ricca di cacao e di sapori che non avrei detto, ma che si sposano perfettamente insieme. Insomma, l’alligatore ci ha visto lungo!

ALLIGATOR CAKE –> Download the English recipe (PDF) by clicking here

Un ritorno dolce.. ma non troppo! Guinness chocolate cake

Io: “Ciao, sono Giulia e non scrivo un post sul mio blog dall’anno scorso”

Tutti in coro: “Ciao, Giulia”

Ecco, questa sarebbe la mia presentazione se esistesse la “pessime foodblogger anonime“.

Insomma, è da Natale 2016 che manco su queste pagine, da ancor prima manca una bella ricetta, quindi non posso che tentare di farmi perdonare utilizzando il metodo più vecchio del mondo (no, non QUELLO), cioè offrirvi un bel dolce, uno di quelli che piacciono a me: non troppo dolce, bello umido, deciso nel gusto, con quel “non-so-che” che faticherete a riconoscere in una torta.

Beh, quel qualcosa è birra, una stout per l’esattezza. Quei 400ml di Guinness che sono lì, ma che si nascondono in maniera perfetta fra il cacao amaro, il burro (tanto, oh yeah) e lo zucchero di canna.

Ah, ovviamente i restanti 100ml della lattina di Guinness che si trova più frequentemente in Italia VANNO BEVUTI durante la preparazione della torta, è una regola non scritta!

guinness-chocolate-cake-finale

GUINNESS CHOCOLATE CAKE -> you can download the English recipe (downloadable PDF) by clicking here

guinness-chocolate-cake

Rimedi alle giornate al cardiopalma: le tortine alle carote e mandorle

Ieri doveva essere una giornata tranquilla, tanto più che non dovevo nemmeno andare a lavoro.

Sì, le solite cose da fare da donna-di-casa, magari un giro al parco con Olivia, una bella doccia, al massimo qualcosa di buono da cucinare.

E invece niente, quando una giornata è programmata per andare storta, non c’è nulla che potrà raddrizzarla.

Sì, perché in mattinata quel gran dritto del cane dei miei, Micky detto Pupi, età 15 anni, mezzo sordo, per l’altra metà cieco, incerto sulle zampine e, diciamolo, pure un po’ rinco (oh, vorrei vedere voi a quasi 100 anni), ha deciso che era ora di farsi una bella scampagnata in giro per il paese. Un cancello lasciato malauguratamente aperto, nessuno che si accorga del fattaccio per un’oretta buona, e lui, libero come il vento.

Per prima cosa, l’annuncio su Facebook, foto ovunque, condivisioni in lungo e in largo.

Poi, mi dico, carico Olivia in macchina e vado anche io a perlustrare la zona, sia mai che il recidivo (eh sì, il malandrino ha il vizietto della fuga) torni sul luogo del delitto. Arrivo in macchina, 45°C, Olivia con la lingua che ormai tocca il pavimento, e la batteria dell’auto dopo 6 anni di onorato servizio, è morta. Irrecuperabile.

Lascio Olivia, prendo la metro, mi faccio raccattare, aguzzo la vista, mi armo di smartphone con la foto segnaletica del fuggitivo, avvistato (Facebook santo subito) in un parco ad un Comune di distanza.. vecchio sì, ma con sprint! Da lì, confermato l’avvistamento, via dai Vigili Urbani, quindi al canile sanitario per il riconoscimento e la restituzione (dopo tanto di cattura, che nemmeno Cavallo Pazzo ha il suo curriculum vitae).

Caldo, ansia, preoccupazione per le condizioni in cui verserà la povera vittima… che se la ronfava beata in mezzo all’erbetta. Dalla contentezza, però, e in un evidente guizzo di gioventù ritrovata, ci ha persino accolto ritto sulle due zampe, come ai bei vecchi tempi di gagliardo cane/lemure… non c’è che dire, almeno non ha peccato di ingratitudine.

Dopo una giornata così c’è solo un rimedio: un bel dolcino, ma di quelli semplici e confortanti che piacciono tanto a me, perfetti come sfizio, come merenda e soprattutto per la colazione. Sono le camille di Assunta, da me trasformate in tortine di carote e mandorle (utilizzando questi deliziosi stampini, che io ho scelto in un bel verde pastello), di una morbidezza incredibile, e con un gusto che somiglia tanto alle camille di Antonio, gallina & CO., solo molto, ma molto più buone.

Tortine

Tortine primo piano

 

Di #FGD, magia, spezie e pumpkin pies

La settimana è arrivata.

Mancano quattro giorni quattro alla Foodie Geek Dinner, una cena in cui appassionati di cucina e di tecnologia (e, possibilmente, delle due cose insieme) legati spesso e volentieri in un rapporto virtuale quotidiano si trovano finalmente intorno ad un tavolo, le gambe sotto lo stesso, e lo smarthpone a portata di mano per fotografare/postare/hashtaggare, in una serata all’insegna dell’allegria, della convivialità e della magia.

Ebbene sì, non ho usato il termine a sproposito, perché il tema di questa cena è proprio quello della magia, perché Torino è da sempre “magica” e perché intorno al cibo avvengono tante piccole cose che spesso ci fanno pensare più ad una magia che al risultato un’azione umana.

Pensate ad una crema che fino ad un momento prima era liquida e il secondo dopo è densa proprio come la desideravate o, ancora, pensate ad un impasto che lievita, che raddoppia, che triplica, quasi come se dentro ci fossero forze invisibili a portarlo verso il cielo.

Ma soprattutto, per me, la magia più grande della cucina è quella di parlare senza le parole, quella di farci dire un “ti amo” con un pane appena sfornato, “scusa” con il piatto del core, “grazie” con una creme brulèe. Questa, per me, è la magia inaspettata, la più bella, quella di sostituirsi alle parole che, come diceva il buon Nanni Moretti, “sono importanti“, e il cibo pure.

La storia, però, in quanto al legame fra cibo e magia, ha sempre identificato come ingredienti magico/alchemici le spezie, quindi non posso che lasciarvi con una ricetta ricca di spezie e tipica, ma che più tipica non si può, della festa del Ringraziamento, per chi volesse cimentarsi con una cena a tema, o semplicemente per chi volesse provarla.

La ricetta è tratta dal libro Buon appetito, America! di Laurel Evans, consigliatissimo a chi sia in cerca di un libro sulla cucina made in US, compresa quella delle feste. Ho rielaborato le dosi della torta per adattarle alla mia tortiera apribile di diametro 20 cm.

.

Pumpkin pie blog

Pumpin pie fetta blog

Di viaggi verso nord e di pancakes all’inglese

Le mie vacanze verso nord (dopo quelle verso il profondo sud) sono finite ormai da un po’, ma ho avuto la fortuna di potermi concedere una settimana di villeggiatura a casa in compagnia di vecchi e nuovi amici, fra gite fuori porta, girule per Torino e provincia ed ottime (ed abbondanti, e troppe) cene. Ora si ritorna lentamente alla normalità, e ho finalmente anche il tempo per riordinare le idee e le suggestioni raccolte durante un’intensissima settimana di vacanza fra Francia ed Inghilterra via terra e mare (fingiamo che la mancanza della componente “aria” sia solo dovuta al fascino innegabile del viaggio in sé, e non anche al fatto che  un certo qualcuno a me vicino detesti volare).

L’accoglienza mattutina delle bianche scogliere di Dover (che vedete un po’ più in su) è un’esperienza di cui godere almeno una volta della vita, nonostante il vento gelido ed il mare arrabbiato (e la gente che, sfidando la sua rabbia, era in grado di ingurgitare salsiccia e fagioli alle 6,40 del mattino). Dover è una piccola cittadina assai gradevole e molto british, in cui è piacevole passeggiare per un paio d’ore. Se avete a disposizione un po’ di tempo in più (e non avete a carico due enormi zaini ad impedirvelo) potete sempre pensare di visitare il museo della città, in cui vedere la nave dell’età del bronzo (considerata la più antica al mondo) oppure visitare la casa dipinta romana.

Canterbury è però tutt’altro: oltre alla magnificenza (soprattutto esterna, fatemelo dire) della sua famosissima cattedrale, è una città molto viva, piena di gente, di musica per le strade, di ragazzi che vendono consigli, di locali e negozi, ed è una città molto verde. Se potete, quindi, godetevi almeno un giretto fra le sue strade pulite e curate, ma se il tempo vi assiste non dimenticate un bel giro lungo il fiume Great Stour, da cui godere di un verde visto solo in Gran Bretagna e di una pace che pare quasi irreale. Non so se me ne sia auto-convinta, ma ho trovato che la vegetazione incontrata lungo il fiume fosse assai preraffaellita, e alcuni scorci di questo fiume mi hanno catapultato dritta dritta nell’Ophelia di Millais.

Gli imperdibili a Canterbury: se siete in cerca di una sistemazione poco pretenziosa e davvero carina, con personale gentilissimo e spazi comuni a disposizione (salone con tv, libri e pc sempre aperto, utilizzo cucina e giardino all’inglese davvero delizioso) andate al Kipps e non rimarrete delusi. In serata, invece ( e andate presto se volete anche mangiare, visto che in settimana la cucina chiude alle 8), non perdetevi una birra a The Foundry Brew Pub. Stra-consigliata la Itzamna, una stout dall’alto tenore alcolico e con sentori di caffè e cioccolato, una delle migliori birre che io abbia mai assaggiato.

Canterbury blog

Dopo una giornata passata a Canterbury, il viaggio è proseguito verso la meta principale, Londra, che io non avevo mai visitato. Ovviamente è impossibile dire di aver visitato appieno Londra in due settimane, figurarsi in quattro giorni, ma posso davvero dirmi soddisfatta per essere riuscita a vedere tanto di quello che avrei voluto, e persino qualcosa in più. Di Londra non lascio un racconto, ma delle suggestioni, per immagini e in “poche” parole, con qualche consiglio che spero vi sarà utile per un futuro viaggio.

I luoghi-simbolo di Londra, gli imprescindibili, quelli da vedere almeno una volta, almeno da fuori. Quasi tutti (tutti quelli in foto, ma anche altri) sono sul Tamigi, e vi consiglio caldamente un bel giro a piedi sulle sue rive: più economico del battello, e permette di fare tutto secondo i vostri tempi. Metteteci anche che adoro camminare, e avete la ricetta perfetta.

Londra simboli blog

La Londra moderna, quella di vetro e acciaio, di ponti nuovi, ruote panoramiche e grattacieli. Una modernità a cui le capitali d’Europa e gli USA ci hanno ormai abituato, ma che per me sono sempre il simbolo di un’alterità affascinante rispetto all’Italia.

Londra modernità blog

Londra e i suoi parchi, giganteschi, verdissimi, rigogliosi, a tratti fin selvaggi, ricchi di corsi d’acqua, laghi e di tanti, tantissimi animali, dagli immancabili scoiattoli ai volatili di ogni specie.

Hyde Park, una tappa londinese irrinunciabile.

Londra Hyde Park blog

St. James Park, da cui vi consiglio di passare per arrivare a Buckingham Palace (non che a me interessasse particolarmente il palazzo.. giusto uno sguardo e via)

Londra St. James Park blog

Londra e i suoi teatri. Tanti me  lo avevano detto: andare a Londra è vedere uno spettacolo teatrale, e devo dar loro ragione. Un’esperienza che vi consiglio, tanto più che si ha davvero l’imbarazzo della scelta fra spettacoli, concerti e soprattutto musical. Io ho scelto di vedere Let it be al Garrick Theatre, un musical-concerto che ripercorre tutta la carriera musicale dei Fab Four, uno spettacolo davvero coinvolgente con musicisti eccezionali.

Londra Let it be blog

Non allego foto, ma non perdete la Londra dei musei: potete scegliere quel che vi interessa di più, dai gioielli, all’arte applicata, a quella figurativa, all’archeologia. Io ho visitato il British Museum, che pur non ho amato moltissimo (per le folla e l’organizzazione museale un po’ caotica, ma ha pezzi bellissimi ed importanti; imperdibile i fregi del Partenone -anche se visti con un po’ di magone-, e i reperti di Sutton Hoo, per respirare un po’ di antica Inghilterra, ma se avete un po’ di tempo non perdetevi tanti reperti orientali, romani ed un bella dose di Egitto -ma se volete per quello fate anche una gita nella mia Torino), la National Gallery (che vi consiglio di visitare per la parte pittorica, anche se ammetto di aver affrettato il passo su una buona fetta di ‘700 e ‘800 inglese, non troppo nelle mie corde). Amore totale e a prima vista per la Tate Modern, una tappa a cui non avrei rinunciato per nulla al mondo. Tantissimi altri musei mi aspettano ancora, vorrà solo dire che devo ritornare.

Londra e i suoi “mercatini” vintage o delle pulci, come Portobello Road (che non ho amato moltissimo, per i prezzi irraggiungibili e le folle oceaniche) e Camden Town, dove potete facilmente trovare un giubbotto di pelle a 10£ o 20£ (momento di gioia e gaudio della vacanza) o una sala da the nel seminterrato, The Basement Tea Room, consigliatissima per l’ambiente easy ed accogliente e per i prezzi bassi.

Londra Camden blog

La East London, quella per me inattesa, dell’Old Spitalfield Market e di Brick Lane con la sua matrioska di mercati, i suoi mille street food, i suoi murales e i suoi barbieri clandestini.

Londra inattesa blog

La Londra dei mercati alimentari, come Borough Market, con i suoi innumerevoli cibi da strada e le sue specialità alimentari tipiche (fudge, toffee, scones, pani tipici, cornish pastries, pannocchie e chi più ne ha più ne metta) e dal mondo.

Londra Borough Market blog

O il Covent Garden Market, il salotto buono, con delizie alimentari da mangiare qui ed ora (dalla paella al panino con l’anatra confit), oppure da portar via, come qualche prezioso the o degli eccellenti curd.

Londra Covent Garden blog

La Londra del cibo, quello che è sempre e ovunque, a qualsiasi ora e in qualsiasi luogo, quello locale e quello internazionale, il cibo da strada e i ristoranti chic. Io, a rappresentanza del cibo locale scelgo il Fish & Chips (che non avevo mai mangiato nella sua terra natia e che mi è piaciuto da morire) mangiato da Poppies a Camden Town; ma non mi sono certo fatta mancare English breakfast (mangiata a pranzo, con una birra, ché l’abbinamento fagioli/the ancora non lo reggo), porridge (di cui mi sono follemente innamorata), carrot cake, scones, cornish pie e tanto, forse troppo the (rigorosamente Earl Grey).

Londra fish & chips blog

Il ritorno verso casa ha previsto una tappa parigina, breve ma intensa. Mi sono fatta riconquistare dalla bellezza decadente del Père Lachaise, senza l’ansia di andar a cercare questa o quella tomba, ma gironzolando qui e là senza dimenticare i tanti morti senza nome che si celano in quel meraviglioso cimitero.

Parigi Pere Lachese blog

E poi, complici i numerosi posti che un certo qualcuno non aveva mai visto, un giro veloce Champs Elysèes-Arco di Trionfo-Montmartre-Notre Dame-Quartiere Latino (e poi morte civile) con camembert grigliato al miele e crème brulée finale.

Parigi blog
Insomma, un viaggio breve ma intenso, pieno di cose da vedere-provare-visitare-gustare-amare, che per la prima volta mi ha fatto approdare oltre Manica e che mi ha lasciato la voglia di tornare e magari di assaporare qualche luogo più bucolico e diverso da una Londra che mi è piaciuta, in cui sicuramente tornerò, ma che non mi ha rapito del tutto il cuore.

Alla fine di questo lunghissimo post vi lascio con la ricetta dei pancakes, che avevo letto qualche tempo fa su un libro di cucina britannica di cui onestamente non ricordo il titolo. Diversi dai pancakes al latticello già proposti in passato, facilissimi da fare, veloci e buonissimi, la coccola perfetta per la colazione della domenica.

Pancakes blog

Pancakes2 blog

Mai più senza – Torta di mele ferrarese di Gosetti della Salda

Non si è mai vista su questo un blog una serie di tre dolci consecutivi.

E, per di più, con l’estate alle porte, la prova costume ormai drammaticamente vicina e quest’afa appiccicosa che ti terrebbe volentieri alla larga dal forno.

Ma non so dire di no alla colazione, ormai lo sapete meglio di me, e non so rinunciare ad un inizio di giornata sano, con una fetta di torta fatta in casa, magari ricca di frutta. E, quando si hanno un po’ di mele da smaltire, questa torta è una mano santa.

L’operazione più lunga e difficile è sbucciare e tagliare le mele a fettine (e quanto possa essere difficile lo potete immaginare), mentre il resto della torta si prepara in un battibaleno, senza nemmeno aver bisogno di una bilancia da cucina.

Il merito è tutto di un grande classico dei libri di cucina, Le ricette regionali italiane di Anna Gosetti della Salda, scoperto grazie allo Starbooks e scritto in tempi in cui tanto della cucina si dava per scontato; niente ricette per dummies, tante misure ad occhio, poche indicazioni sulle dimensioni delle teglie o sulla cottura ottimale. La torta è semplicissima, e ha quella consistenza morbida che ricorda da una parte le frittelle di mele e dall’altra una torta con crema e frutta; una torta semplice, umida e succosa, un favoloso tuffo nel passato.

Torta di mele ferrarese blog


Torta di mele ferrarese fetta blog