Pollo arrosto con clementine, finocchi e Ricard (per chi non ha l’Arak) per lo Starbooks Redone

Di tutti i libri affrontati dallo Starbooks, Jerusalem di Yotam Ottolenghi è quello che più mi ha colpito e che più e più a lungo mi è rimasto nel cuore e negli occhi. Quei piatti così raffinati, colorati e profumati, quella cucina semi-sconosciuta e così ricca di fascino.

E, tra tutte le ricette di questo libro che ho potuto conoscere grazie allo Starbooks, una su tutte mi ha ammaliato al primo sguardo, e ho saputo fin da una scorsa agli ingredienti che avrei amato l’aroma di anice e il gusto originale e accattivante.

Si tratta del pollo arrosto con clementine, finocchi e Arak visto da Patty di Andante con gusto, di cui vi lascio la ricetta presa ed utilizzata pari pari. Le mie uniche variazioni: ho utilizzato del Ricard invece dell’Arak (liquore all’anice che non ho trovato, mentre il Ricard in casa mia è sempre presente) e ho utilizzato solo cosce di pollo; per il resto ho mantenuto tutto invariato (a parte un’omissione finale, di cui leggerete).

Pollo con clementine e finocchi collage blog

Pollo con clementine e finocchi 2 blog

L’ho saputo al primo sguardo, e le papille gustative hanno solo dovuto confermare l’evidenza dei fatti: questo è il miglior pollo arrosto che abbia mangiato da anni a questa parte. Certo, il buon vecchio caro pollo arrosto con le patate è sempre buono, ma qui si aggiungono dei sapori e dei profumi che mai avrei immaginato tutti insieme, e che invece si sposano alla perfezione, creando una commistione fra carne, verdura e frutta difficilmente immaginabile. Il succo di agrumi, la mostarda in grani e il timo pungono e insieme accarezzano il palato, mentre il profumo dell’anice, rinvigorito dai semi di finocchio (un suo omologo di gusto) tiene insieme questa mirabile opera, e al primo boccone vi ritroverete in bocca una sinfonia di sapori, ben diversa dal “solito” pollo arrosto.

Yotam per me è quindi assolutamente PROMOSSO!

Con questa ricetta partecipo allo Starbooks di novembre

redone