Venerdì pesce – Risotto con i polipetti

Tradizionalmente il venerdì è sempre stato il giorno dell’astinenza dalle carni (no, non in quel senso) e, anche se non mi ci attengo certo per osservanza ai dettami della Chiesa, trovo che sia una buona “scusa” (non me ne vogliano i credenti) per rispettare un concetto molto più laico ed incredibilmente più attuale, quello del consumo consapevole della carne.

Io non sono vegetariana, tanto meno vegana, e non credo in queste due tipologie di alimentazione, anche se le rispetto, molto più la prima che non la seconda, se proprio dovete strapparmelo dai denti. Credo che la specie umana sia onnivora per sua natura e che tale dovrebbe rimanere, ma ritengo che dovremmo toglierci i tubi di Mortadella dagli occhi (non le fette, i tubi) e metterci una mano sulla coscienza, viste le disumane tecniche di allevamento intensivo e tenendo conto di ciò che esse comportano in termini di inquinamento e di eccessivo sfruttamento delle (già abusate) risorse idriche.

Credo molto in un consumo critico della carne, che ne riduca la quantità e ne aumenti la qualità.

Ridurre la carne significa solamente sostituire a queste proteine quelle derivanti da pesce, uova, latticini e legumi, contribuendo anche ad una dieta più variegata ed equilibrata. Insomma, ci guadagna il pianeta, la nostra salute e pure il gusto.

Quindi bando alle ciance, e prepariamo un bel risotto con i polipetti per questo venerdì sera!

Risotto con polipetti

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE BY CLICKING HERE

Risotto con polipetti finale

Riso d’Italia Gallo: risotto alle nocciole con asparagi e ricotta di capra per il Piemonte

Sono di nuovo qui a rappresentare il mio Piemonte, questa volta per un’iniziativa lanciata da Riso Gallo dal nome evocativo, “Riso d’Italia“.

A partire già da questi giorni, e fino a luglio, l’iniziativa vedrà coinvolti 20 blogger (uno per ogni regione d’Italia) che si sfideranno a colpi di risi e risotti, cercando di rappresentare al meglio la cucina del proprio territorio. Tutti potranno votare (per la precisione qui, dove trovate questa settimana la mia ricetta) per a decretare il piatto vincitore.

Ed eccomi qui a lanciare il mio guanto di sfida, con una ricetta che è stata cucita su misura, proprio come un guanto, su alcuni sapori della mia terra, e sulla stagionalità. Il Piemonte, e tutti lo saprete benissimo, è una terra di grande produzione risicola, specialmente nella zona del Vercellese, e non è un caso che il riso sia presente in numerosi piatti tipici, soprattutto di origine povera e contadina, dalla panissa alla minestra di latte riso e castagne; ma non solo, poiché non manchiamo certo di risotti in grado di dare lustro ad eccellenze regionali come il barbera o il Castelmagno.

Ma tutti questi grandi piatti regionali a base di riso sono essenzialmente invernali, mentre ora ci troviamo in una stagione di mezzo, una primavera che comincia ormai ad ammiccare all’estate. Così ho deciso di puntare su prodotti che fossero sì tipici, sì rappresentativi della mia regione, ma prima di tutto di stagione.

Ingredienti

E, per rappresentare appieno la cucina del mio Piemonte, non potevo che partire dalla terra, quella in cui troviamo gli asparagi (quelli di Santena), quella terra in cui affondano le radici degli alberi di nocciole e quella terra su cui pascola il bestiame che dà un latte saporito, da cui ricavare burro e formaggi.

Nocciole

Così ho deciso di creare un letto di crema di asparagi (utilizzati anche nel brodo del risotto) e di posare sopra di esso un risotto semplice, bianco, mantecato con un buon burro di malga alle nocciole (forse le ultime del raccolto dello scorso autunno) finendo il tutto con una quenelle di ricotta di capra, perché se non avete mai assaggiato qualche produzione casearia piemontese a base di latte di capra semplicemente non sapete cosa state perdendo.

Asparagi

Il mio consiglio è solo uno: assaggiate le parti di questo risotto non ognuna per sé, ma tutte insieme, perché è nell’insieme che giace il mio Piemonte, fatto di croccante, di morbido, di pungente, di fresco, di tostato, di campagna, di colline, di montagne e di città.

Risotto

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Risotto primo piano

Doppio fuoco e la minestra di latte, riso e castagne

Sembra ieri, e invece è passato quasi un mese dalla mia trasferta senese e da “Doppio Fuoco“.

Cos’è “Doppio Fuoco“? Un’iniziativa bellissima promossa dalla Confcommercio Siena insieme al Consorzio Agrario di Siena e all’Associazione Italiana Food Blogger, in cui secondo un calendario stabilito in cinque incontri stagionali, cinque ristoratori senesi sfidano in cucina cinque food-blogger provenienti da tutta Italia, in una serie di gare culinarie a tema in cui chi vince davvero, secondo me, è il commensale.

Doppio Fuoco Siena

Io ho avuto il piacere di sfidare Nicola Bochicchio, chef della BIOsteria Sbarbacipolla di Colle Val d’Elsa sul tema “non la solita zuppa“, con assoluta carta bianca sull’interpretazione di questo titolo enigmatico. Così, mentre Nicola ha pensato di proporre dei piatti non convenzionali, diversi dalla “solita zuppa“, proponendo un menù interamente  vegano composto da antipasto, secondo e dessert..

Doppio Fuoco Siena2

.. io ho pensato di proporre dei piatti che potessero ricordare le zuppe, ma che in realtà zuppe non fossero; inoltre, ho cercato di portare in Toscana qualcosa della cucina piemontese, proponendo piatti tipici della cucina povera e popolare della mia regione.

Ho quindi iniziato con dei crostini di polenta croccante serviti con una “zuppetta” di formaggi, ovvero una fonduta leggera (senza uova nè panna); come formaggi ho scelto un gorgonzola e, in omaggio alla Toscana, due pecorini, uno fresco ed uno stagionato.

IMG_1593-001

Come primo piatto ho proposto una minestra di latte, riso e castagne, un piatto presente in modo trasversale nella cucina povera delle regioni del Nord-Ovest d’Italia (soprattutto Piemonte, Lombardia e Valle d’Aosta) e che è ormai quasi del tutto scomparso dalle nostre tavole. Ho scelto così di rispolverarlo e di rinnovarlo un pochino, con una macinata di pepe nero e, per dare una sferzata di sapidità e di toscanità, pecorino toscano stagionato e una chip croccante di prosciutto toscano.
Trovate la ricetta in fondo, se vi avesse incuriosito.

IMG_1594-001

Per finire, uno dei dessert piemontesi che più adoro, le paste di meliga con lo zabaione; per l’occasione, le paste di meliga erano quelle di frolla montata, più friabili ed adatte al fine pasto, mentre lo zabaione (di solito caldo, montato al momento con vino moscato) si è trasformato  in una crema pasticcera allo zabaione di vinsanto.

IMG_1617-001

Non soltanto questa esperienza è stata bellissima, ma ho anche vinto la sfida e ho avuto l’opportunità di trascorrere un po’ di tempo in compagnia Patrizia di Andante con Gusto (che ringrazio tantissimo per le foto delle serata che avete visto finora.. lo so, sono bellissime, e sono tutte opera sua) che, da perfetta padrona di casa, mi ha portato in girula gastronomica per Siena, con tappe obbligate al panificio “Il Magnifico” dove ho comprato dei ricciarelli da svenimento, al Consorzio Agrario di Siena, dove ho riempito la valigia come nemmeno Totò e Peppino all’arrivo a Milano e da Morbidi, di cui non potete assolutamente perdere il patè di prosciutto cotto e tartufo (oddio, perché ci ho ripensato?!).

NIKON D40021.NEF

E poi, così, per caso, facendo una capatina in Piazza del Campo, volete non soffermarvi ad assaggiare le frittelle di San Giuseppe (sì, il banchetto c’era già ad inizio febbraio) di Savelli?! Io non ho resistito, e non me ne pento nemmeno un po’!

NIKON D40003.NEF

Un grazie enorme e particolare va senza dubbio a Patrizia, senza la quale questa esperienza non sarebbe stata possibile, ma anche a tutti gli organizzatori, al Consorzio Agrario, impeccabile ospite, a Luisella, a Susanna e al mio “sfidante” Nicola, con cui è stato un piacere immenso condividere cucina e risate.

Ora vi lascio alla ricetta della minestra di latte, riso e castagne nella versione proposta a Siena.

Sushi Piemontese per l’MTC – Nigiri di albese e oshizushi con peperone e acciuga

Non ce l’ho fatta… per l’MTC sono rimasta in Piemonte anche questa volta, dopo gli sformati di riso al latte. Non potevo certo farmi scappare la possibilità di fare un sushi piemontese!

È stato più forte di me, avrei potuto cucinare qualsiasi cosa, andare in capo al mondo, culinariamente parlando, e invece il richiamo del Piemonte si è fatto nuovamente sentire. Questa volta, però, ho voluto tentare una contaminazione piemontese-giapponese, giocando sull’accostamento del riso preparato con la tecnica per l’assorbimento ed ingredienti tipici di antipasti tipici della tradizione piemontese, come l’albese e i peperoni arrostiti con l’acciuga.

Il risultato è un finger food bello da vedere ed intrigante, un modo nuovo ed accattivante per ri-assaggiare gli antipasti piemontesi in una veste nuova.

Sushi albese blog

SUSHI PIEMONTESE -> DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) HERE

Sushi peperone blog

Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 41

BANNER

Sformati di riso al latte salati che ammiccano all’antica tartra per l’MTC

Nuovo mese, nuova sfida dell’MTC, e questa volta il tema scelto da Annalena mi ha lasciato davvero a bocca aperta per la sua apparente semplicità, che nasconde ricchezze e sfaccettature infinite. Il tema di questo mese, infatti, è la cottura del riso, e prende in esame tre tipologie specifiche di cottura: quella per assorbimento, la cottura nel latte e quella pilaf.

Leggo, mi arrovello, ci penso, vado in capo al mondo e, come quasi sempre, finisco poi per bussare alla porta di casa e così, di botto, mi è venuta in mente un’antica preparazione piemontese, un budino salato a base di latte e uova, la tartra, di cui leggo da tanto, che da molto mi riprometto di provare, e con la quale non mi sono mai cimentata. E dire, inoltre, che non l’ho mai assaggiata; si tratta di un piatto di origine povera, contadina, fatto di pochi e semplici ingredienti, nato come una crema salata e densa in cui inzuppare il pane e che nel tempo si è trasformato, diventando uno di quegli antipasti per cui noi Piemontesi siamo famosi (qui in Piemonte è facilissimo organizzare una cena di soli antipasti tipici, e lo dico come un vanto), spesso servito in abbinamento oppure in sostituzione del ben più famoso flan di verdure.

Fatto sta, però, che le tradizioni evolvono, e che questo antipasto, forse troppo poco raffinato, si è perso per strada, tanto che non mi è mai capitato di trovarlo nel menù di un ristorante piemontese.

Così ho provato ad inseguire parte del suo sconosciuto sapore rimando fedele a parte della sua preparazione, ma solo per poi stravolgerla: il budino di latte e uova si è così via via trasformato in uno sformato salato di riso cotto nel latte, aromatizzato al porro e al Parmigiano, servito con un semplice contorno di zucchine. E, se solo avessi aggiunto una salsa al formaggio, avrei strizzato l’occhio non solo alla tartra, ma anche al flan, creando un piatto ancora migliore. Che dire, siamo nati per sbagliare, ma anche per imparare dai nostri errori, e la prossima volta nella lista della spesa non mancherà di certo un bel pezzo di Castelmagno o di Raschera.

Sformato blog

Una piccola nota sul riso utilizzato: io ho utilizzato un mix di risi integrali (Hermes, Venere e riso integrale), perché volevo che il piatto avesse una nota croccante, ma nulla vi vieta di usare altri risi, che forse rimarranno più morbidi (anche se tenuti al dente) e legheranno di più la crema, donando una consistenza più da budino e meno da sformato; ma sta a voi decidere.

Sformato finale blogg

 Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 41

BANNER

… e al Gluten Free (fri)Day

ilove-gffd

Corso pratico per tornare bambini, e poi crescere un po’ – Riso(tto) al latte (e pepe nero) per il #GFFD

Ci sono dei piatti che si ricollegano immediatamente all’infanzia: al solo profumo, al primo assaggio, loro sono capaci di catapultarci indietro di 20, 30 o 40 anni, magari perché ce li preparava la nonna da bambini, o perché li mangiavamo all’asilo.

Quando mi capita di parlare di questi piatti dell’infanzia, mi succede spesso di sentire che per molte persone il piatto amarcord per eccellenza è il riso al latte, semplice e cremoso, che piace tanto ai bambini proprio per la sua consistenza confortante e per il suo gusto che sta in bilico fra il dolce e il salato.

Ecco, io quel piatto da bambina non l’ho mai mangiato, almeno a mia memoria, ma il destino ha degli strani percorsi, e ora mi trovo a prepararlo spesso a lavoro. Pochi di voi lo sanno, ma io di mestiere faccio l’aiuto cuoca in un asilo nido, e quindi ora so per certo che i bimbi lo amano alla follia… e devo dire che, da quando l’ho assaggiato, concordo coi miei piccoli “clienti”, è proprio buono e confortante, ha il sapore che avrebbe un caldo abbraccio.

Quello preparato per i bambini è molto semplice: il riso viene bollito in poca acqua e latte, così da ottenere un effetto “all’onda” senza che di risotto si tratti, poi il tutto viene addolcito dal burro ed insaporito dal Parmigiano grattugiato.
Sono partita da questo piatto dell’infanzia, già buonissimo, e l’ho reso un po’ più “adulto“, trasformandolo in un vero risotto e dando una sferzata di sapore con un abbondante macinata di pepe nero. E il risultato mi ha assolutamente conquistato: un risotto semplice (vi sfido a non avere gli ingredienti in casa), gustoso e confortante, assolutamente perfetto nella sua linearità.

Riso al latte bllog

Riso al latte finale blog

Con questa ricetta partecipo al Gluten Free (fri)Day100GlutenFreeFriDay1