Un classico di casa – La panissa vercellese

Il risotto più famoso del Piemonte è indubbiamente la panissapaniscia, che esiste in due fondamentali versioni, che differiscono fra loro per localizzazione geografica, ingredienti utilizzati e, aspetto forse più evidente, per denominazione: la paniscia è novarese, mentre la panissa è vercellese.

 Che sia chiaro, i due piatti si somigliano assai, dal momento che gli elementi essenziali ed irrinunciabili rimangono gli stessi: il riso, i fagioli e il salam d’la duja, un salame a grana piuttosto grossa e a pasta morbida (molto simile nell’aspetto al cotechino) che prende il suo nome dal contenitore in terracotta in cui veniva fatto maturare, rigorosamente sotto strutto (una tecnica di conservazione utilizzata in passato nelle zone più umide del Piemonte, dove il clima non permetteva la stagionatura tradizionale dei salumi all’aria).

Le somiglianze ci sono, abbiamo detto, ma altrettante (se non di più) sono le differenze fra questi due piatti tradizionali. Nella paniscia novarese, infatti, si utilizzano i fagioli borlotti, il riso è di qualità Arborio, Carnaroli o Roma, oltre al salam d’la duja si trovano anche le cotiche di maiale e sono inoltre presenti ortaggi come sedano, carota e cavolo verza. La panissa vercellese prevede l’utilizzo di riso Arborio, Baldo o Maratelli, di fagioli di Saluggia, ma la lista degli ingredienti si ferma poco oltre.

 Chiaramente ogni famiglia ha la sua versione, con differenze più o meno marcate rispetto a questa semplicistica suddivisione che ho appena tracciato, ma che mi era utile per delineare i contorni della mia ricetta della panissa vercellese, davanti a cui non posso che stendere due mani belle aperte.

 Prima. Nulla di me è vercellese (almeno che io sappia), quindi non pretendo di dettare la verità sulla panissa, né posso dire che questa sia una ricetta tradizionale tout court, tramandata cioè di nonna in nipote nei secoli dei secoli amen, anche se pare che la ricetta sia già testimoniata (ed in un pranzo di nozze, mica cose da nulla) nel ‘700, e quindi i tempi tecnici ci sarebbero anche. Ma è davvero una ricetta di famiglia, perché era l’unico piatto che mio nonno materno abbia mai preparato (almeno a mia memoria), rigorosamente una volta l’anno, e perché mia zia ha proseguito la sua tradizione, utilizzando la propria ricetta che, oltre ad essere molto fedele a quella originale, è semplicemente divina, e anch’essa viene (quasi) rigorosamente proposta in famiglia una volta l’anno, d’autunno o d’inverno (ma questo va da sé, visto il piatto). Personalmente, invece, mi arrogo il diritto di dire la mia su questo piatto dopo aver contribuito a prepararne 17 kg (e mi riferisco solo alla quantità di riso) per il cinquantenario della sezione degli alpini dello zio, e credo che questo in materia valga ben più del diploma al Cordon Bleu.

Tutto il merito della ricetta, quindi, va alla zia Daniela, che per la prima volta ha tentato (sotto mia costrizione) di dare delle dosi, seppur indicative, alla preparazione. Si sa, la tradizione va di pari passo con la misurazione ad occhio, ma qui si è fatto uno sforzo di traduzione, e non ce ne vogliate se non sarà preciso al grammo.

 Seconda. Io ve lo dico, pentole in acciaio e fornello possono darvi un buon risultato, ma la ricetta urla pentola di coccio a gran voce, e il piatto che otterrete sarà ben diverso. Se poi invece del fornello avete un putagé (la classica stufa a legna, che in Piemonte prende questo nome), preparate i fazzoletti, perché come direbbe mia mamma, la panissa in questo caso “fa piangere”.

 Panissa collage

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Panissa finale

 

Il soufflé che si credeva una pizza per l’MTC (e il #GFFD)

L’MTC di questo mese si gioca sulla sostanza dell’effimero, visto che Fabiana ci ha sfidato su una preparazione che pare una nuvola, per la sua leggerezza ed impalpabilità, il soufflè.

Mai preparato un soufflé in vita mia, troppo spaventata da un fallimento, da un tragico crollo post-forno e conseguente cena rovinata. Ma con l’MTC non si scherza, bisogna mettersi in gioco, scendere in pista e ballare.

Ballare anche quando la tua idea di soufflé è decisamente eretica, visto che un soufflé che si crede una pizza chi lo ha visto mai.

Eppure..

Eppure la mozzarella di bufala campana DOP sa fare il miracolo, con la sua consistenza che si confonde con la panna, mentre il suo gusto inconfondibile la dichiara, ed esalta l’intero soufflè, accompagnato da una semplice salsa di pomodoro e (tanto) basilico che chiama al tuffo ogni boccone. Un connubio perfetto, che questa settimana non mi fa rimpiangere affatto la mancanza della classica pizza.

Soufflé MTC finale blog

Soufflé MTC blog

Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 37

mtc marzo

E, dal momento che la ricetta è gluten free, partecipo con piacere (dopo una settimana di colpevole assenza) al Gluten Free (fri)Day

100GlutenFreeFriDay1

 

Fricandò e biove per l’MTC: un post 100% piemontese

Quando ho appreso che per l’MTC di questo mese le sorelle Calugi de La cucina spontanea  avevano scelto di lanciare il guanto di sfida  sullo spezzatino, ho immediatamente pensato che sarei rimasta nel mio Piemonte.

Mi sono detta: “vuoi che non esista uno spezzatino piemontese?!”. Sarà pur vero che il più emblematico piatto piemontese è a base di acciughe, ma siamo pur sempre in una regione di terra, di bolliti misti, di Fassona, di fritti misti di carne, di finanziera. Quindi… vuoi che non ci sia uno spezzatino?

Ovviamente non era possibile, e così ho scoperto il fricandò, un piatto dalle risonanze francesi, quelle del fricandeau, un pezzo di carne di vitello stufata con l’aggiunta di lardo; questo  termine, a sua volta,  si ricollega presumibilmente a fricassèe, cioè alla modo di cucinare le carni stufandole.

E quindi tutto torna. Sì, perché in questo fricandò il lardo c’è, e la carne viene stufata a fuoco lento;  non è mica un caso che la Francia sia proprio qui a due passi, che a noi piemontesi piaccia o no.

La carne che ho scelto di utilizzare è quella bovina, rimanendo così più legata alla Francia, mentre il fricandò piemontese può sì essere fatto con una sola carne, ma spesso e volentieri ne utilizza diverse insieme, soprattutto di bovino e maiale, ma a volte anche con l’aggiunta di salsiccia o altro.

Il destino ha anche voluto che, con questa scelta, rimanessi legata ad una tradizione famigliare che mi era sconosciuta fino a quando, parlando con mia mamma, se n’è uscita con un “ah, ma certo, il fricandò, lo faceva sempre nonna, ma solo di bovino”. Nemmeno a farlo apposta, soprattutto se si considera che mia nonna non era nemmeno piemontese. Strana, a volte, la vita.

Fricandò e biove

Vi lascio quindi la mia ricetta per il fricandò, uno spezzatino di bovino rosolato in lardo ed odori,  cotto a lungo con l’aggiunta di vino e brodo, per poi essere arricchito da patate e cipolline. Alla fine la carne è cotta a puntino, e si crea un puccino, ma un puccino, che è proprio un peccato non raccoglierlo.

La scarpetta blog

Ecco quindi anche la ricetta delle biove, il pane piemontese per eccellenza e che oggi si fatica sempre più a trovare. Un pane che sono stata assai lieta di riscoprire: un pane morbido, dalla mollica compatta ed umida, semplicemente perfetta per fare scarpetta. La ricetta è quella delle sorelle Simili, adattata magistralmente per lievito madre da Eva e Claudio (aka Fable de Sucre); a loro va ogni merito.

Biove, pane piemontese

FRICANDÒ E BIOVE -> DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Fricandò spezzatino di bovino

Con questa ricetta partecipo all’ MTChallenge di gennaio
http://www.mtchallenge.it/2014/01/mtc-n-35-la-ricetta-della-sfida-di.html

 

Il sud nel piatto (del nord): risotto ‘nduja e scamorza affumicata

Se ieri ho chiuso culinariamente l’inverno con una ricetta settentrionale per origine (Trieste) e per influssi (piatto tipico ungherese, ma diffuso in tutta l’Europa centro-orientale), oggi apro ufficialmente la  bella stagione con una ricetta –quasi– del tutto meridionale. Infatti, ho preso alcuni di quei prodotti dell’amato Sud che non mancano mai in casa mia (non perché facciano parte del mio bagaglio d’origine, ma per semplice amore incondizionato: la ‘nduja di Spilinga e  la scamorza affumicata), e li ho innestati su una radice tipicamente del Nord, quella del risotto.

Ne nasce, a mio avviso, un piatto completo, ricco ed equilibrato nei sapori, con un’affascinante unione fra il piccante della nduja calabrese e l’affumicato della scamorza, due gusti che si sposano alla perfezione… poi, starà a voi giudicare!

Aggiornamento di aprile 2016: sono rimasta piacevolmente stupita di scoprire, grazie ad una replica di “Cucine da incubo” intercettata per caso a tarda sera, che lo chef Canavacciuolo (che io adoro! Da anni sogno di andare ad assaggiare i suoi piatti nel suo ristorante Villa Crespi ad Orta san Giulio) ha preparato proprio un risotto con questi due ingredienti, la nduja calabrese e una provola, che lui ha utilizzato sotto forma di colatura.

Ora vi siete convinti che l’abbinamento è davvero vincente? E non perché lo dico io, ma fidatevi di Antonino Canavacciuolo!

Partecipo al contest “ Il Sud nel piatto ” di Sapori dei Sassi con la ricetta

Risotto ‘nduja e scamorza affumicata

Arrivederci, inverno: gulasch alla triestina

Oggi è il primo giorno di primavera: su Torino splende un bel sole, gli uccellini cantano, il cane fa avanti e indietro fra casa e giardino (brutto vizio) e qualche fiore inizia a spuntare qua e là sui prati. Quindi, per festeggiare la nuova venuta della bella stagione, e per dare l’arrivederci all’inverno (ebbene sì, la notizia forse vi stupirà, ma fra ben 9 mesi tornerà di nuovo) trovo che non ci sia nulla di meglio di un bel piatto tipicamente invernale, che non si rivedrà più per un po’.

Eccomi qui, dunque, ad illustrarvi una pietanza calda, confortante, sugosa e sostanziosa.

Inoltre, si tratta di una ricetta davvero molto facile (for dummies), che non richiede grandi preparazioni, ma solamente un po’ di pazienza, per il tempo di cottura abbastanza lungo!

Buon appetito e… au revoir, inverno!