I love colazione – Brioche intrecciata alla confettura di fragole

Non è un caso se qui sopra una delle categorie più affollate sia dedicata alla colazione.

L’ho detto e l’ho ridetto, ma è proprio una mia fissazione: per la serie “toglietemi tutto, ma non la colazione“.

Possibilmente a base di latte, rigorosamente freddo, possibilmente con qualcosa di fatto in casa ad accompagnare, che siano biscotti (raramente) oppure torte, muffins, o brioche morbide e confortanti.

Non mi importa se la dieta prevede tre fette biscottate (colazione che secondo me basterebbe a malapena a nutrire un criceto; ma se avessi la stazza di un criceto non starei mica a far la dieta, vi pare?) e un caffè senza zucchero: io ci faccio il rinforzo, sensato, fatto di cose sane.. e la giornata prende tutta un’altra direzione.

E così via all’autoproduzione!

E vi basti sapere che questa brioche non solo l’ho impastata circa 10 ore dopo la pubblicazione sul blog di Marinella, aka Chat à Poche, ma l’ho anche rifatta pochi giorni dopo, riveduta e corretta, utilizzando al posto di cioccolato fondente e caffè (comunque buonissimo) la confettura di fragole, che si intonava di più alle mie inclinazioni mattutine. Il risultato è stato davvero ottimo, considerando anche il fatto che la brioche è molto leggera (appena 50 grammi di burro ed un uovo) e che si mantiene fragrante e morbida a lungo (in casa mia una settimana esatta). E con questa ricetta-bis festeggio anche il ritorno di Mari al blog, semplicemente perché mi è mancata moltissimo nei suoi lunghi mesi di (giustificatissima) assenza.. se ci penso, che è stata la prima blogger incontrata dal vivo, e mica in un evento, un raduno o robe così, ma alla sua festa di compleanno, a Milano, alla quale andai senza nemmeno sapere che faccia avesse, ormai tre anni e un tot fa, e quando ci ripenso mi viene ancora il sorriso adesso. Bentornata, cara!

Ps. Per chi avesse dei dubbi su come fare gli intrecci che spiegherò nella ricetta, può guardare l’immagine qui.

Brioche

DOWNLOAD ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Brioche finale

La voglia matta – Rotolo di pasta biscuit farcito di confettura e panna

Ci sono le diete, ci sono i buoni propositi.. e poi ci sono i raptus.

Quelli che appena vedi una ricetta hai già la mano che si porta istintivamente al pezzo di carta, pronta a stilare la lista degli ingredienti… e poi via a far la spesa.

Tipo questo rotolo, ad esempio. Complice il tema del mese dell’Mtchallenge, dedicato ai dolci fatti di masse montate, mi sono innamorata del rotolo di pasta biscuit farcito con confettura di fragole e panna preparato da Eleonora secondo la ricetta di Martha Steward contenuta in Scuola di cucina. E così, nel giro di due giorni dalla pubblicazione il rotolo era già bello che fatto, raffreddato, gustato e digerito.

Sabato sera scorso, infatti, avevo in programma una cena con una coppia di amici, che nei piani originali avrebbero dovuto portare il dolce, e invece li ho chiamati il giorno prima dicendo di lasciar perdere, che ci avrei pensato io. E questo solo per provare il rotolo.

Sì, perché so che un certo qualcuno di cui non farò il nome ma che, per proteggere la sua privacy, chiameremo “il mio Colui“, va pazzo (P-A-Z-Z-O) per il rotolo farcito, e non glielo avevo mai preparato, così mi sono lanciata. E, per la serie “buttati che è morbido“, l’atterraggio è stato perfetto, grazie alla semplicità ed infallibilità delle ricette della Martha.

Nella mia ingenuità, però, pensavo che quel rotolo fosse troppo grande per quattro persone, che ne sarebbe avanzato, ma non avevo tenuto conto che qualche IGNOTO ladro avrebbe potuto prendere di mira il povero rotolo prima, durante e dopo la cena, lasciandomi quasi a bocca asciutta per la colazione del giorno dopo.

Altro che topi d’appartamento, la specie si è evoluta in topi da frigorifero, signori miei!

Rotolo

Download English recipe by clicking here

Rotolo con fetta

E via di Redone – Viennese Tartlets di Delia Smith

Ho appena Starbookato e, già in piena crisi di astinenza, sono qui alle prese con un Redone (sia mai che vinco un’altra volta)! E finalmente su questo blog si vede un dolcino!

Questo mese ho deciso di rifare le stupende Viennese Tartlets proposte a novembre da Annarita de Il bosco di Alici quando il libro oggetto di Starbooks era Delia’s Cakes di Delia Smith, una vera regina dei libri di cucina.

Quelle tortine mi avevano conquistato al primo sguardo, così frollose e con quel cuore di marmellata aggiunto dopo la cottura, poi le ho riviste da numerose amiche, estasiate dalla velocità di preparazione, dalla semplicità e dalla loro bontà, e allora sia mai che IO non le provi? Non era assolutamente fattibile, così eccomi qui, con la ricetta, e il mio giudizio in stile Starbooks.

Viennese Tartlets blog

Viennese tartlets finale blog

Queste tortine sono eccezionali: la loro semplicità e velocità di esecuzione è imbarazzante, la consistenza finale è a metà fra una frolla montata e un ovis mollis (ergo, si scioglie in bocca) e quel cuore di confettura aggiunto dopo la cottura contribuisce ad ottenere una texture davvero perfetta.

Le ho rifatte due volte nel giro di un paio di giorni, la prima volta con confettura di albicocche (qui) e la seconda volta testando anche quella di mirtilli, e devo dire che entrambe sono state gradite e apprezzate. La prima volta, sbagliando, non ho usato farina autolievitante, ma farina 00 a cui in extremis mi sono ricordata di aggiungere il lievito (credo di averne messo un mezzo cucchiaino), e credo che in quel caso fossero ancora più buone e friabili; ovviamente non credo che sarò in grado di ripetere il felice errore, ma ci riproverò (quindi non disperate se vi succede, ecco).

Perfette per accompagnare un the pomeridiano o come friandise al termine di un pasto importante, per gustare appieno il caffè, ma assolutamente spettacolari a colazione.. la giornata prenderà tutta un’altra piega!

In una parola: Delia assolutamente PROMOSSA (a pieni voti)

Verso Natale – Confettura di zucca al cardamomo

Vi siete ormai rassegnati ai miei post da maniaca della zucca?! Fate bene, perché non credo proprio che questo sarà l’ultimo della stagione.

Di sicuro, però, è il primo post del genere “che ti regalo a Natale?!” (sì, facciamocene una ragione, Natale è alle porte, davvero). Ormai da qualche anno i miei regali di Natale sono per buona parte home-made e di ambito culinario (ma non solo.. ve l’ho mai detto che mi diletto a creare bigiotteria?! Ecco, ora è svelato anche questo mistero di Fatima -il milionesimo, per altro). Panettoni, tartufi, cioccolatini, cotognata, cognà, omini di pan di zenzero (e poi non dite che non vi do delle idee, ?!), ma soprattutto confetture, le vere salvatrici del Natale.

Si preparano in anticipo, se impacchettate nel modo giusto sono assai coreografiche (da sole o in cesti più articolati) e sono versatilissime. Si va dalle più semplici a quelle più particolari, da quelle “da crostata” fino a quelle “da formaggio e bolliti”.

Il bello della confettura che vi propongo oggi, la cui ispirazione mi viene dalla Ciliegina, è che può davvero mettere d’accordo tutti, i palati più coraggiosi che apprezzano un velo di questa confettura sulla fetta biscottata del mattino (per non parlare degli arditi, in grado di farne una crostata), ma anche quelli più pavidi che la abbinano ad un formaggio (pavidi, ma trendy, visto che ormai sposare formaggio e confettura -o miele- è molto à la page) -e, in questo caso, consiglio l’abbinamento con la Robiola di Roccaverano.

Insomma, regalo per coraggiosi, arditi o pavidi, ma sicuramente un regalo gradito.

 

Ritorno alla colazione: plum cake alla confettura extra di ciliegie

Dopo un po’ di post a tema differente, torno alla colazione.. non che io nel frattempo abbia smesso di produrre dolci per la colazione (giammai), ma semplicemente perché nel mentre ho rispolverato dei grandi classici della colazione, che non escludo prima o poi vedrete anche qui.

Ogni tanto, però, devo (è una necessità vera e propria) sperimentare qualcosa di nuovo, possibilmente anche per sfruttare tutte le prelibatezze che mi trovo per casa, siano esse hand-made, vinte con qualche contest o gentilmente offerte da qualche ditta, del territorio et non.

Qui ho messo insieme una ricetta base (presa dal blog La farfalla di cioccolato) e una prelibatezza incredibile, cioè una confettura extra di ciliegie che mai più userò per una torta… non fraintendetemi, la torta è venuta deliziosa, ma quella confettura richiede di essere mangiata a cucchiaiate o usata per guarnire una panna cotta, da tanto è buona… e io solitamente detesto la confettura di ciliegie, per capirci.

Ho unito i due ingredienti, et voilà, la colazione perfetta: un plumcake con marmellata, facile da fare (con il trucchetto per ottenere un plumcake con cuore di marmellata e non con “sedere di marmellata”, come ho invece ottenuto io dimenticando il mio stesso trucchetto), buono e genuino.

Un pane e marmellata 2.0: il plumcake alla marmellata!