Crostata al cioccolato di Knam – Nove persone su dieci amano il cioccolato (la decima mente)

Nove persone su dieci amano il cioccolato; la decima mente.
(John Tullius)

… ecco, quella che mente solitamente sono io.

Ma io non mento. A me per davvero il cioccolato non fa impazzire. Mi piace, eh, ma non lo vado certo a cercare ad ogni piè sospinto. E poi non tutto il cioccolato.

Un cubetto di Domori fondente? Ok

Un pezzo di cioccolato di Modica? Magari

Ma mica tutto il cioccolato, e no!

Stesso discorso per dolci e torte al cioccolato: mi piacciono, ma non faccio follie, e decisamente non per tutti i dolci al cioccolato.

Un flan col cuore morbido, magari profumato all’arancia? Perché no. Una torta caprese (classica o ai pistacchi, poco importa)? Sempre. Una tarte con mousse ganache fondente e caramello salato? Sparatemela direttamente in vena, grazie.

Però, dopo così tanto tempo a sentir decantare le grazie della Crostata al cioccolato di Knam (la cui ricette è contenuta nel libro “L’arte del dolce“), dovevo darle un’opportunità. Capite, è per la scienza! A parte che con le dosi indicate per una torta di 22 cm io ho fatto una torta di 28-30 cm (certo, più bassa, ma per i miei gusti più godibile), la crostata al cioccolato di Knam è praticamente perfetta: dolce il giusto, cremosa il giusto, sostenuta il giusto. Per i miei gusti meglio una fetta più sottile, con meno crema e un rapporto più equo fra frolla e crema, quindi rimarrò sulla torta più grande e sottile, non mi ravvederò del mio errore.

Certo, dovete amare il cioccolato. Ma credo che quello si potesse intuire anche solo dall’aspetto.

crostata-al-cioccolato-di-knam

CROSTATA AL CIOCCOLATO DI KNAM -> DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE BY CLICKING HERE

crostata-al-cioccolato-di-knam-finale

Una rondine non fa primavera .. ma una crostata crema e fragole sì!

Mai come quest’anno ho sentito l’arrivo della primavera.

E non solo perché la bella stagione 2016 è partita con un bastimento carico di graminacee (alle quali sono ovviamente allergica.. a quello e all’assenzio selvatico, che pare si trovi solo in Piemonte e aree limitrofe – quando si dice la fortuna) o perché il cambio di ora e di stagione mi ha conferito la prontezza mentale di un bradipo con la labirintite (da quando ho visto su Facebook questo video ho invidiato la agilità del panda per settimane.. ho detto tutto)!

Quest’anno la primavera è arrivata bella come il sole e mi ha subito messo voglia di maniche corte, di occhiali da sole, di passeggiate, di gonne corte e .. di fragole!

Ebbene sì, proprio nell’anno dell’inverno inesistente (altro che “the winter is coming” – cit.), quando i miei informatori mi parlavano di fragole già ottime a gennaio/febbraio, a me la primavera ha portato voglia di fragole. Una di quelle voglie per cui ogni volta che passo dal mercato devo (DEVO) comprarne almeno mezzo chilo, per mangiarle in qualsiasi momento.

A merenda con lo yogurt greco? Fatto!
Dopo cena al naturale, come fossero patatine? Fatto!
A colazione rubandone un paio dal frigo (che poi rubarle a chi? Sono tutte mie! Tutte M-I-E)? Fatto!
Come dessert, insieme ad una cazzuolata di panna montata? Fatto!

All’appello mancava solo la ciliegina sulla torta, la crostata crema pasticciera e fragole, che è uno dei dolci più semplici e più deliziosi a cui io riesca a pensare: basta un guscio di frolla fatta con il burro buono, una crema pasticcera vellutata e profumata al limone, e poi una vagonata di fragole a creare il solo labirinto in cui ora vorrei perdermi. Infine.. dimenticate quelle orride gelatine in bustina: un paio di cucchiai di gelatina di albicocche (ma va benissimo anche una confettura a purea, purché chiara e senza pezzi) scaldata con un goccio di acqua per lucidare e per conservare la freschezza delle fragole.

Il risultato: perfezione pura.

Se una rondine non primavera, ma una crostata crema e fragole decisamente sì!

Crostata crema e fragola particolare

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE BY CLICKING HERE

Crostata crema e fragole finale

Buon compleanno, Alterkitchen! Crostata crema e mele caramellate

Un altro anno è passato.

Un altro anno è volato da quel perché e da quel babà rustico.

Ora sono immersa da capo a piedi in un trasloco, una casa e una vita da sistemare tra sogni e obiettivi, e oggi sono qui a festeggiare i quattro anni trascorsi da quando Alterkitchen è entrato a far parte della mia vita.

Ogni anno trascorso segna un traguardo in più, soddisfazione crescente e tanti nuove ambizioni.

Questo è il quarto anno, e se il primo anno avevo festeggiato con un grande classico, il tiramisù, per virare su una red velvet gluten free il secondo anno, l’anno che ha portato il mio ingresso all’MTC, e approdare lo scorso anno ad uno dei miei dolci-feticcio, la crostata di ricotta, quest’anno ho deciso di continuare questo dolce trend (d’altronde, senza dolce che compleanno è?!) con un’altra crostata, se possibile ancor più confortante di quella scorsa. Dalla ricotta passo all’asso della manica della torta della nonna, le mele caramellate che, insieme alla crema pasticcera compongono il ripieno di una frolla speciale, quella di una vera nonna, nonna Van Pelt.

Il risultato è uno di quei dolci non troppo dolci come piacciono a me, dal sapore di una volta, di uova, vaniglia, mele, zucchero e burro.. uno di quei dolci che al mio compleanno, in luglio, non farei mai, ma che sono perfetti per un compleanno (o una merenda, o un dessert domenicale) in pieno febbraio… vedi la fortuna di compiere due compleanni l’anno?!

Buon compleanno, Alterkitchen: brindo ad un nuovo anno insieme, sperando che porti tante nuove esperienze e che segni un passo ulteriore verso un nuovo futuro.

PS. della frolla ho già detto (e provatela, perché è fenomenale), mentre la crema è quella adatta per la ricottura in forno di Luca Montersino; questa crema differisce da quella “normale” per un maggiore contenuto di grassi e zuccheri, che la rendono più stabile per la sua ricottura, alla fine della quale la crema non si “straccerà”, ma rimarrà perfettamente liscia, come una crema pasticcera dovrebbe essere. Proprio perché la crema è più dolce del solito, consiglio di utilizzare delle mele un po’ asprigne, così da equilibrare maggiormente la torta.

 

Crostata crema e mele

Crostata crema e mele finale

Crostata di ricotta e tre anni di Alterkitchen

Ebbene sì, oggi Alterkitchen compie tre anni!

Sono passati tre anni da quei perché e da quel primo babà rustico.. sono stati tre anni intensi, ricchi di nuove esperienze, di ricette ed esperimenti, di crescita e studio.

In questi tre anni non è cambiato solo il mio blog, esteticamente e nei contenuti, ma con lui sono cambiata anche io, ora più attenta agli ingredienti, alla cucina come specchio di storia e cultura, ma sono anche più indipendente nella mia vita privata, con una mia casa ed una mia cucina, già coperte da una fitta coltre di peli bianchi della mia nuova compagna a quattro zampe.

Insomma, questo compleanno richiede un degno festeggiamento, e perciò ho scelto uno dei miei dolci preferiti, la crostata di ricotta. Io amo tutti i dolci a base di ricotta (devo avere  il “gene del dessert” proveniente dal centro/sud Italia), ma la crostata di ricotta, estremamente versatile e delicata, ha un posto speciale nel mio cuore, un dolce semplice eppure raffinato, perfetto a cappello di un pasto importante, per la colazione o, come in questo caso, per festeggiare.

Buon compleanno, Alterkitchen

… finito l’asilo nido, si va alla materna!

Crostata di ricotta particolare blog

Crostata di ricotta finale blog

Un post per choco-addicted – Crostata con mousse al cioccolato fondente

 

Continuo a parlare di frolla, ma questa volta con una declinazione diversa, tutta dedicata ai chocoholic.

Io non rientro in questa schiera (sarà ironico, vista la scelta di frequentare un corso di pasticceria, ma io preferisco di gran lunga il salato), ma devo ammettere che è davvero arduo dire di no ad una fetta di questa crostata, in cui la pasta frolla funge da guscio croccante ad una morbida e voluttuosa mousse al cioccolato fondente. Si tratta di un dolce davvero equilibrato nei sapori e per nulla stucchevole, e quindi si è meritato la mia piena approvazione (e anche quella di tutte le persone che l’hanno assaggiato).

Il merito della ricetta è tutto di Cristina, aka Zucchero & Sale; io, però, ho utilizzato la ricetta della mia pasta frolla per crostate (specifico, perché è diversa da quella per i biscotti), ho aumentato le dosi del ripieno (mantenendo le sue proporzioni) e l’ho guarnita a modo mio, sfruttando il contrasto fra il cioccolato e dei frutti aciduli e coloratissimi, gli alkekengi.

Continua a leggere Un post per choco-addicted – Crostata con mousse al cioccolato fondente

Pasta frolla al burro salato e arancia: uno, nessuno, centomila

 

Da quando a dicembre è terminato il corso professionale di pasticceria, la ricetta che mi sono trovata più spesso ad utilizzare è stata quella della pasta frolla, un po’ perché la adoro, e un po’ perché credo sia incredibilmente versatile, perché la si può facilmente trasformare in 1001 modi, uno migliore dell’altro.

Così, trovandomi per le mani ancora un panetto di burro salato 1889 comprato allo spaccio delle Fattorie Fiandino qualche tempo fa, ho deciso di fare una frolla lievemente salata (spezzando il burro salato con quello normale) e profumata all’arancia, come già aveva fatto Sara. Io ho preso lo spunto da lei, preferendo poi quella che ormai definisco la mia ricetta della pasta frolla.

Ma, appunto, una delle cose belle della frolla è che con il medesimo impasto (anche piuttosto semplice, direi) si possono creare diverse prelibatezze. E così, con un solo impasto, ecco le mie semplici tre proposte.

Inizio prima a lasciarvi, però, la ricetta base, quella per i biscotti di frolla, o frollini che dir si voglia.

Continua a leggere Pasta frolla al burro salato e arancia: uno, nessuno, centomila