È senza? È buono! Plumcake rustico gluten free al profumo di mandarino

Questo plumcake non è nato per caso, ma sull’onda del contest di Patty sul tema della pasticceria naturale, sana ma golosa.

Via libera, quindi, a tanti dolci gluten free, ai grassi nobili, alla frutta secca, e un NO secco a coloranti, conservanti, grassi insalubri e compagnia danzante.

La maggior parte dei dolci che preparo e consumo sono dolci da colazione e, in essi, non uso pressoché mai gli ingredienti vietati dal contest (ad eccezione delle farine di frumento), quindi non mi veniva troppo difficile pensare ad un dolce ad hoc, ma ho deciso che avrei voluto preparare un dolce gluten free, perché non lo faccio quasi mai.

E così, ingrediente dopo ingrediente, è nato questo plumcake, estremamente rustico, per quel gusto tostato e quel colore scuro dato dal  grano saraceno, ma anche per il profumo del miele e dei mandarini. Appena appena dolce, e una consistenza che strizza l’occhio ad un pane morbido, più che ad una torta e, perciò, perfetto per essere tagliato a fette e spalmato con una marmellata di mandarini, il modo giusto per iniziare bene la giornata, in gusto e salute.

Plumcake rustico ai mandarini 2 blog

Plumcake rustico ai mandarini blog

Con questa ricetta partecipo al contest “È senza? È buono!” di Andante con Gusto e Cose dell’Altro Pane

Contest

.. e al 100% Gluten free (fri)day!

100GlutenFreeFriDay1

Crostata di grano saraceno con marmellata di lamponi

Qualche tempo fa mi è arrivata in regalo una fantastica confezione di farina di grano saraceno, e stavo attendendo l’ispirazione per un fare dolce particolare, che ne esaltasse il sapore deciso, appena appena amarognolo, e la sua genuinità. Avevo in mente dei biscotti (che comunque non escludo di proporvi in futuro, visto che di farina me ne è avanzata), ma poi ho pensato ad un dolce veramente genuino, semplice e iper-adattabile, e ho così deciso di fare una crostata.

E, per sposarsi al meglio con il sentore forte del grano saraceno e con la dolcezza intrinseca della frolla, ho scelto una marmellata che fosse dolce, ma non troppo, con un retrogusto appena appena asprigno, che ha creato un connubio secondo me perfetto: ho scelto, infatti, una marmellata di lamponi del Trentino Alto Adige (marca Terre d’Italia), dolce al punto giusto e con l’accento aspro che cercavo.

Ne è risultato un dolce semplice, gustoso, per niente stucchevole, perfetto per la colazione, a fine pasto o per l’ora del the.

Sperando che siate conquistati anche voi da questo felice (a mio avviso) accostamento, vi lascio alla ricetta!

Crostatine 2 blog