I canederli in Langa per l’ #MTC44

Un mese di distanza dall’ultimo MTC, e si riparte più carichi che mai..

Abbiamo lasciato novembre con i muffins (i miei, questi e questi) e ritorniamo a bomba con i canederli ampezzani di Monica, che devo dire sulle prime mi hanno dato del filo da torcere, per un semplicissimo motivo: non ho (almeno a mia memoria) mai assaggiato, figurarsi preparato, dei canederli.

Così il mio dilemma era quello di azzeccare delle componenti del ripieno che fossero in pieno equilibrio e s armonizzassero, non solo fra loro, ma anche con il condimento. E, dopo pensieri e ripensamenti, ho pensato di portare i canederli a fare una gita in Langa, utilizzando prodotti tipici di quel territorio. Così, dentro i miei canederli ci sono il salame cotto, un prodotto tipicissimo del Piemonte, e l’immancabile toma, e ho deciso di servirli su un letto di crema di lenticchie (anche quelle di Langa, rossastre e piccoline).

E sapete qual è l’ironia della sorte? Che al primo assaggio di questi canederli, che per inciso sono favolosi (tanto che li ho rifatti due volte in due giorni), mi hanno ricordato.. il babà rustico campano. Ma sapete che c’è? Io il babà rustico lo amo e lo adoro, quindi ne sono pure contenta!

Canederli

Canederli finale

Con questa ricetta partecipo al MTC n. 44

banner

MTC reloaded: zuppa di lenticchie e castagne

Eh già, questa volta faccio il bis.. di cosa? Di castagne, e di MTC! E ringraziate che in questo periodo sono un filino oberata di lavoro/i, altrimenti vi avrei deliziato con altre due ricette (due e mezza, via), ma ve le beccherete fuori concorso (ma in tempo per Natale, mi auguro).

Questo piatto è nato per caso, discutendo di questo MTC con una collega, che mi ha parlato di una zuppa siciliana di lenticchie e castagne. Sull’onda di questa suggestione, l’ho reinterpretata a modo mio, arricchendo semplicemente la mia “solita” zuppa di lenticchie (che a casa mia è un must della stagione) con le castagne secche, togliendo invece il rosso del pomodoro (che di solito, invece, c’è).

Il risultato è una zuppa molto semplice, ma estremamente confortante, in cui le lenticchie si sposano alla perfezione con la dolcezza e il sentore lievemente affumicato delle castagne secche.

Una zuppa che sa di autunno.

Zuppa di lenticchie e castagne blog

Con questa ricetta partecipo all’MTC di novembre.

MTC