Ricordi mantovani: i tortelli di zucca

Ve l’ho già detto la scorsa volta che io per la zucca ho un debole.. e uno mica da poco, aggiungerei.

E se il passato di zucca è il mio tallone d’Achille (chi di voi crede che ne abbia uno solo alzi la mano… ecco, chi ha alzato la mano si sbaglia), forse al secondo posto della mia personale top 10 dei piatti a base di zucca che preferisco figurano i tortelli di zucca, con quel ripieno dal sentore di amaretto e mostarda che mi stupisce ogni volta e mi fa andare in sollucchero, conditi con burro e tanto, ma proprio tanto Parmigiano grattugiato: una libidine, non ho ulteriori definizioni.

Inoltre, per me tortello di zucca significa Mantova, e Mantova è una città che amo moltissimo, a misura d’uomo, dal fascino discreto e delicato, con i suoi ciottoli, le sue piazzette, i suoi palazzi, le sue memorie virgiliane e la sua cucina ricca e generosa.

A Mantova si legano poi ricordi di soggiorni trascorsi tra librerie e ristoranti, di persone (che magari a Mantova non ho mai incontrato, ma tant’é… il mio cervello fa le sue associazioni, quindi prendetevela con lui) che ora tendo a trascurare, ma che porto sempre nel cuore per ciò che mi hanno trasmesso, per la loro vicinanza, per i consigli, le risate e le mangiate. E a Mantova si legano anche altri ricordi, di persone perdute, che, grazie alla loro dipartita, mi hanno insegnato l’importanza sapersi rialzare, la grandezza e il potere del cambiamento. Così, a questi ricordi dal sapore dolce-amaro, quelli che in bocca lasciano un retrogusto sgradevole, si sostituiscono ricordi nuovi, dal sapore dolce ma capaci di stupire all’improvviso con qualcosa di inatteso e delizioso, un po’ come questi tortelli di zucca che ora per me sanno di tenerezza, di sorpresa, di felicità.

Continua a leggere Ricordi mantovani: i tortelli di zucca