Di vacanze e coniglio alla ligure

Come avevo promesso questo sarà un post sulle vacanze, ovviamente le mie. Quest’anno, nonostante i sempre troppo pochi giorni di pausa che ci possiamo permettere, siamo riusciti a fare una triplice vacanza, complice un colpetto di fortuna (aka il posticipo dell’inizio lavorativo). Non escludo di riuscire a fare una quarta mini-vacanzina da qualche amica, se la fortuna mi assisterà nuovamente, ma non voglio attirarmi cattivi numi, quindi non proseguirò oltre. Parliamo invece del passato, che così andiamo sul sicuro!

Le tanto attese vacanze sono cominciate con un week-end veronese: Verona ci ha accolto con un caldissimo sole, la sua pacata quiete e il suo italicissimo centro storico, da percorrere con calma, alla ricerca della sua storia o di un po’ d’ombra. Qui sotto potete vedere qualche scorcio caratteristico veronese: partendo da in alto a sinistra, in senso orario, vedete Ponte Pietra, la Torre dei Lombardi, una veduta dall’alto, l’Arena e una vista sull’Adige.

Come già vi dicevo nello scorso post, Verona è stata la nostra base operativa per un impegno a cui tenevo moltissimo: il concerto di Ben Harper al Castello Scaligero di Villafranca di Verona. È stato senza alcuna ombra di dubbio il concerto più bello, suggestivo, toccante ed incredibile al quale io abbia mai assistito (in cuor mio ho già deciso che ci saranno altri concerti di Ben nel mio futuro, e che gli cucinerò qualcosa da lanciargli sul palco… dopo DUE ORE E MEZZA di concerto uno avrà pur il diritto a riprendersi da un giustificato calo di zuccheri?!), e al solo pensiero ho davvero ancora la pelle d’oca: trovate qui la sua esecuzione (proprio quella a cui ho assistito) di Where could I go? cantata in parte senza amplificazione… senza parole, eh?! Qui sotto, invece, potete vedere qualche foto scattata al concerto, insieme ad un’immagine del Castello Scaligero e di una dei fantastici poliziotti a cavallo incontrati per le strade di Verona… e se vanno al galoppo, sono guai!

Poi, dopo un brevissimo ritorno torinese (una giornata appena, per un compleanno e per qualche commissione, valigie comprese), ci siamo messi in viaggio per Berlino: auto, metro, treno, bus, aereo, metro e siamo arrivati… pare una transoceanica, e invece siamo rimasti in Europa: magie delle compagnie low cost!

Ma per Berlino valeva la pena anche di aggiungere un tratto in nave al nostro già travagliato viaggio: è bellissima, ricca e vibrante di storia recentissima, piena di vita, pulsante di modernità, un tripudio di vetro e acciaio che abbaglia alla luce di agosto.

Qui sotto potete vedere alcuni degli scorci e dei monumenti che più mi hanno colpito. Partendo da in alto a sinistra, in senso orario, potete vedere: l’ “imbuto” della cupola del Reichstag, il Reichstag, l’orologio universale di Alexander Platz, la copertura del Sony Center, Postdamer Platz (quella che più si è conquistata un posto nel mio cuore) di sera, una veduta argentea della Sprea dalla torre della tv, le porte di Brandeburgo, le stele del Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa e Postdamer Platz di giorno.

Quando parlavo di storia recente che ancora si respira a Berlino mi riferivo, ovviamente, al Muro. Qui sotto vi lascio alcune immagini per me significative del Muro e di ciò che ad esso è legato. Partendo da in alto a sinistra, in senso orario vedete: una delle opere più famose della East Side Gallery raffigurante una Trabant che sfonda il Muro (una galleria d’arte a cielo aperto, costituita solo da murales eseguiti sull’ex muro di Berlino); il “Curriculum vitae” del muro, con il numero delle persone che hanno perso la vita nel tentativo di passare da una parte all’altra del Muro suddivise anno per anno (in totale sono state 136); il solco che delimita, nella normale pavimentazione stradale, il tracciato del muro; il Muro in Postdamer Platz (no, non è alto come i palazzi… è solo un effetto ottico dato dallo scatto dal basso); il cartello che segnalava l’uscita dal settore americano di Berlino (foto scattata al museo del Checkpoint Charlie); un’opera della East Side Gallery; una Trabant; un’altra bellissima opera della East Side Gallery, quasi al tramonto.

E non poteva ovviamente mancare una, se pur piccola, parentesi culinaria. A Berlino si può trovare veramente qualsiasi cosa da mangiare, di qualsiasi nazionalità ed origine, mentre il vero ed unico piatto tipico berlinese (gran parte della cucina che noi consideriamo genericamente “tedesca” è in realtà originaria della Baviera) è il currywurst, un wurstel aromatizzato al curry (non tutti sono già aromatizzati, ma alcuni sono giallognoli per questo motivo) servito con una salsa simile al ketchup e aromatizzata al curry, con una generosa spolverata di curry in cima. Se vi state chiedendo come faccia il curry ad essere tipico berlinese, non lo chiedete a me, perché non lo so… ma mi adeguo assaggiando tutto, e non era affatto male! Ovviamente potete trovare in ogni dove degli ottimi bretzel (il mio motto era “almeno un bretzel al giorno”), litri e litri di Pils (le Weiss è meglio farle fare ai bavaresi), e potrete mangiare i migliori kebap e falafel della vostra vita (grazie alla fortissima comunità turca di Berlino), o almeno per me è stato così. Poi, come ripeto, Berlino è città cosmopolita, quindi non faticherete a trovare noodles, sushi, pasta (anche se quelle che ho visto erano un po’ inquietanti), pizza (incredibilmente di aspetto decente.. sul gusto non mi pronuncio, perché è un mio imperativo quello di non mangiare cibo italiano all’estero, perché preferisco assaggiare il cibo locale), pita, fajitas o quel che di più strambo vi salti in mente.

Qui sotto vedete una carrellata di ciò che ho visto, ma soprattutto mangiato (ovviamente non comprende tutto ciò che ho ingurgitato, ma ne dà un “assaggio”); dall’altro a sinistra, in senso orario, vedete: apfelstrudel con salsa alla vaniglia, la cioccolateria Fassbender & Raush in Gendarmenmarkt, due birre Erdinger (ormai mezze scolate), l’imbracatura con cui baldi giovani cuociono Rostbratwurst per strada, Salzkartoffeln (cioè patate bollite) con formaggio fresco, panna acida ed erba cipollina, una donut (moooolto americana, ma anche a Berlino impazzano), il famoso currywurst e l’uomo che trasporta i bretzel.

Detto ciò, passiamo all’ultimo stralcio delle mie vacanze: 5 giorni trascorsi nel relax totale ad Albenga, una piccola e bellissima cittadina del Ponente ligure. Dal momento che qui non ho scattato alcuna foto, impegnata com’ero a stramazzare in spiaggia, a leggere libri gialli e a strafogarmi di focaccia e altre prelibatezze, vi lascio con qualcosa di meglio di una semplice foto (nonostante Albenga meriti tutte le foto del mondo): una ricettina ligure che ho preparato qualche tempo fa, il coniglio alla ligure.

Coniglio alla ligure

Di Pubblicata:

  • Resa: 2 Persone servite
  • Cottura: 30 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Mettete in una padella un filo di olio extra-vergine d'oliva e, quando sarà caldo, fatevi rosolare lo spicchio d'aglio e la cipolla finemente tritata finché quest'ultima non sarà appassita.
  2. Mettete ora le spallette di coniglio e fatele rosolare, finché prenderanno colore; aggiustate di sale e aggiungete l'alloro, il timo e il rosmarino.
  3. Sfumate con un bicchiere di vino rosso e, quando sarà evaporato, aggiungete le olive taggiasche e i pinoli. Mettete il coperchio e portate il coniglio a cottura (le carni dovranno essere morbide e staccarsi con facilità dall'osso), controllando di quando in quando: se vedete che il coniglio è troppo secco, aggiungete dell'acqua o del brodo di carne.
  4. Per le spallette ci vorranno circa 20 minuti di cottura, se decidete di mettere altri pezzi più carnosi sarà necessario un tempo maggiore. Servite il coniglio ben caldo, condito con il sughetto di cottura.
  5. Io ho accompagnato le spallette di coniglio alla ligure con delle patatine novelle: le ho lavate, tagliate a metà (o in 3 parti per quelle più grosse) e fatte saltare in padella con olio extra-vergine d'oliva, aglio, sale e rosmarino, per poi finirle con un breve passaggio in forno.

59 pensieri su “Di vacanze e coniglio alla ligure

  1. Questa volta il commento te lo lascio in italiano! 😉
    BEATA TE!!! Mi hai fatto tornare indietro di 20 anni (OOOOOHHHH NOOOOOO)… certo e’ una Berlino diversissima dal 1991, quando il muro c’era ancora quasi tutto (ne ho un paio di pezzi proprio nella vetrina davanti a me) e Berlino est era ancora un po’ spenta (ma bellissima). Si vedeva bene la differenza tra i “due mondi”.

    E’ anche il posto dove ho visto mangiare spaghetti con burro e zucchero… non aggiungo altro! hehehehe Ma a me la cucina tedesca piace molto! 🙂

    Il coniglio poi e’ una meraviglia… e’ un po’ che non lo faccio! Sara’ ora di rimediare! 🙂

    Welcome back!

    1. Eh, immagino bene la differenza fra la Berlino di allora e quella di oggi.. adesso la differenza fra le due ex parti non si nota troppo, se non in qualche particolare o per la presenza di tipici casoni sovietici.
      Azzo, gli spaghetti con burro e zucchero sono davvero qualcosa di… originale O___O
      Anche a me la cucina tedesca non dispiace, quella fatta di carne, zuppe, patate, wurstel, spatzl, bretzel, knodel ecc… un po’ meno quella con burro e zucchero 😉
      Io adoro il coniglio fatto in questo modo… trovo che la carne del coniglio, di per sé non troppo saporita, venga esaltata dalle taggiasche e dai pinoli! Amo anche molto il coniglio al sivet, però! 🙂

  2. concordo con Manu su Belino 20 anni fa! :O eccome se lo ricordo il muro quasi tutto su! e le differenze che si andavano appianando di anno in anno 😉
    ora sono 6 anni che non vado, ma posso solo immaginare….ho sempre amato quella citta’ 🙂 e andarci per lavoro spessissimo e’ stato davvero un privilegio!

    maaaaa….quel coniglio???? *yum yum yum* copio subito, che per me il coniglio, piatto nazionale del mio paese (Malta) DEVE essere in bianco, senza pomodoro e qui un’ ottima ricetta anche facilina 😉

    pero’ lo faccio tutto, che siamo si’ in due, ma il giorno dopo e’ ancora piu’ buono 😀 ah sempre e immancabilmente io ci metto fegato cuore e rognoni, se qualcuno li schifa, meglio che li mangio io 😉 ma danno un saporino in piu’ davvero da non perdere (se fai un po’ di sugo in piu’ e magari ci vuoi condire le pappardelle……il fegato si puo’ spappolare nel sugo una volta cotto, cosi’ insaposrisce ma non finisce solo nel piatto di un fortunato ^__^ )

    splendide vacanze, speriamo vada in porto anche la quarta gita 😀

    1. Mi sarebbe piaciuto vedere la Berlino di 20 anni fa, ma ricordo solo da piccina di aver visto la caduta in tv (io e mio cugino eravamo davanti alla tv a vedere i cartoni -era il giorno del suo compleanno- e ricordo l’edizione straordinaria del TG)… poi il resto l’ho imparato più in là. Ma anche solo vedere la East Side Gallery è stata un’esperienza molto toccante.
      Il coniglio alla ligure è divino… e la ricetta, se utilizzi tutto il coniglio, prevede proprio di mettere anche cuore, fegato e rognoni per dare un sapore in più! Quando lo farò intero li metterò di certo, visto che adoro queste particine un po’ “sfigate” degli animali, ancor più per condire le pappardelle.
      Uno dei piatti tipici piemontesi sono proprio i tajarin conditi coi fegatini… e non ti dico cosa sarei capace di fare davanti al paté di fegatini toscano! 🙂
      Spero anche io che vada in porto anche la quarta gita, ma chissà… 🙂

    1. Ti ho contattato in privato, ma grazie mille per avermi segnalato il problema, che ora pare risolto.
      Grazie! 🙂

  3. Link exchange is nothing else however it is just placing the other person’s web site link on your page at appropriate place and other person will also do same for you.|

  4. Hi! This is my 1st comment here so I just wanted to give a quick shout out and tell you I really enjoy reading your articles. Can you suggest any other blogs/websites/forums that deal with the same topics? Many thanks!|

  5. Superb blog you have here but I was curious if you knew of any discussion boards that cover the same topics talked about here? I’d really like to be a part of group where I can get responses from other experienced individuals that share the same interest. If you have any recommendations, please let me know. Many thanks!|

  6. Does your blog have a contact page? I’m having a tough time locating it but, I’d like to send you an e-mail. I’ve got some creative ideas for your blog you might be interested in hearing. Either way, great website and I look forward to seeing it develop over time.|

  7. Today, while I was at work, my cousin stole my iphone and tested to see if it can survive a forty foot drop, just so she can be a youtube sensation. My apple ipad is now destroyed and she has 83 views. I know this is entirely off topic but I had to share it with someone!|

  8. I believe everything published made a great deal of sense. However, think on this, what if you were to write a killer headline? I mean, I don’t want to tell you how to run your website, but suppose you added a post title to maybe get people’s attention? I mean BLOG_TITLE is a little boring. You might glance at Yahoo’s front page and note how they write news headlines to grab viewers to click. You might try adding a video or a pic or two to grab people interested about everything’ve written. Just my opinion, it would make your posts a little livelier.|

  9. I know this if off topic but I’m looking into starting my own weblog and was curious what all is needed to get setup? I’m assuming having a blog like yours would cost a pretty penny? I’m not very internet savvy so I’m not 100 sure. Any recommendations or advice would be greatly appreciated. Many thanks|

  10. Great post. I used to be checking continuously this blog and I am inspired! Very useful information specially the final section 🙂 I care for such info a lot. I was looking for this certain information for a long time. Thank you and best of luck. |

  11. When I originally left a comment I appear to have clicked on the -Notify me when new comments are added- checkbox and now each time a comment is added I receive four emails with the same comment. Is there an easy method you can remove me from that service? Thanks a lot!|

  12. Hello, this weekend is pleasant for me, since this point in time i am reading this wonderful informative article here at my residence.|

  13. I all the time used to study article in news papers but now as I am a user of web so from now I am using net for articles, thanks to web.|

  14. I do not even know how I ended up here, however I assumed this put up was once good. I do not recognise who you’re however certainly you’re going to a well-known blogger for those who aren’t already. Cheers!|

  15. Does your site have a contact page? I’m having trouble locating it but, I’d like to shoot you an email. I’ve got some ideas for your blog you might be interested in hearing. Either way, great site and I look forward to seeing it grow over time.|

  16. I’m not sure exactly why but this site is loading very slow for me. Is anyone else having this problem or is it a problem on my end? I’ll check back later and see if the problem still exists.|

  17. I believe this is among the such a lot vital information for me. And i am satisfied studying your article. However should remark on few basic issues, The site taste is great, the articles is in reality nice : D. Excellent process, cheers|

  18. My developer is trying to convince me to move to .net from PHP. I have always disliked the idea because of the expenses. But he’s tryiong none the less. I’ve been using WordPress on various websites for about a year and am worried about switching to another platform. I have heard great things about blogengine.net. Is there a way I can import all my wordpress posts into it? Any kind of help would be greatly appreciated!|

  19. I like the valuable information you provide in your articles. I will bookmark your weblog and check again here regularly. I’m quite certain I’ll learn plenty of new stuff right here! Best of luck for the next!|

  20. I like the valuable info you provide in your articles. I will bookmark your weblog and check again here frequently. I am quite certain I’ll learn many new stuff right here! Best of luck for the next!|

  21. Does your site have a contact page? I’m having trouble locating it but, I’d like to shoot you an email. I’ve got some ideas for your blog you might be interested in hearing. Either way, great blog and I look forward to seeing it improve over time.|

  22. I simply want to say I am beginner to blogs and seriously enjoyed you’re website. Almost certainly I’m likely to bookmark your site . You definitely have outstanding writings. Thanks a bunch for sharing your blog site.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook