Casunziei di patate allo speck e formaggio #asprecozero: il recupero in cucina e del passato

Forse lo avrete letto nella mia bio o magari lo avrete capito leggendo i miei post che una delle mie più grandi passioni è la storia, e ammetto senza riserve che le guerre rappresentano per me una sorta di magnete: impossibile non lasciarmi catturare dal racconto di questi eventi, altrettanto impossibile non pormi domande sulla effettiva necessità per l’uomo di ricorrere ad infiniti conflitti armati, non imparando mai la lezione che la Storia ci presenta. Cambiano i luoghi, cambiano le epoche, eppure non mutano la violenza, la disperazione, la fame e le vite spezzate dalla furia della guerra.

Se parliamo di Grande Guerra, poi, i morti ci paiono ancor più numerosi, la carestia più grave, lo sconforto maggiore, forse perché la tragedia ci ha toccato da vicino, nelle nostre terre, nelle nostre case. Come lo zio di mia nonna, Domenico, classe 1890, strappato alla vita nei primi 15 giorni di una Guerra che cambiò per sempre il volto d’Europa; di lui rimane una foto sgualcita in una vecchia cornice di legno, l’immagine di un ventenne dai baffi folti e lo sguardo serio (quello al centro, nella foto qui sotto). Morto a Monte Nero (ora Monte Slemen, Slovenia), non esiste una tomba, ma fu sepolto da ignoto insieme a tanti, troppi altri giovani uomini.

Che mio padre, poi, sia l’esatta copia di questo lontano zio che nessuno ha mai conosciuto è solo uno scherzo del destino, o forse la prova tangibile che la Storia si ripete, anche nelle piccole cose.
11823767_10206084927014753_99042788_n

Un po’ per questo amore per la storia e un po’ per questo piccolo stralcio di storia famigliare, quando l’AIFB mi ha dato l’opportunità di partecipare ad un momento di riflessione importante come quello che ha avuto luogo a Cortina d’Ampezzo in questi ultimi giorni, non ho potuto che sentirmi onorata. Qui vi avevo parlato della mia partecipazione attiva ai fornelli per un cooking show ed una degustazione “A spreco zero”, ma la riflessione sul recupero ed il riutilizzo del cibo era legata ad un discorso più ampio, stimolato dalla memoria della Grande Guerra, che trova nelle zone circostanti Cortina un vero e proprio museo a cielo aperto.

Primo appuntamento di questa interessante due giorni di eventi è stata la “Cena di note” all’Hotel Cristallo di Cortina, che ha efficacemente unito alle suggestioni del concerto della mezzosoprano Silvia Ragazzo, che ha cantato di amore e di guerra in un percorso musicale da Dvorak a Brahms, da Mahler a Respighi, il menù ispirato alla Grande Guerra elaborato dall’Accademia Italiana della Cucina e realizzato dall’executive chef del Cristallo, Stefano Tabacchi.

È inevitabile, pensando alla Grande Guerra, immaginare la fame che essa portò con sé, le difficoltà di mettere in tavola anche un solo pasto al giorno per la propria famiglia; così il secondo importantissimo momento di riflessione è stato dedicato ad una lezione che la Storia ci ha insegnato e che dovremmo applicare nel nostro quotidiano: la riduzione dello spreco, il recupero, la sostenibilità del nostro agire. Dopo un dibattito sul tema fra esponenti di governo, studiosi, rappresentanti del comune virtuoso di Cortina e la presidentessa dell’Associazione Italiana Food Blogger, ha avuto luogo un momento di incontro pratico, in cui alcuni soci AIFB hanno avuto modo di presentare ad un pubblico entusiasta ed interessato alcune ricette pensate e realizzate per utilizzare gli avanzi della “Cena di note” della sera precedente. Così, prima di degustare speck e formaggio in purezza e la panada preparata dalla presidentessa Anna Maria Pellegrino utilizzando il pane avanzato, Greta ha presentato “i Caniscioni di Gaeta incontrano le Dolomiti”, Cinzia il suo French Mais (riutilizzando la polenta avanzata) con chantilly di ricotta e frutti di bosco e io ho reinterpretato un piatto tipico della zona come i Casunziei utilizzando un ingrediente povero come le patate, arricchito solo dagli “scarti” dei prodotti tipici in degustazione.

Potete vedere altre immagini relativi a questi eventi sul mio profilo Instagram

La pasta ripiena che, come la intendiamo noi oggi, vide la luce e conobbe grande successo in epoca medievale insieme a piatti quali torte salate o pasticci, con cui condivideva un medesimo obiettivo, il recupero di ingredienti o preparazioni che non si volevano o potevano sprecare. Lo scopo è rimasto tale nel tempo, e anche in epoche ben più recenti la pasta fresca, che pur ha permesso interpretazioni e sperimentazioni raffinatissime, è sempre stata un mezzo perfetto per il riutilizzo degli avanzi; l’esempio più lampante è rappresentato dai ripieni a base di carne, ingrediente una volta prezioso, che da piatto delle grandi occasioni si trasformava in doppia festa, quando un arrosto, un brasato o un bollito diventava il ripieno della pasta fresca il giorno successivo.
Ma il ripieno di per sé è il perfetto veicolo del recupero di ingredienti, anche di quelli più poveri, di avanzo o di scarto. Per questo per il mio cooking show a tema “a spreco zero”, ho pensato ad un piatto di pasta fresca in cui il ripieno povero, composto principalmente di patate lesse (avanzo del menù della sera prima), fosse semplicemente arricchito da qualche ritaglio di speck ampezzano e qualche parte meno nobile di formaggi locali.

 

Casunziei prima della cottura

Casunziei di patate, speck e formaggio

Di Pubblicata:

  • Resa: 3-4 Persone servite
  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 5 minuti
  • Pronta In: 1 ora 5 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Lessate le patate con la buccia in acqua salata finché siano abbastanza morbide da essere trapassate dai rebbi di una forchetta. Scolatele, privatele della buccia mentre sono ancora calde, mettetele in una terrina e schiacciatele accuratamente con una forchetta. Lasciate raffreddare.
  2. Preparate la pasta all'uovo: mettete la farina a fontana, create un foro centrale e rompetevi le uova. Aggiungete il pizzico di sale ed impastate con forza fino ad ottenere un impasto liscio, che lascerete riposare almeno mezz'ora avvolto in pellicola per alimenti.
  3. Nel frattempo tritate molto finemente al coltello (o con un mixer, se preferite) i ritagli di speck e il formaggio e aggiungeteli alle patate schiacciate. Aggiungete un pizzico di noce moscata, pepe nero a piacere e, dopo aver assaggiato, se necessario aggiustate di sale.
  4. Stendete la pasta molto sottile (se usate la macchina per la pasta, fino all'ultima tacca) su un piano leggermente infarinato, quindi tagliate dei cerchi di 8/10 cm, sistemate abbondante ripieno al centro e richiudete la pasta formando dei piccoli "calzoni" (oppure date alla pasta la forma che preferite, di raviolo o tortello, purché di grosse dimensioni).
  5. Portate a bollore abbondante acqua salata, quindi buttate i casunziei, coprite per far tornare il bollore, scolateli appena vengono a galla e spadellateli con burro. Sistemateli nel piatto e guarnite (se gradite) con abbondante formaggio grattugiato.

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Casunziei finale

64 pensieri su “Casunziei di patate allo speck e formaggio #asprecozero: il recupero in cucina e del passato

  1. I just want to say I am just new to weblog and certainly enjoyed you’re web-site. More than likely I’m likely to bookmark your blog post . You certainly come with superb writings. Kudos for sharing with us your web page.

  2. I discovered your website internet site online and appearance a couple of your early posts. Always maintain inside the top notch operate. I additional your Rss to my MSN News Reader. Seeking toward reading much more on your part down the road!…

  3. I’m the co-founder of JustCBD brand (justcbdstore.com) and am looking to broaden my wholesale side of business. I really hope that anybody at targetdomain give me some advice 🙂 I considered that the very best way to do this would be to talk to vape shops and cbd retailers. I was hoping if someone could recommend a dependable website where I can purchase Vape Shop B2B Business Data List I am already taking a look at creativebeartech.com, theeliquidboutique.co.uk and wowitloveithaveit.com. On the fence which one would be the very best solution and would appreciate any support on this. Or would it be easier for me to scrape my own leads? Ideas?

  4. May I simply say what a relief to discover somebody who genuinely knows what they are discussing on the internet. You actually know how to bring an issue to light and make it important. More and more people must read this and understand this side of your story. I was surprised that you are not more popular because you definitely have the gift.

  5. I’m amazed, I must say. Seldom do I come across a blog that’s both educative and amusing, and let me tell you, you’ve hit the nail on the head. The issue is an issue that too few folks are speaking intelligently about. Now i’m very happy that I stumbled across this in my search for something relating to this.

  6. Spot on with this write-up, I honestly feel this web site needs a great deal more attention. I’ll probably be returning to see more, thanks for the advice!

  7. Hello there! I just want to give you a big thumbs up for the excellent information you have got right here on this post. I will be returning to your website for more soon.

  8. Hi there, There’s no doubt that your website could be having internet browser compatibility problems. Whenever I look at your site in Safari, it looks fine however when opening in Internet Explorer, it has some overlapping issues. I simply wanted to provide you with a quick heads up! Apart from that, fantastic site!

  9. I’m impressed, I must say. Seldom do I come across a blog that’s equally educative and engaging, and without a doubt, you’ve hit the nail on the head. The problem is an issue that not enough folks are speaking intelligently about. Now i’m very happy I found this during my hunt for something concerning this.

  10. Make sure that you delete conversations that you are not using in the message’s screen. This is very important because as time goes on, your conversation history will become longer and longer, reducing the amount of space on your phone. You can do this by going to your message’s section and deleting full conversations or part of them with the edit function.

  11. By developing strong leg muscles, you will not only be able to shoot harder, but you will also be able to protect yourself from many of the common soccer injuries such as a torn hamstring or torn achilles.

  12. มีความซาบซึ้งในสุนทรียรสของศิลปะและดนตรี มีความภาคภูมิใจในความเป็นคนไทยและวัฒนธรรมไทย มีความสำนึกในการทำตนให้เป็นประโยชน์ต่อสังคม และที่สำคัญสามารถดำรงตนอยู่ในสังคมได้อย่างมีความสุขและความสำเร็จ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook