Un classico di casa – La panissa vercellese

Il risotto più famoso del Piemonte è indubbiamente la panissapaniscia, che esiste in due fondamentali versioni, che differiscono fra loro per localizzazione geografica, ingredienti utilizzati e, aspetto forse più evidente, per denominazione: la paniscia è novarese, mentre la panissa è vercellese.

 Che sia chiaro, i due piatti si somigliano assai, dal momento che gli elementi essenziali ed irrinunciabili rimangono gli stessi: il riso, i fagioli e il salam d’la duja, un salame a grana piuttosto grossa e a pasta morbida (molto simile nell’aspetto al cotechino) che prende il suo nome dal contenitore in terracotta in cui veniva fatto maturare, rigorosamente sotto strutto (una tecnica di conservazione utilizzata in passato nelle zone più umide del Piemonte, dove il clima non permetteva la stagionatura tradizionale dei salumi all’aria).

Le somiglianze ci sono, abbiamo detto, ma altrettante (se non di più) sono le differenze fra questi due piatti tradizionali. Nella paniscia novarese, infatti, si utilizzano i fagioli borlotti, il riso è di qualità Arborio, Carnaroli o Roma, oltre al salam d’la duja si trovano anche le cotiche di maiale e sono inoltre presenti ortaggi come sedano, carota e cavolo verza. La panissa vercellese prevede l’utilizzo di riso Arborio, Baldo o Maratelli, di fagioli di Saluggia, ma la lista degli ingredienti si ferma poco oltre.

 Chiaramente ogni famiglia ha la sua versione, con differenze più o meno marcate rispetto a questa semplicistica suddivisione che ho appena tracciato, ma che mi era utile per delineare i contorni della mia ricetta della panissa vercellese, davanti a cui non posso che stendere due mani belle aperte.

 Prima. Nulla di me è vercellese (almeno che io sappia), quindi non pretendo di dettare la verità sulla panissa, né posso dire che questa sia una ricetta tradizionale tout court, tramandata cioè di nonna in nipote nei secoli dei secoli amen, anche se pare che la ricetta sia già testimoniata (ed in un pranzo di nozze, mica cose da nulla) nel ‘700, e quindi i tempi tecnici ci sarebbero anche. Ma è davvero una ricetta di famiglia, perché era l’unico piatto che mio nonno materno abbia mai preparato (almeno a mia memoria), rigorosamente una volta l’anno, e perché mia zia ha proseguito la sua tradizione, utilizzando la propria ricetta che, oltre ad essere molto fedele a quella originale, è semplicemente divina, e anch’essa viene (quasi) rigorosamente proposta in famiglia una volta l’anno, d’autunno o d’inverno (ma questo va da sé, visto il piatto). Personalmente, invece, mi arrogo il diritto di dire la mia su questo piatto dopo aver contribuito a prepararne 17 kg (e mi riferisco solo alla quantità di riso) per il cinquantenario della sezione degli alpini dello zio, e credo che questo in materia valga ben più del diploma al Cordon Bleu.

Tutto il merito della ricetta, quindi, va alla zia Daniela, che per la prima volta ha tentato (sotto mia costrizione) di dare delle dosi, seppur indicative, alla preparazione. Si sa, la tradizione va di pari passo con la misurazione ad occhio, ma qui si è fatto uno sforzo di traduzione, e non ce ne vogliate se non sarà preciso al grammo.

 Seconda. Io ve lo dico, pentole in acciaio e fornello possono darvi un buon risultato, ma la ricetta urla pentola di coccio a gran voce, e il piatto che otterrete sarà ben diverso. Se poi invece del fornello avete un putagé (la classica stufa a legna, che in Piemonte prende questo nome), preparate i fazzoletti, perché come direbbe mia mamma, la panissa in questo caso “fa piangere”.

 Panissa collage

La panissa vercellese

Di Pubblicata:

  • Resa: 4 Persone servite
  • Preparazione: 60 minuti
  • Cottura: 30 minuti
  • Pronta In: 1 ora 30 minuti

Ingredienti

Istruzioni

  1. Per prima cosa preparate il brodo, facendo bollire a lungo i fagioli di Saluggia insieme alla cipolla, all'alloro e al piutin precedentemente sbollentato (altrimenti rilascerebbe troppo grasso nel vostro brodo). Dal momento che il piutin (ma anche il cotechino) è assai saporito, io vi consiglio di assaggiare il brodo prima di aggiungere il sale.
  2. Preparate un battuto di lardo, che farete soffriggere insieme alla cipolla tritata e al salam d'la duja (o salame morbido, o cotechino) tritato, fino a doratura. Aggiungete quindi due cucchiai di salsa di pomodoro.
  3. Unite ora il riso e fatelo tostare per qualche minuto, quindi aggiungete via via il brodo di fagioli, come fareste per un normale risotto, mescolando frequentemente.
  4. Durante la cottura abbiate cura di aggiungere non più della metà dei fagioli contenuti nel vostro brodo, poiché tenderanno a sfaldarsi, mentre a voi servirà una parte degli stessi da aggiungere intera a fine cottura.
  5. A fine cottura, mantecate con un bicchiere di vino rosso corposo e aggiungete i restanti fagioli del brodo, che così daranno colore e sostanza al vostro piatto finito. Assaggiate e quindi aggiustate di sale e di pepe.
  6. Ça va sans dire, ma guai a chi mangia la panissa bevendo acqua. Il vino è d'obbligo, di rigore rosso, e pure corposo, ché la struttura del piatto lo chiama a gran voce.

DOWNLOAD THE ENGLISH RECIPE (PDF) BY CLICKING HERE

Panissa finale

 

57 pensieri su “Un classico di casa – La panissa vercellese

  1. Giulia che ricordi e che golosità assoluta questa panissa… Lo sai vero che mio marito è piemontese? Lui è fagioli + cipolla dipendente 😀 un motivo ci sarà… cresciuto con questo delizie…. mi appunto la tua ricetta doc e appena possibile la replico… gli faccio una sorpresa 😀

  2. Ussignùr! L’altro giorno ho ritirato in macelleria quattro piedini di maiale per il sarto… Per rimanere in tema MTC… Parlando di cose serie: io conoscevo la panissa con ricetta novarese, figuriamoci! Già mangiata e amata ma mai provata, s’ha da fare! 🙂

  3. E’ una ricetta gustosissima, un piatto unico che ti porta in paradiso per la sua bontà: adoro fagioli e cipolle, specie quelle rosse di Tropea!!

  4. Ed io che di questo risotto non ne ho mai sentito parlare?!?! Proprio io che di riso vado matta… male, molto male!
    Lo immagino un piatto perfetto per gli inverni canadesi, quando fa talmente freddo che vorresti anche tu essere messo sotto strutto insieme al salame!!! Viste le scarse possibilità che ho di trovare questo salame qui a Montreal, cosa mi consigli come sostituto???
    p.s il bara birth l’ho fatto (con un po’ di cioccolato), peccato solo che non avevo avvertito mio marito di non toccarlo… sono tornata a casa ne aveva mangiata più della metà!!! Ma ci é piaciuto così tanto che credo replicherò molto presto!

  5. I am curious to find out what blog system you have been working with? I’m having some minor security issues with my latest site and I would like to find something more secure. Do you have any recommendations?|

  6. At this time it looks like WordPress is the preferred blogging platform available right now. (from what I’ve read) Is that what you’re using on your blog?|

  7. Thanks for ones marvelous posting! I definitely enjoyed reading it, you could be a great author. I will be sure to bookmark your blog and will eventually come back someday. I want to encourage one to continue your great posts, have a nice holiday weekend!|

  8. First of all I would like to say fantastic blog! I had a quick question which I’d like to ask if you do not mind. I was curious to know how you center yourself and clear your thoughts before writing. I’ve had trouble clearing my mind in getting my ideas out. I truly do take pleasure in writing but it just seems like the first 10 to 15 minutes tend to be lost simply just trying to figure out how to begin. Any recommendations or tips? Many thanks!|

  9. obviously like your web-site however you need to test the spelling on quite a few of your posts. A number of them are rife with spelling problems and I in finding it very troublesome to tell the reality then again I’ll surely come back again.|

  10. Magnificent beat ! I wish to apprentice even as you amend your web site, how can i subscribe for a weblog website? The account helped me a appropriate deal. I were a little bit familiar of this your broadcast offered brilliant transparent idea|

  11. I’ll right away grab your rss feed as I can’t in finding your e-mail subscription hyperlink or e-newsletter service. Do you’ve any? Kindly let me recognize so that I may just subscribe. Thanks.|

  12. I love your blog.. very nice colors & theme. Did you create this website yourself or did you hire someone to do it for you? Plz respond as I’m looking to construct my own blog and would like to find out where u got this from. thank you|

  13. Wow, marvelous weblog structure! How lengthy have you ever been running a blog for? you made running a blog look easy. The whole look of your web site is excellent, let alone the content material!

  14. Good way of explaining, and pleasant post to get information regarding my presentation subject matter, which i am going to present in school.|

  15. I was suggested this web site through my cousin. I’m no longer certain whether or not this publish is written by way of him as no one else realize such exact about my difficulty. You are incredible! Thanks!|

  16. Heya i am for the first time here. I came across this board and I in finding It really useful & it helped me out much. I hope to provide one thing back and aid others like you helped me.|

  17. Pretty nice post. I just stumbled upon your weblog and wished to say that I’ve truly enjoyed browsing your blog posts. After all I will be subscribing to your rss feed and I hope you write again soon!|

  18. An outstanding share! I’ve just forwarded this onto a colleague who has been doing a little homework on this. And he actually bought me breakfast because I found it for him… lol. So let me reword this…. Thanks for the meal!! But yeah, thanx for spending the time to discuss this issue here on your site.|

  19. Hi there, You’ve done an incredible job. I’ll definitely digg it and in my opinion recommend to my friends. I am sure they will be benefited from this site.|

  20. What’s up all, here every one is sharing these know-how, therefore it’s fastidious to read this blog, and I used to pay a quick visit this web site daily.|

  21. Hi, I do believe this is a great blog. I stumbledupon it 😉 I will come back yet again since i have bookmarked it. Money and freedom is the best way to change, may you be rich and continue to guide others.|

  22. Asking questions are truly pleasant thing if you are not understanding anything fully, but this piece of writing presents good understanding even.|

  23. Pretty nice post. I just stumbled upon your blog and wanted to say that I’ve really enjoyed surfing around your blog posts. In any case I will be subscribing to your rss feed and I hope you write again soon!|

  24. Pretty section of content. I just stumbled upon your site and in accession capital to assert that I get actually enjoyed account your blog posts. Anyway I’ll be subscribing to your feeds and even I achievement you access consistently quickly.|

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook