Panettone.. e Buon Natale

Cosa si può dire del Panettone, se non che è il dolce natalizio per eccellenza (non me ne vogliano i sostenitori del pandoro, ma come il panettone non ce n’è)?! Che il suo profumo secondo me potrebbe far resuscitare i morti? Che la sua morbidezza scioglierebbe anche i più duri di cuore?

No, preferisco dire che quest’anno ho voluto regalarmi questo esperimento… ripetuto due volte, per un primo esito “fallimentare” (una lievitazione errata e troppo lunga, che ha portato ad un panettone buonissimo, ma più secco del dovuto) ed un secondo tentativo  fenomenale, grazie anche a Morena di Menta e Cioccolato, mamma della ricetta, che mi ha spinto a non buttarmi giù e mi ha dato consigli utili per la riuscita.

Con questo Panettone (che si taglierà come per magia nel numero di fette esatto perché ce ne sia una a testa per tutti voi) vi auguro un felice e sereno Natale, circondati dagli affetti a gozzovigliare (come potrei non augurarvelo!). E che questo Natale vi porti tutto ciò che desiderate.

E, in ultimo, voglio ringraziare tutti voi, per la pazienza che dimostrate nel leggere i miei sproloqui, per l’affetto, l’attenzione e il supporto che avverto in ogni commento e in ogni e-mail. Grazie a tutti e, sinceramente, Buon Natale.

… non vi preoccupate, ora vi lascio anche la ricetta del Panettone!

Continua a leggere Panettone.. e Buon Natale

Gli Omini di pan di zenzero della Vigilia

Eccoci qui giunti all'amata o temuta Vigilia di Natale.. oggi è giornata di preparativi, per mettere a posto la casa, cucinare (io ho in programma il coniglio al civet e il pane per il pranzo di domani), impacchettare gli ultimi regali e, per quanto mi riguarda, confezionare i regalini mangerecci (così non perderanno, si spera, la loro fragranza). Lo so che ho lesinato in materia, non lasciandovi molte ricette a tema, ma non volevo che gli amici più cari vedessero on-line cosa avrebbero ricevuto come strenna natalizia, invece che avere la giusta e meritata sorpresa.

Ma oggi posso svelare almeno il primo mistero di Fatima, riguardante i dolcissimi e tenerissimi Omini di pan di zenzero (alias Gingerbread men), che tanto mi ricordano Zenzy di Shrek. Certo, non sono un dolcino della nostra tradizione, ma a me questi biscotti speziati piacciono da morire, e trovo che odorino di inverno, di calore casalingo, di Natale. Inoltre, una volta decorati (se pur molto semplicemente, nel mio caso) con la glassa, diventano davvero teneri e simpatici, che quasi manca loro solo la parola.

Continua a leggere Gli Omini di pan di zenzero della Vigilia

Come riciclare il Natale (prima che arrivi): semifreddo al torrone

È ormai metà dicembre… i più preparati di voi avranno già finito i regali di Natale e si beeranno di questa soddisfazione, altri saranno ancora là con le strenne da ideare, comprare ed impacchettare (che poi, come mai mancano sempre i regali fondamentali, quando si arriva in fondo alla lista?!) e poi alcuni si ridurranno alla Vigilia a comprare la prima cosa che capiti sotto mano per l’ansia di non farcela.

Ecco, io di solito rientro nella prima categoria, quella di persone che iniziano a pensare ai regali di Natale quando ancora si usano le infradito, e che spesso riescono a terminare tutto con un inquietante anticipo.. ma quest’anno sarà un Natale un po’ particolare per me, che comprenderà tanti regali home-made e un po’ più di calma.. che si trasformerà in panico quando mi accorgerò di aver dimenticato il regalo per la nonna a 10 minuti dal pranzo di Natale.

Ma, almeno in parte, non posso rinunciare al mio proverbiale tempismo e, anche se so che il Natale deve ancora arrivare, sono talmente avanti che oggi non vi propongo qualche regalino home-made e last-minute, bensì una ricetta per disfarvi degli avanzi natalizi di torrone. Insomma, oggi faccio un po’ la parte del Grinch che scaccia il pensiero del Natale, quasi come fosse già passato!

In realtà, non so a voi, ma a me il torrone proprio non piace granché… se è duro è troppo duro, se è molle si attacca ai denti (e gradirei non sentire un “That’s what she said” di mia conoscenza), e poi è troppo dolce. Insomma, non rientra certo fra i miei dolci preferiti, ma alla fine delle Feste qualche confezione di torrone superstite rimane sempre in casa…

E così, sia che il torrone non vi piaccia in modo particolare e che magari preferiate rifilarlo a qualche ospite, che vogliate preparare un dolce natalizio per le prossime feste (non mi sono dimenticata che il Natale in realtà deve ancora arrivare… e cosa fa più “Natale” del torrone.. forse solo il Panettone) o che vogliate conservare lo spirito del Natale nel freezer ancora per un po’, ecco una ricetta semplice, ma di sicuro effetto, che saprà accontentare tutte queste esigenze, e forse anche qualcuna in più.

Continua a leggere Come riciclare il Natale (prima che arrivi): semifreddo al torrone